partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Materia Prima Festival 2024
XI edizione
Fabbrica Europa 2021
XXVIII edizione
Secret Florence 2021
Arte, cinema, danza e musica
Festival Fabbrica Europa
XXVII edizione
Short Theatre
XIV edizione - Visione d’insieme
Fabbrica Europa 2019
XXVI edizione
Fabbrica Europa 2018
XXV edizione
CapoTrave
Kilowatt tutto l’anno
Festival La Democrazia del Corpo
Diretto da Virgilio Sieni
Contemporanea Festival 16
Teatro e danza

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/04/2024 - 20:45

 

  home>live > festival

Scanner - live
 


Materia Prima Festival 2024
XI edizione
Si parte con la prima toscana di “Frankenstein (a love story)” dei Motus
Dal 28 febbraio al 5 aprile 2024 al Teatro Cantiere Florida. Oltre ai Motus, ZimmerFrei e AdA, la Compagnia del carcere di Sollicciano, Silvia Calderoni e Alberto Boubakar Malanchino, Fabiana Iacozzilli, Niccolò Fettarappa con Lorenzo Maragoni, Andrea Macaluso e la produzione Murmuris. Andrea Macchia Foto di scena Motus

 




                     di Giovanni Ballerini


Frankenstein dei Motus al Materia Prima Festival 2024
Batracomiomachia al Materia Prima Festival 2024


Non sarà un festival sul puro teatro di ricerca (ammesso che esista ancora), ma questo evento dedicato al panorama teatrale e performativo contemporaneo si propone di fare il punto sulle produzioni più significative o promettenti di oggi. Non è poco! Torna il Materia Prima Festival, che dal 28 febbraio al 5 aprile 2024 tiene la sua XI edizione a Firenze, proponendo un interessante excursus fra nuove produzioni e spettacoli già di successo, talenti emergenti e compagnie affermate. Fra i protagonisti del festival, i Motus, i collettivi multidisciplinari ZimmerFrei e AdA, la Compagnia del carcere di Sollicciano, gli interpreti Premio Ubu Silvia Calderoni e Alberto Boubakar Malanchino, l'autrice e regista Fabiana Iacozzilli, Niccolò Fettarappa con Lorenzo Maragoni, Andrea Macaluso e la produzione Murmuris / Atto Due tratta dall’omonimo romanzo di Sacha Naspini.
Si comincia mercoledì 28 febbraio alle 21 al Teatro Cantiere Florida, con l’attesa prima toscana di “Frankenstein (a love story)” dei Motus. A rendere vibrante la pièce saranno in tre sul palco: accanto alle performer Silvia Calderoni e Alexia Sarantopoulou, torna infatti in scena Enrico Casagrande, cofondatore della compagnia insieme a Daniela Nicolò, che con lui firma ideazione e regia del progetto.
Si parte dalla doppia disintegrazione del romanzo gotico Frankenstein; or, the modern Prometheus, realizzato dalla scrittrice britannica Mary Shelley fra il 1816 e il 1817 e della la biografia di Mary. Il risultato è una visione attualizzata di Frankenstein, che esprime le tensioni della scrittrice, dello scienziato e della stessa creatura. Rabbia, amore, inquietudine, orrore, e ancora amore, amore, un eccesso di amore non corrisposto. “Non vedevo né sentivo parlare di nessuno simile a me” – come l’umano, unico della sua specie, anche la creatura è un unico. La solitudine radicale di un essere inascoltato, intoccabile, che non trova nessuno a cui parlare, che possa pronunciare il suo nome. È sui confini che i mostri proliferano. Il mostro generato è un infelice”.
il Materia Prima Festival 2024 prosegue con la Batracomiomachia di e con Andrea Macaluso (fondatore dello spazio culturale Il Lavoratorio), tra gli echi epici della grecità e il ritmo della traduzione in endecasillabi di Giacomo Leopardi (il 3 marzo alle 16 e il 4 marzo alle 10 al Teatro Cantiere Florida). dopo il debutto a Romaeuropa torna in scena “Il grande vuoto”, uno spaccato sull’Alzheimer firmato Fabiana Iacozzilli, con Giusi Merli nel ruolo principale (16 marzo alle 21 al Teatro Cantiere Florida). Il monologo per batteria e voce “Sid. Fin Qui tutto bene”, vincitore agli In-box 2023 (che è valso al protagonista Alberto Boubakar Malanchino l’Ubu nella categoria Miglior attore under 35) sarà al Florida l’8 marzo alle 21. Il collettivo AdA con “Forse una città (Mirages)”, la performance multimediale sulle variabili dell’abitare viene proposto in prima assoluta il 21 marzo alle 21 al Florida. Il collettivo ZimmerFrei presenta la riflessione sui legami che intrecciano i vivi e i non più vivi “De los muertos a Firenze” in un allestimento site specific il 22 e 23 marzo, in due sessioni alle 19 e alle 20,30 all’Archivio di Stato. Il 26 e 27 marzo alle 21 al Teatro Florida è la volta di “Le Case del malcontento”, produzione Murmuris / Atto Due dall’omonimo romanzo di Sacha Naspini, lo scrittore maremmano tradotto in 26 paesi e pubblicato in Italia da Edizioni E/O. il 2 aprile alle 19 al Teatro cantiere Florida una giornata sul lavoro di Compagnia di Sollicciano – laboratorio guidato da Elisa Taddei con attori detenuti nato all'interno della Casa circondariale di Firenze – con la proiezione del documentario “Essere o non essere, Amleto” e un incontro condotto dal critico Oliviero Ponte di Pino. Chiudono il festival il 5 aprile alle 21 al Teatro Cantiere Florida due enfant prodige con “Solo quando lavoro sono felice”, un lavoro parodico di e con gli astri nascenti del teatro off Niccolò Fettarappa e Lorenzo Maragoni.

Info:
www.materiaprimafestival.com

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner