partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni
Vivo in una giungla
Dormo sulle spine
Teatro Cargo
Tre nuove produzioni per L’estate 2017
Massimo Verdastro
Sandro Penna - una quieta follia
Toni Servillo
Elvira
Il sindaco del rione Sanità
Di Eduardo De Filippo
Il Teatro del Carretto
Le mille e una notte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/06/2019 - 05:52

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Il lettore a ore
Testo e regia José Sanchis Sinisterra
Con Maya Sansa, Gianluigi Tosto, Adriano Iurissevich, traduzione Antonella Caron, scene José Manuel Castanheira, luci Roberto Innocenti, costumi Valeria comandino, musiche originali Alessandro Magini, eseguite dal vivo da Massimo Barrera (violoncello) e Francesco Gesualdi (fisarmonica)
Prima nazionale al Teatro Fabbricone Prato dal 7 al 14 febbraio 2006

 




                     di Giovanni Ballerini


Tre personaggi si cercano e si sfuggono... intorno al rito intimo e misterioso della lettura. C’è grande interesse per “Il Lettore a ore”. Il testo di Sanchis Sinisterra, attuale direttore dello Stabile Toscano, debutta in prima nazionale (con la regia dello stesso Sinisterra) dal 7 al 14 febbraio 2006 al teatro Fabbricone di Prato. Sarà un’occasione da non perdere per comprendere il linguaggio di questo drammaturgo nato a Valencia nel 1940 che si è dedicato al teatro da giovanissimo, fondando l’Aula e il Laboratorio di Teatro all’Università di Valencia e, nel 1977 il Teatro Fronterizo. Fra i tanti riconoscimenti che Sinisterra ha ricevuto il suo lavoro, ricordiamo il Premio Nacional de Teatro nel 1990 e il Premio Lorca nel 1991. Fra i suoi libri ricordiamo invece “La scena senza limiti e “Ay, Carmela” da cui è stato tratto il film omonimo. Questo allestimento, che è già stato rappresentato in Spagna negli anni ’90 al Teatro National de Catalogna, è una novità assoluta, sia perché non è mai andato in scena in Italia, ma anche perché, nel cast, l’interprete femminile è un’attrice “rubata” al cinema al suo primo debutto in teatro. Si tratta di Maya Sansa, acclamata interprete di ottimi film come “La Balia” e “Buongiorno Notte” di Marco Bellocchio, “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana).
Con Maya Sansa sono in scena Gianluigi Tosto e Adriano Iurissevich. Le scene sono del portoghese José Manuel Castanheira, le luci di Roberto Innocenti, i costumi di Valeria Comandini e le musiche originali di Alessandro Magini, eseguite dal vivo da Massimo Barrera (violoncello) e Francesco Gesualdi (fisarmonica).
Nell’opera di Sinisterra tre personaggi mettono in scena una ambigua geometria di mascheramento e rivelazione, dipendenza e autonomia, dominio e sottomissione.
Celso, un uomo d’affari, ricco e colto, proprietario di una grande biblioteca, assolda Ismael a ore per leggere romanzi alla figlia Lorena, diventata cieca sette anni prima per cause non chiare, forse in rapporto con la morte della madre. Da allora la giovane vive in una tensione emotiva che la porta a chiudersi sempre più in se stessa.
Nel trascorrere delle sessioni giornaliere di lettura, mentre i flussi narrativi – di Lampedusa, Conrad, Flaubert, Schnitzler, etc. – condotti dalla voce di Ismael attraversano la corazza di Lorena, qualcosa inizia a muoversi dentro di lei e a destabilizzare la apparente rigidità del triangolo umano. Come se una palude di acque stagnanti (la vita “reale”) fosse alterata e agitata dall’irruzione di ruscelli inaspettati (la vita “immaginaria” dei romanzi).

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner