partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Fabbrica Europa 2021
XXVIII edizione
Secret Florence 2021
Arte, cinema, danza e musica
Festival Fabbrica Europa
XXVII edizione
Short Theatre
XIV edizione - Visione d’insieme
Fabbrica Europa 2019
XXVI edizione
Fabbrica Europa 2018
XXV edizione
CapoTrave
Kilowatt tutto l’anno
Festival La Democrazia del Corpo
Diretto da Virgilio Sieni
Contemporanea Festival 16
Teatro e danza
Fabbrica Europa 2016
XXIII edizione

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  30/06/2022 - 02:29

 

  home>live > festival

Scanner - live
 


B Motion 2010
Buio + Silenzio + Fumo: l’alchimia bassanese
33 gli appuntamenti, concentrati in 2 settimane, 17 prime nazionali, 5 tra studi e anteprime assolute, 11 coproduzioni. E poi convegni, workshop, laboratori di critica teatrale, per promuovere il dialogo tra artisti, operatori, critici, ricercatori e pubblico
A Bassano del Grappa dal 24 agosto al 4 settembre 2010

 




                     di Tommaso Chimenti


Nero. Buio. Non si riescono nemmeno a prendere gli appunti di viaggio. Le scritte storte, le dita blu di bic senza sosta. C’è un ché di inquietante nel non vedere dove si mettono i piedi, i puntini. Anche le sottolineature sembrano cancellature. Ed in questo lapsus-cortocircuito sta la forza della sottrazione della luce. Una sorta di richiesta d’aiuto. La soluzione: ne possiamo fare a meno. Un non riuscire a vedere lo spiraglio, la fine del tunnel, la mancanza di punti di riferimenti, agganci ed appigli ai quali aggrapparsi in caso di caduta. E come si sa, quello non è il principale problema, ma l’atterraggio. Si cammina a tentoni, non si trova il bandolo della matassa. L’ago nel pagliaio o la pagliuzza a forma di trave nell’occhio guercio. E qui, proprio nell’oscurità, al festival B Motion di Bassano, è stato chiaro, palese, lampante, lapalissiano. Tenebre, che ci vuole la torcia, nebbia che servirebbe un machete per tagliarla a fette, nebulosa da credere di essere in una pellicola di fantascienza. E se sono proprio i giovani gruppi che sentono, che vedono così la realtà c’è di che preoccuparsi. Cosa c’è intorno al buco, se si sono mangiati la ciambella? La melma pece si allarga, ci mangia, ci fagocita, non siamo più niente, non sentiamo più il nostro corpo, che ha perso la sua vitalità ed importanza, la sua funzione. Siamo rimasti cuori che battono, ma lontano, di nascosto, piano, quasi per non farsi scoprire, carbonari, attutiamo i rumori come a dire, ci siamo, ma non ci siamo. Buio ma anche assenza di parole, come se quelle dette fossero già troppe e non avessero dipanato i punti interrogativi. Le uniche udite provengono da altoparlanti, da microfoni, sillabe incatenate precedentemente registrate. Niente di spontaneo, vero, vivo. Come se arrivassero da un altro pianeta, da un altro buco nero, da un’altra dimensione a spiegarci l’oggi incomprensibile. Come se non ci fosse più niente di comunicabile, di estendibile al di là dei propri confini spazio-temporali. Ed il buio accomuna come fondale nel quale barcamenarsi indistintamente le creazioni del B Motion Teatro bassanese. Dai Trickster che ci portano attraverso la via crucis delle stanzette nel loro “H.G.”, acronimo che identifica i piccoli assassini, dolci e ribelli Hansel e Gretel. Cuffia e pila in dotazione come pionieri-minatori verso un nuovo mondo che non sta più fuori di noi, ma dentro di noi. Il fuoco sotto la cenere. Una serie di passaggi e pertugi seguendo le informazioni, per la verità troppo didascaliche e che lasciano troppo poco spazio all’individualità, che arrivano in audio. Le seguiamo come automi, senza scomporci, che le ombre ormai le abbiamo digerite. Zero interazione. Peccato. Unico sussulto il sassolino, quasi un pezzetto da mosaico o puzzle di pietra, che il duo svizzero ci fa ritrovare nelle scarpe, che all’entrata nel gioco di ruolo avevamo lasciato sulla soglia, come per la preghiera in moschea. Qui, qui soltanto la realtà cruda, appuntita e solida come solo un sassolino pungente sa essere, batte cassa e frizza tra il piede e la tomaia ricordandoci che fuori è ancora più buio e che qui stavamo scherzando. Potevano sicuramente osare di più. Fumo per il “Bestiale Improvviso” dei Santasangre e nero misterico, che sa di creazione, ne lo “Stato di grazia” dei Plumes dans la tete. A confondere, a mascherare, a non far trovare, nella perdita dell’oggi, il domani, per adesso, non ci è dato di vederlo. Tutto rimane in superficie, la patina di polvere, una crosta di attesa. Ancora nuvole di ghiaccio secco sparate nelle narici per i manichini- robot de “La prima periferia” dei Pathosformel che ancora devono lavorare sul rapporto pupo-uomo, scardinando il Pinocchio, annusando i Cuticchio. Il sonoro ci riporta all’ancestralità bigbeniana, di gorgogli, grovigli, grugniti inumani, di difficile connotazione e collocazione. Siamo all’anno zero? Vorremmo esserci? Lo provocheremo o lo stiamo solamente registrando? Altro fumo, altra corsa con “Fortuny” degli Anagoor. Location spettrale ed evocativa la, perfetta per l’occasione, Chiesetta dell’Angelo. Le panche scricchiolano, la magia prende atto attraverso questi gladiatori, prima dell’incontro con la folla della fossa dei leoni, atleti prima, nell’attesa spasmodica, dell’ingaggio, della pugna. Ancora avvolti dalle tenebre nel rapimento di Rinaldi-Lanteri nel loro “Remixxx”, carnefici con passamontagna da Comandante Marcos nel loro riassunto, resoconto, ripercorso all’indietro dei migliori anni della nostra vita, dell’incresciosa storia italiana. Siamo davvero noi, quelli? Questi passivi? Una piece perfetta per quest’anno dove si festeggia, a ragione o a torto, i centocinquant’anni dell’Unità d’Italia. Siamo anche il caso Moro o la sconfitta ai rigori nei mondiali di calcio americani. Dai fatti, dalla bomba di Bologna, si misura il nostro grado di integrazione, il nostro livello di patriottismo, il nostro sentirci prodotti e frutti, fiori sdentati, provenienti dallo stesso humus, molto fertilizzato a suon di palate di letame. Buio anche con le L.I.S. (il loro lavoro ricorda sempre il loro Maestro Enrique Vargas) che ci conducono in un museo, dividendoci attraverso mani sensuali e sguardi altrettanto provocatori, ancelle e vestali tra gabbie e storie, dove il corpo, i corpi, assumono le forme del loro contenitore tra eros e contrizione. Nero indotto, solo per pochi, attraverso bendature e maschere carnevalesche, di quelle pesanti e spesse di gomma, anche per i Fagarazzi e Zuffellato che portano dieci attori inconsapevoli (una vera fortuna essere stato tra quelli) sul palco, muovendoli con ordini precisi e sul momento incomprensibili per poi ricomporre tutto nel video finale, necessario per chi era automa con gli occhi incellofanati, ridondante per il pubblico che si era già visto la scena in diretta. Insomma, quando le parole finiscono e le immagini sono state tutte mostrate nella pornografia accettata e sdoganata del presente, quando l’eccesso ha travalicato, quando la bulimia ha preso il sopravvento, fuori e sopra il palcoscenico, non rimane che rifugiarsi nella placenta di un silenzioso nero, per perdere i confini e sentirsi, finalmente, battere qualcosa dentro. Un ritorno.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner