partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 08:57

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


2012
Regia di Roland Emmerich
Cast: John Cusack, Chiwetel Ejiofor, Thandie Newton, Amanda Peet, Oliver Platt, Danny Glover, Johann Urb, Woody Harrelson, George Segal, Jimi Mistry; fantascienza/drammatico; U.S.A.; 2009; C.

 




                     di Paolo Boschi


Il Patriota
L'alba del giorno dopo - The day after tomorrow
2012


La distruzione del pianeta è un tema che deve stare molto a cuore a Roland Emmerich, dato che con 2012 si completa la trilogia costituita da Indipendence Day, dove la nostra razza rischiava l’estinzione a causa di un’invasione aliena, e da The Day After Tomorrow, in cui la Terra subiva una nuova improvvisa e letale glaciazione innescata dagli abusi ecologici perpetrati dall’umanità. Stavolta il regista tedesco prende le mosse dal nostro presente per condurci al 2012, una data storicamente inquietante, considerando che secondo una vecchia profezia Maya – peraltro condivisa da varie culture dell’antichità – è in quell’anno che il mondo arriverà alla sua fine. Secondo la consueta struttura corale e grazie ad una serie allucinante di effetti speciali altamente spettacolari – il budget, come da copione, ammonta alla faraonica cifra di duecento milioni di dollari –  nella sua ultima fatica Emmerich ci descrive un mondo impazzito dal punto di vista climatico, scosso da terremoti di inimmaginabile violenza e sconvolto da onde anomale in grado di spazzare via intere metropoli. Come accade in The Day After Tomorrow si tratta di uno scenario futuro previsto da alcuni studiosi ma troppo devastante per consentire l’organizzazione di un piano per salvare tutta l’umanità: non resta che tentare di assicurare una speranza alla nostra specie costruendo arche ultratecnologiche per salvare le personalità più significative della Terra, per ripopolare il pianeta a catastrofe conclusa. Per tutti gli altri esseri umani invece non sembra esserci un domani all’orizzonte: nonostante questo però Jack Curtis, scrittore per diletto e autista part time, non intende arrendersi all’ineluttabile destino di morte che incombe su di lui e sui suoi figli, e mentre la distruzione totale di Los Angeles è ormai imminente a causa di scosse telluriche sempre più dirompenti, continua a cercare una via d’uscita spinto dalla forza della disperazione. 2012 cattura soprattutto grazie alle straordinarie rappresentazioni, quasi visionarie per certi versi, di cataclismi naturali talmente ciclopici da risultare impossibili – tsunami inarrestabili, terremoti incontenibili, perfino un vulcano attivo spuntato nel bel mezzo del parco naturale di Yellowstone –, ma in tralice il film presenta anche una serie di inquietanti intrighi finalizzati a preservare il patrimonio culturale elaborato dall’umanità nel corso dei secoli, che rischia di essere cancellato con il resto del mondo dalla furia primigenia della natura. Un grande spettacolo che abbaglia a forza di effetti speciali ma occasionalmente induce salutari spunti di riflessione sulla cupa direzione intrapresa dall'umanità negli ultimi secoli di teorico ‘progresso’. La trama stavolta è francamente poco più di un pretesto per inglobare gli effetti speciali a fronte di un cast troppo corposo e di una durata francamente eccessiva. Puro intrattenimento hollywoodiano offerto dal cosiddetto Spielberg tedesco, incomparabilmente  più catastrofico dell’originale…

2012, regia di Roland Emmerich, con John Cusack, Chiwetel Ejiofor, Thandie Newton, Amanda Peet, Oliver Platt, Danny Glover, Johann Urb, Woody Harrelson, George Segal, Jimi Mistry; fantascienza/drammatico; U.S.A.; 2009; C.; dur. 2h e 38’

Voto 6½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner