partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La rivincita del Liscio
La grande festa del ballo e della musica folk
Led Zeppelin
Physical Graffiti
David Bowie
Addio Ziggy
Litfiba
Trilogia 1983-1989
Franz Ferdinand
Tonight: Franz Ferdinand
Sting
Symphonicities
Carla Bruni
Comme si de rien n’était
Firenze cambia musica
il grande evento musicale
La geriatrizzazione del rock
Giovani e vecchi. I rocker devono provocare
Alexander Balanescu
Maria T

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/09/2018 - 19:44

 

  home>musica > cult

Scanner - musica
 


Pink Floyd
The dark side of the moon
[Emi 1973]
Il lato oscuro della luna trent'anni dopo

 




                     di Paolo Boschi


All’apice dell’era del vinile, esattamente trent’anni fa, usciva un album destinato a restare negli annali del rock contemporaneo. Il relativo titolo, che affondava le proprie radici nel fertile terreno del mito, era The dark side of the moon, sulla cui copertina a sfondo completamente nero campeggiava un prisma in cui entra un raggio di luce che si scompone nei sette colori dell’arcobaleno. Gli autori erano David Gilmour (voce e chitarre), Nick Mason (percussioni), Rick Wright (voce e tastiere) e Roger Waters (voce e basso), i quattro Pink Floyd all’apice della creatività. Teatro dell’incisione delle nove tracce del disco niente meno che gli studi di Abbey Road, all’epoca decisamente all’avanguardia, sotto la supervisione di un tecnico del suono chiamato Alan Parsons. The dark side of the moon arrivò al numero uno nelle classifiche americane (atavicamente le più difficili da sfondare per i gruppi inglesi) e britanniche, stabilendo un record di permanenza in classifica di quattordici anni consecutivi e vendendo qualcosa come trenta milioni di copie circa. Si trattava di uno dei primi esempi di concept album – per quanto i Pink Floyd in seguito abbiano fatto del concept una ragione d’espressione artistica – disperso in una babele di suoni che contengono (o introducono) le complessive nove tracce. Per esemplificare basti pensare al delicatissimo crescendo cardiaco che apre l’album cui si aggregano pale di elicotteri e tintinnii vari per svilupparsi nell’eterea e malinconica ballata Breathe in the air: la coda del brano va successivamente a generare l’ipnotico ritmo della strumentale On the run, che nella traccia seguente, previo battiti di varie pendole, finisce per svilupparsi nel preludio del rock acido di Time, continuamente aperta a sterzate in territorio balladeer. Senza soluzione di continuità l’album continua con il malinconico piano di The great gig in the sky, tutta giocata su psichedelici vocalizzi di marca rigorosamente soul di Clare Torry. Il fulcro di The dark side of the moon, il biglietto da visita del disco, i sessanta secondi scolpiti nell’immaginario collettivo, è la contagiosa Money, aperta dal tintinnio dei registratori di cassa, sviluppata in un insostenibile crescendo rock – davvero imperdibile la parte centrale tutta giocata sul fronte strumentale –. A ruota la pastorale contemporanea della monumentale Us and them. Dopo l’interludio di Any colour you like, i Pink Floyd omaggiano l’ex compagno lunatico del gruppo, lo scomparso Syd Barrett, in Brain damage, prima di chiudere il discorso in chiave epica con la brevissima Eclipse. Un disco entrato nel mito di tutte le generazioni che si sono succedute da quel fatidico 1973, la cui copertina non ha mai mancato di campeggiare nei pressi degli impianti stereofonici ad altà fedeltà che cominciarono a diffondersi in Italia proprio durante gli anni Settanta. The dark side of the moon si è confermato album di culto anche nel terzo millennio, riaffacciandosi ai piani alti delle charts di mezzo mondo nella ricorrenza del trentennale.

Pink Floyd, The dark side of the moon [Emi 1973]

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner