partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il 2022 a Palazzo Strozzi
Da Jeff Koons a Donatello
In Real Time
Rafael Tous Collection of Conceptual Art
Henry Chapman
Prudent triangle
Guantomare
(Un mare di guanti)
Thermodynamic Constellation
Di Tomás Saraceno
Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2020
Dopo Caravaggio
Il Seicento Napoletano
Beyond Performance
A cura di Alberto Salvadori
The Florence Experiment
L’interazione tra umani e piante
Arte Fiera 2018
L’edizione 42

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/06/2022 - 03:43

 

  home>arte > appuntamenti

Scanner - arte
 


Il 2022 a Palazzo Strozzi
Da Jeff Koons a Donatello
La mostra Shine, che si è chiusa il 30 gennaio 2022, ha raggiunto il risultato record di oltre 170.000 visitatori
Dal 19 marzo 2022 Donatello, il Rinascimento a Palazzo Strozzi e Musei del Bargello di Firenze

 




                     di Giovanni Ballerini


Da Jeff Koons a Donatello, 2022
Jeff Koons. Shine


L’arte a Firenze ha sconfitto la pandemia e la mostra , Jeff Koons. Shine che si è chiusa domenica 30 gennaio 2022 a Palazzo Strozzi ha raggiunto il risultato record di oltre 170.000 visitatori, segnando il tutto esaurito nelle sale di Palazzo Strozzi fin dalla sua apertura a ottobre.
“Fino a poco tempo fa sembrava impossibile poter realizzare una mostra così ambiziosa in questo momento storico e un simile risultato era addirittura impensabile -ha dichiarato Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi e curatore della mostra -. Jeff Koons. Shine è stata una sfida vinta per Palazzo Strozzi e per Firenze, che ha dato così un grande segnale di vitalità e di ripartenza sociale, culturale ed economica. La risposta del pubblico e dei media ha superato le nostre aspettative e siamo davvero soddisfatti dell’enorme successo di questa mostra che ha coinvolto in modo inclusivo oltre 170.000 persone, rispecchiando lo spirito stesso dell’arte di Jeff Koons che vuol rendere il visitatore protagonista delle sue opere”.
Il pubblico ha gradito e premiato con la su attenzione la grande mostra, curata da Arturo Galansino e Joachim Pissarro, dedicata a una delle figure più importanti e discusse dell’arte contemporanea a livello globale, che presto consegna il testimone a uno dei protagonisti del Rinascimento . Dal 19 marzo 2022 infatti Fondazione Palazzo Strozzi e Musei del Bargello presentano Donatello, il Rinascimento, una mostra storica e irripetibile che mira a ricostruire lo straordinario percorso di uno dei maestri più importanti e influenti dell’arte italiana di tutti i tempi, a confronto con capolavori di artisti come Brunelleschi, Masaccio, Andrea Mantegna, Giovanni Bellini, Raffaello e Michelangelo.
A cura di Francesco Caglioti, e concepita come un’unica mostra su due sedi, Palazzo Strozzi e Museo Nazionale del Bargello, il progetto nasce come una celebrazione di Donatello in dialogo con musei, collezioni e istituzioni di Firenze e di tutto il territorio italiano oltre che tramite fondamentali collaborazioni internazionali, mirando ad allargare la riflessione su questo artista rivoluzionario nei materiali, nelle tecniche e nei generi, e ad abbracciare finalmente le dimensioni dell’universo donatelliano. La mostra è promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi e Musei del Bargello in collaborazione con la Skulpturensammlung und Museum für Byzantinische Kunst dei Musei Statali di Berlino e il Victoria and Albert Museum di Londra.
Ma, torniamo a Jeff Koons. Shine: la mostra ha portato a Firenze una selezione delle più celebri opere di un artista che, dalla metà degli anni Settanta a oggi, ha rivoluzionato il sistema dell’arte internazionale. Nonostante, come dicevamo, le difficoltà e le restrizioni di questi mesi, quella di Jeff Koons è stata una delle mostre più visitate di sempre a Palazzo Strozzi, l’evento di arte contemporanea di maggior successo del 2021 in Italia. Questo importante record di partecipazione premia il lavoro della Fondazione e del suo modo di fare mostre, che riesce a mantenere, nonostante le incertezze del momento, un ruolo primario nella valorizzazione del territorio come meta per il pubblico, motore propulsore di energia e creatività, e generatore di valore tramite la cultura. . Sono stati circa 120.000 (il 70% del totale) i visitatori italiani provenienti al di fuori dell’area metropolitana di Firenze: oltre 85.000 hanno raggiunto la città (in giornata o pernottando in città anche più giorni) appositamente per visitare la mostra di Jeff Koons, generando un importante impatto sull’economia locale. Dalle analisi sui visitatori, emergono come dati importanti la grande partecipazione del pubblico under 30, che rappresenta il 30% del totale dei visitatori, e del pubblico delle famiglie, come testimonia la vendita record di oltre 6.000 biglietti famiglia, pari a oltre 20.000 presenze totali, la grande partecipazione ai laboratori e il successo del Kit Famiglie, speciale materiale sviluppato per visitare la mostra con giochi e attività utilizzato da oltre 6.000 visitatori. In occasione della mostra oltre 3.2 milioni di persone sono state raggiunte dai contenuti pubblicati sui profili social della Fondazione Palazzo Strozzi (Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn) generando oltre 160mila interazioni tra like, commenti e condivisioni su tutte le piattaforme. Su Instagram si registrano i risultati più sorprendenti con oltre 1.8 milioni di persone coinvolte e una crescita di oltre 10milla follower negli ultimi quattro mesi, collezionando un totale di 111mila like su tutti i contenuti. Durante il periodo della mostra, il sito www.palazzostrozzi.org è stato visitato da oltre 360mila utenti per un totale di oltre 1.5milioni di pagine visualizzate, un dato record rispetto alle mostre passate, che conferma la portata mediatica di Jeff Koons.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner