partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Balletto Arabesque
Highlights
Leoni per la Danza 2018
Marie Chouinard ha scelto:
A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  05/03/2024 - 04:12

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


Kinkaleri
My love for you will never die
Coproduzione Festival di Santarcangelo, Teatro Studio di Scandicci, Kinkaleri
in prima nazionale il 13, 14, 15 luglio 2001 per il Santarcangelo Dei Teatri International Theatre Festival al Teatro Degli Atti di Rimini

 




                     di Giovanni Ballerini


Nero II studio - Nuova produzione - 2006
Pool - 2005
I Cenci/Spettacolo - 2005
TONO - 2003
OTTO - 2003
My love for you will never die - 2001
1.9cc GLX - 1999


"La terra non ha alcun altro scampo che diventare invisibile come il nostro proprio destino in mai nello stesso tempo diviene più attuale e invisibile" ( Rainer Maria Rilke - Lettera a Witold Hulewicz del 13.11.1925)

Bravi (e davvero creativi) lo sono di sicuro, lo dimostrano i tanti progetti, che li vedono da tempo protagonisti di performance spettacolari di grande intensità, che abbinano la ricerca sulla danza a una attenta sperimentazione visuale e uditiva. Per questo, non è solo per innata curiosità che attendiamo con una certa ansia il prossimo spettacolo di Kinkaleri: "My love for you will never die", coproduzione Festival di Santarcangelo, Teatro Studio di Scandicci, Kinkaleri, in collaborazione con Xing - Link Project Perform, CRT di Milano (con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dipartimento dello spettacolo, Comune di Firenze), che viene proposto in prima nazionale il 13, 14, 15 luglio 2001 (posti limitati - prima replica ore 19:30, seconda replica ore 23:00) per il Santarcangelo Dei Teatri International Theatre Festivalal Teatro Degli Atti (Via Ugo Braschi, Rimini - Italia).
" My love for you will never die" è uno spettacolo dedicato a nessuno in particolare; una stanza bianca: il luogo delle successioni di atti indimenticabili, dall'arrivo, alla seduta, allo sguardo, allo sbadiglio, al sospiro, al bisbiglio, alla piccola risata, al sonno. Una premessa un po' vaga? Forse , ma ci penseranno i Kinkaleri a riempirla di emozioni, di sperimentazioni dedicate alla creatività del movimento.

"Un'estraneità calma e dolcissima è il rapporto che questo lavoro dovrebbe avere con lo spettatore - spiegano gli stessi Kinkaleri-. Una dolcezza che dovrebbe mitigare proprio il senso e la paura di questa estraneità: come un occhio che accoglie dall'esterno e mostra invariabilmente, come la ripresa nascosta di un bagno turco, dove la nebbia e il calore accolgono corpi che chinano il capo e pensano a sé, nello scivolare piano di una goccia dal mento, al collo, al torace poi fino a terra. Per il momento il soggetto è nascosto, la volontà è di impiegarsi nella ricerca di un'estetica che nello svilupparsi si neghi e contraddica le posizioni precedenti. Gli scritti, le immagini, i luoghi, le fotografie cercano di materializzare un luogo di ricerca che svuoti gli oggetti affidandosi alla dolce superficie, un sentimento di semplice concatenazione di atti senza perlustrazione".

Anche da queste spiegazioni si capisce come Kinkaleri siano in realtà alieni a qualsiasi appartenenza di genere, che il gruppo preferisce scorrazzare liberamente nei territori creativi più disparati. Lo hanno fatto dai loro inizi (nel 1995 quando hanno iniziato a lavorare, condividendone l'autogestione, all'interno del C.P.A. Firenze-sud) e continuano in questa filosofia nei tanti spettacoli (" AMRAS", " DOOM", " SUPER", " 1.8 C.C.", " ET", " ESSO", " ZOO") che hanno proposto in questi anni in giro per l'Italia ed all'estero, lo farannocon questo loro nuovo "My love for you will never die", riempiendo di movimento uno spazio svuotato dall'apparenza, liberato da quella luminosa glorificazione della bellezza che cancella il diritto al pericolo. Un volume instabile senza riferimento non lascia come traccia altro che il proprio vuoto.

 "Si dovrebbe tornare a quest'idea della prossimità per distanza, dell'intuizione come auscultazione o palpitazione in spessore, di una veduta che è una veduta di se, torsione di sé su sé, e che mette in questione la coincidenza" ( Maurice Merleau-Ponty)

 

CONTACT: KINKALERI - kinkaleri@mega.it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner