partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni
Vivo in una giungla
Dormo sulle spine
Teatro Cargo
Tre nuove produzioni per L’estate 2017
Massimo Verdastro
Sandro Penna - una quieta follia
Toni Servillo
Elvira
Il sindaco del rione Sanità
Di Eduardo De Filippo
Il Teatro del Carretto
Le mille e una notte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/06/2019 - 06:27

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Fanny e Alexander 1997
Ponti in Core
Morbose liturgie, a macabri e ironici rituali
A Fabbrica Europa 97

 




                     di Lucy Boom


Fanny & Alexander: presentazione O – Z West, 2011
Fanny & Alexander: Recensione Him, 2009
Fanny & Alexander: Recensione Dorothy. Sconcerto per Oz, 2007
Fanny & Alexander: Presentazione Dorothy. Sconcerto per Oz, 2007
Fanny & Alexander: ARDIS I (Les enfants maudits)
Fanny & Alexander: Alice vietato >18 anni
Fanny & Alexander: Ponti in core
Fanny & Alexander: Requiem


Gli spettatori sono timorosi, e quasi in punta di piedi entrano ad uno ad uno, accompagnati da un impeccabile maestro di cerimomia, nella casa delle meraviglie, cuore pulsante ed inquietante. Una scatola metallica, con tanti cassetti e ventiquattro scranni ben separati uno dall'altro. Ponti in Core è un evento teatrale per ventiquattro spettatori all'interno di un'ingegnosa costruzione, arena ovale o teatrino anatomico, in cui i due protagonisti danno vita a piccole e morbose liturgie, a macabri e ironici rituali, scanditi da rumori e voci fuori campo. E' proprio vero, alla morte si va incontro da soli. In Ponti in Core di Fanny e Alexander siamo però al cospetto di una morte particolare, un annullamento che passa attraverso il gioco, il non sense, il rito, e che per un paradossale ribaltamento diviene arte, diviene vita. Cipresso e Dorotea, con gestualità e vocalità raffinatissime , estetizzanti, sciolgono nastri rossi, si cibano di bianchi confetti, si ricoporono di insetti dorati. Ogni sera espongono la loro macabra passione, il loro voluttuoso e insanabile desiderio. Lo spettacolo di Fanny e Alexander è una continua mise en abym, parole evocano altre parole, suoni rimandano ad altri suoni, colori sfumano in altri colori, per un incessante incastonarsi di ludus e poesia. Gli spettatori, immobili, assistono al rincorrersi dei simboli e dei suoni, significato e significante si allontanano, prevalgono l'affinità cromatica e sonora, l'incanto e la meraviglia. Qualcuno, smarrito, uscendo si chiede: "Dov' è il teatro? Forse abbiamo dimenticato che il teatro può essere anche voci sommesse e non solo parole gridate, dilaniarsi infinito ma silenzioso, gioco accattivante e crudele, che arriva alla mente e al cuore.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner