partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni
Vivo in una giungla
Dormo sulle spine
Teatro Cargo
Tre nuove produzioni per L’estate 2017
Massimo Verdastro
Sandro Penna - una quieta follia
Toni Servillo
Elvira
Il sindaco del rione Sanità
Di Eduardo De Filippo
Il Teatro del Carretto
Le mille e una notte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  10/12/2019 - 05:46

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Roccu u Stortu
Regia di Francesco Suriano
Compagnia Krypton, con Fulvio Cauteruccio, musiche Il Parto Delle Nuvole Pesanti
Da giovedì 27 a domenica 30 marzo alle ore 21.15. 2003, in occasione del convegno Musiche in scena

 




                     di Giovanni Ballerini


Bilancio di Musiche in Scena
Programma del convegno per un nuovo teatro musicale
Arti sceniche: lo special di Scanner
Musiche in scena: un primo bilancio in tempo reale
Stefano De Martin: un confronto multidisciplinare
Massimo Marino: la musica, un cardine di rottura dei confini disciplinari
Giancarlo Cauteruccio: Musica delle mie brame
Fulvio Cauteruccio: come è nato Roccu u stortu
Renata Molinari: appunti per azioni in musica
Giordano Montecchi: oltre l'opera
Simonetta Pecini: riflettere per dialogare
Massimo Luconi: riflessioni sul teatro musicale
I percorsi di contaminazione tra rock e scena in Italia
Il ritorno del musical
Teatro Studio di Scandicci: Stagione teatrale 2002/03
Ico No Clast
Roccu u Stortu
La Tempesta
Koreja e Raiz: Brecht's Dance la danza del ribelle
Gogmagog: L'alba e la notte. Partitura
Kinkaleri: Tono
Kinkaleri: Otto
Teatrino Clandestino: Iliade


Antiche e moderne epopee che si incrociano in un lavoro recitato e cantato in calabrese. Torna dal al Teatro Studio di Scandicci, per una serie di repliche (da giovedì 27 a domenica 30 marzo 2003 alle ore 21.15) straordinarie, in occasione del convegno Musiche in scena", " Roccu u Stortu", che tanto successo ha riscosso in importanti festival. Da Volterra a Polverigi, da Radicondoli a Santarcangelo, Benevento e Milanoltre, lo spettacolo di Francesco Suriano è stato probabilmente il progetto rivelazione del 2001. Se n'è accorto anche il programma " Teatri Sonori" di Radio Tre Rai che l'ha trasmesso integralmente , mentre Il Patalogo (edizione Ubulibri) l'ha segnalato nella sezione "22 spettacoli per un anno". La ricerca della Compagnia Krypton prosegue idealmente con " Roccu u Stortu" sulla direttrice di " U juocu sta' finisciennu", ovvero "Finale di partita" di Samuel Beckett tradotto in calabrese, facendo convergere le esperienze attoriali e registiche di Fulvio Cauteruccio, elemento stabile del nucleo artistico della compagnia, quelle musicali di Peppe Voltarelli, Amerigo Sirianni e Salvatore De Siena de Il Parto Delle Nuvole Pesanti e quelle drammaturgiche di Francesco Suriano in una sorta di " Histoire du soldat" postlitteram. Il personaggio Roccu u stortu si esprime in dialetto calabrese servendosi dei proverbi, delle filastrocche e delle sue canzoni. Il tutto si traduce in sensazioni, suoni e coloriture che sembrano rigenerarsi in un idioma incredibilmente contemporaneo. Roccu u stortu è una sorta di monologo interiore, uno sfogo furente, un viscerale attacco all'ordine militare in guerra, una denuncia dell'ingiusto, il racconto di uno spirito libero, anarchico. Roccu è un fante della brigata Catanzaro che racconta la sua storia della grande guerra, coi suoi "poveri" mezzi, usando il dialetto calabrese e spesso cambiando ruolo in un balletto delle parti. come Svejk o il soldato dell'Histoire. Le musiche dello spettacolo sono affidate Il Parto delle Nuvole Pesanti, una band che ha sempre caratterizzato le sue esibizioni dal vivo in una continua contaminazione tra il rock e la tradizione etnica, cercando di dare alla propria musica una veste gestuale e un corpo mimico in grado di evocare ed esprimere l'essenza primordiale dei sentimenti. L'incontro con la Compagnia Krypton e il testo "Roccu u Stortu" ha dato la possibilità al gruppo di confrontarsi con una vera e propria situazione teatrale, dove musiche suonate dal vivo, non solo accompagnano e sottolineano i momenti più intensi dello spettacolo, ma interagiscono con l'attore sulla scena trascinandolo a volte verso l'orizzonte dell'improvvisazione. La colonna sonora dello spettacolo è raccolta in un disco, il quinto del gruppo, registrato nell'ottobre 2001 e prodotto dal Parto. Il disco si intitola " Roccu u Stortu" e si compone di 23 tracce tra parti recitate da Fulvio Cauteruccio, sette canzoni originali e due brani completamente riarrangiati appartenenti al repertorio.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner