partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Roberto Mercadini
Felicità for dummies
Rimini Protokoll
La Conferenza degli Assenti
Teatro dei Gordi
Pandora
Leoni per il Teatro 2021
La Biennale di Venezia
Winston vs Churchill
Regia di Paola Rota
Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni
Vivo in una giungla
Dormo sulle spine

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  02/06/2023 - 23:21

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Studio Su Medea
Regia di Antonio Latella
Protagonista la tedesca Nicole Kehrberger
Al Teatro Studio di Scandicci venerdì 12 gennaio 2007 Capitolo I - Medea & Giasone di “Studio su Medea” per la regia di Antonio Latella, interpretato da Nicole Kehrberger (Medea), Michele Andrei (Giasone) e Giuseppe Lanino e Emilio Vacca (i figli), l’elaborazione drammaturgica di Federico Bellini. Sabato 13 gennaio sempre alle 21,15 verrà presentato il Capitolo II - Medea & Figli e il 14 gennaio la Trilogia, partendo alle 18 con il Capitolo I, alle 19,35 col Capitolo II e alle ore 21 col Capitolo III - Medea dea

 




                     di Giovanni Ballerini


Teatro Studio di Scandicci, Diversamente Parlando, stagione 2007
Scena Verticale, Dissonorata, 2007
Motus, Rumore rosa, 2007
Studio Su Medea, regia di Antonio Latella, 2007, presentazione
Studio Su Medea, regia di Antonio Latella, 2007, recensione
Gogmagog & The Playground, The Restaurant of Many Orders, 2007, presentazione
Gogmagog & The Playground, Ristorante dai tanti ordini, 2007, recensione
Giampiero Cicciò, Giovanna d’Arco di Borgo vecchio, di Gianni Guardigli, 2007
Compagnia Krypton, Picchì mi guardi si tu si masculu, 2007
Egumteatro, L’omossessuale o la difficolta’ di esprimersi, 2006


Tre capitoli per sondare la sintesi della storia di Medea e aprire in bellezza apre la stagione e il cartellone del Teatro Studio di Scandicci con la prima Regia D’assalto. Quella di Antonio Latella, che con Studio Su Medea, propone una drammaturgia di corpi nudi. Studio su Medea focalizza l’interesse su alcuni temi che il grande testo di Euripide sollecita sin dall’antichità. Il mito viene utilizzato come imprescindibile punto di partenza per una libera e personale interpretazione del regista.  

Il primo capitolo, Medea & Giasone (Al Teatro Studio di Scandicci venerdì 12 gennaio 2007 alle 21,15) mette in scena l’incontro scontro tra questi due corpi e le loro storie, sintesi del mito Medea, così come ci è stato tramandato: una donna, soprattutto una madre, che si ribella agli stereotipi nei quali l'uomo la vuole ingabbiare. Nel secondo capitolo, Medea & figli (al Teatro Studio di Scandicci sabato 13 gennaio sempre alle 21,15), ispirato alla Medea del drammaturgo tedesco Jhann, l’attenzione è focalizzata sulla metamorfosi del personaggio che da donna amata-amante si trasforma in madre-matricida. L’ascesa di Medea allo stato di Dea e la nuova condizione in cui viene a trovarsi Giasone, essere terreno senza possibilità di trascendere, è materia del terzo capitolo, Medea dea  che si muove tra ciò che resta dopo la distruzione di una famiglia. L’innalzarsi di Medea al livello di un Dio, rende di riflesso partecipi di uno scacco, una divergenza, un cortocircuito che sempre separa tutto ciò che appartiene al divino dalle vicende di ogni giorno. Domenica 14 gennaio 2007 al Teatro Studio viene proposta l’intera Trilogia, partendo alle 18 con il Capitolo I, alle 19,35 col Capitolo II e alle ore 21 Medea dea)

Lo spettacolo, che è una coproduzione Teatro Stabile dell’Umbria, Totales Theater International e Festival delle Colline Torinesi, vede protagonista performer, acrobata e danzatrice tedesca Nicole Kehrberger. Lo studio è iniziato nell’inverno 2004, a Berlino, dapprima solo su un piano speculativo, poi, insieme a Nicole Kehrberger, la ricerca ha cominciato a prendere corpo. Suddiviso in tre capitoli, ciascuno potenzialmente autonomo.

Na veniamo a qualche notizia sul regista: Antonio Latella, nato a Castellammare di Stabia nel 1967, frequenta la scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Franco Passatore e, a Firenze, la Bottega Teatrale diretta da Vittorio Gassman. Dal 1986 lavora come attore con Pagliaro, Ronconi, Patroni Griffi, Gassman, Castri, de Capitani, Sixty, Bruni, Però. Nel 1998 passa alla regia teatrale esplorando particolarmente alcuni autori: Shakespeare (Otello, Macbeth, Romeo e Giulietta, Amleto, Riccardo III, La dodicesima notte, La tempesta, La bisbetica domata), Genet (Stretta sorveglianza, I Negri, Querelle) e Pasolini (Pilade, Porcile, Bestia da stile). Nel 2001 riceve il “Premio speciale UBU” per il progetto Shakespeare ed oltre, il premio “Luca Coppola e Giancarlo Prati” e il “Girulà” per la migliore drammaturgia per I Negri; nel 2004 il “Premio Vittorio Gassman” come miglior artista dell’anno e quello “Teatro il Primo” per la miglior produzione con lo spettacolo Porcile, nel 2006 il premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro per il miglior spettacolo dell’anno con La cena de le ceneri.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner