partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Sigalit Landau
Phoenician Sand Dance
Lo schermo dell'Arte
VI edizione
Circuito Off
XIII edizione
Marina Abramovic
A Milano e Firenze
Cemetery
Carlos Casas
E’ morto Cattelan! Evviva Cattelan!
Regia di Marco Penso
La saga Cremaster
Il lavoro di Matthew Barney
Cremaster 3
scritto e diretto da Matthew Barney
Festival Cremaster
Fondazione Pitti Immagine Discovery e the Solomon R. Guggenheim Museum
Cremaster 2
Di Matthew Barney

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  15/12/2017 - 15:02

 

  home>arte > film

Scanner - arte
 


Marina Abramovic
A Milano e Firenze
Dal 21 marzo al 10 giugno 2012 la mostra The Abramovic Method viene proposta al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano
22 marzo 2012 il film The artist is present di Matthew Akers viene proiettato in anteprima a Odeon Firenze

 




                     di Giovanni Ballerini


Uno degli assunti di Duchamp sottolinea che è il pubblico a completare l’opera d’arte. La pensa così anche una tra le artiste più rappresentative del nostro tempo: Marina Abramovic. La performer serba, classe 1946, che in varie interviste ha dichiarato: “Se non c'è pubblico non c'è arte: il pubblico e l'artista sono elementi complementari e inseparabili”. All’artista, da 40 anni icona di tutte le forme di espressività legate al corpo, sono dedicati due interessanti eventi, uno a Milano e uno a Firenze.

Marina Abramović torna a Milano dal 21 marzo al 10 giugno 2012 con The Abramović Method, un nuovo lavoro (il primo dopo la grande retrospettiva del 2010 al MoMA di New York), ideato per il PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea. L’evento, promosso dall’Assessorato alla Cultura, Moda e Design del Comune di Milano e prodotto dal PAC Padiglione d’Arte Contemporanea e da 24 ORE Cultura, è curato da Diego Sileo ed Eugenio Viola e propone una mostra e una performance basata sulle tre posizioni basilari del corpo (seduto, in piedi, sdraiato) e sull'interazione tra artista, pubblico, materiali, spazio e tempo.
Il catalogo (sempre a cura di Diego Sileo ed Eugenio Viola) è pubblicato da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE. L’opera sarà pubblicata in due volumi. Il primo conterrà le performance realizzate in Italia da Marina Abramović. Il secondo invece, sarà incentrato unicamente su tutto il processo che ha portato alla realizzazione del “Metodo Abramović” e includerà tutte le sue fasi di realizzazione, dall’allestimento all’esperienza diretta di chi avrà la fortuna di ripercorrere quel metodo unico del fare arte performativa.
Anche Odeon Firenze e Lo schermo dell’arte Film Festival rendono omaggio all’arte di Marina presentando giovedì 22 marzo alle 20,30 al Cinema Odeon (Piazza Strozzi Firenze - ingresso 7€ intero; 5€ ridotto), in contemporanea all’anteprima milanese, il film Marina Abramovic. The Artist is Present di Matthew Akers (USA, 2012, 106'). Il film, coprodotto e distribuito in Italia da GA&A e Feltrinelli Real Cinema è uno straordinario ritratto della maestra internazionale della performance, Leone d'Oro alla Biennale di Venezia del 1997. Il film è il racconto della preparazione del momento più importante della sua carriera, la mostra retrospettiva che il MoMA di New York le ha consacrato nel 2010. Al centro di un quadrato di luce allestito nell'atrio del museo, sette ore al giorno, sei giorni alla settimana per tre mesi, Marina Abramović ha accolto in silenzio con la sua presenza chiunque desiderasse sedersi davanti a lei, mentre nelle sale espositive oltre trenta giovani performer ri-eseguivano alcune tra le sue azioni storiche. Davanti all'artista si sono sedute 1545 persone comuni ma anche molti volti famosi tra cui Lou Reed, Patty Smith, Sharon Stone, Michael Stipe dei R.E.M., la collezionista Ella Cisneros, solo per citare alcuni dei nomi noti che hanno voluto partecipare alla performance di Marina, che a sessantatre anni e all'apice della sua carriera, affronta il presente con consapevolezza, profondità, ironia, lasciando riaffiorare immagini e presenze come quella di Ulay (Frank Uwe Laysiepen), che per dodici anni ha condiviso con lei simbioticamente imprese artistiche e vita quotidiana. L'incontro dei loro sguardi, il loro ritrovarsi l'uno di fronte all'altra, alla giusta distanza dopo la lunga separazione, costituisce uno dei momenti più toccanti del film, che è stato premiato al sessantaduesimo Festival Internazionale del Cinema di Berlino 2012 con il “Panorama Audience Award”.

Info Milano www.theabramovicmethod.it

Info Firenze www.odeon.intoscana.it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner