partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Biennale di Venezia 2023
Danza Musica e Teatro
AGO
Modena Fabbriche Culturali
700 Dante
Un omaggio lungo un anno
Sipa 2021
Siena International Photo Awards
Firenze Tv
In onda sul web
Tenax Theatre 2019
Secondo anno
Alessandro Benvenuti
Due spettacoli di Arca Azzurra Teatro
Giornata europea dello spettatore
Promosso dal Progetto Be SpecACTive!
Lisboa
Regia Anna Stigsgaard
Premio Virginia Reiter 2013
Il lavoro dell'attrice

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 07:11

 

  home>live > eventi

Scanner - live
 


Biennale di Venezia 2023
Danza Musica e Teatro
Il Presidente Roberto Cicutto annuncia il potenziamento dei tre festival internazionali
I numeri della Biennale 2023. Fra gli ospiti, Brian Eno, John Zorn, gli Autechre, Robert Henke, Brigitta Muntendorf, Armando Punzo, Romeo Castellucci, la catalana El Conde de Torrefiel, la fiamminga FC Bergman, Simone Forti, Sidi-Larbi Cherkaoui, Javier De Frutos, Michaela Taylor, Alexis Fernandez

 




                     di Giovanni Ballerini


"La Biennale ha deciso da quest’anno di aumentare le risorse e il sostegno destinati ai Settori Danza Musica e Teatro e ai rispettivi Festival Internazionali. Questi Festival non sono mai stati concepiti come rassegne per mostrare il meglio delle produzioni nei campi di competenza dei tre direttori artistici, ma come lo sviluppo di un progetto che arricchisca conoscenza e sperimentazione in coerenza con un mandato quadriennale”.
Ottime notizie quindi per la Biennale, quelle annunciate dal Presidente della Biennale di Venezia Roberto Cicutto in un intervento che ribadisce il potenziamento dei festival internazionali di danza, musica e teatro. Saranno infatti 70 le novità, tra prime assolute, europee, italiane a caratterizzare nel 2023 la Biennale di Venezia. 41 produzioni e coproduzioni, di cui molte commissionate.
Saranno in totale 48 i giorni di programmazione per i Festival di Teatro (dal 15 giugno al 1 luglio 2023), Danza (dal 13 al 29 luglio 2023), Musica (dal 16 al 29 ottobre 2023), che si estendono fino a 3 mesi di attività con le residenze dei giovani artisti di Biennale College. Si tratta di un intenso intervento della Biennale di Venezia nella produzione, la promozione e la documentazione della nuova creatività delle arti dal vivo, che vede quest’anno le nuove opere prodotte per e con la Biennale raggiungere la metà dell’intero programma.
"Le maggiori risorse consentiranno anche al pubblico di poter più agevolmente assistere agli spettacoli che avranno un maggior numero di repliche, masterclass, installazioni e attività interdisciplinari. Soprattutto consentono alla Biennale di affidare commissioni, produrre o coprodurre nuovi spettacoli, colmando in parte (soprattutto nel Settore Musica) una falla nell’impegno pubblico rispetto a quanto si fa in altri Paesi – prosegue il Presidente Roberto Cicutto -. Il lavoro dei direttori artistici Wayne McGregor per la Danza, Lucia Ronchettiper la Musica, Stefano Ricci e Gianni Forte per il Teatro ha dimostrato nei primi tre anni del loro mandato le infinite possibilità nel tessere un filo ininterrotto fra maestri del passato, artisti contemporanei e professionisti del prossimo futuro. In questo modo si dà concretezza a quanto spesso si afferma ma difficilmente si realizza: far crescere donne e uomini all’inizio delle loro carriere, alimentandoli della lezione di chi li ha preceduti con spirito innovatore e di ricerca”.
Nell’edizione 2023 Saranno più di 450 gli artisti coinvolti, da 30 paesi diversi, per i tre Festival di Danza, Musica e Teatro della Biennale di Venezia.
Il Teatro vedrà in scena, tra gli altri, Armando Punzo, Leone d’oro alla carriera, con lo straordinario gruppo di attori-detenuti della Compagnia della Fortezza, ma anche Romeo Castellucci, che con le sue performance simboliche e visionarie attraversa generi e due delle compagnie che maggiormente incarnano le tendenze degli ultimi anni: la catalana El Conde de Torrefiel e la fiamminga FC Bergman, destinataria del Leone d’argento. Spazio anche alle nuove voci, come l’attore, autore oltre che regista di ascendenze ucraino-franco-ebraiche Boris Nikitin e Bashar Murkus con il Khashabi Ensemble, teatro palestinese indipendente creato all’interno dello Stato di Israele, ad Haifa.
Fra i tanti appuntamenti in programma, spiccano per la Danza, l’omaggio a Simone Forti, Leone d’oro alla carriera, con un’ampia mostra retrospettiva del suo lavoro di artista del movimento proveniente dal Museum of Contemporary Arts di Los Angeles. Un trittico di coreografie che hanno la forza ipnotica della danza pura di Tao Dance Theater, Leone d’argento; Sidi-Larbi Cherkaoui, Javier De Frutos, Michaela Taylor, Alexis Fernandez, quattro coreografi per l’ensemble fondato dal super divo del balletto internazionale Carlos Acosta; la prima mondiale di Pontus Lidberg, coreografo, filmmaker e danzatore svedese che ha conquistato le compagnie più blasonate – dal New York City Ballet al balletto dell’Opéra di Parigi. E inoltre, le figure di Oona Doherty, Andrea Peña, Luna Cenere, giovani coreografe che si sono imposte recentemente all’attenzione di pubblico e critica.
Per la Musica fari puntati sull’elettronica digitale a partire dal pioniere Morton Subotnick, passando per Brian Eno, Leone d’oro alla carriera e l’eretico MJohn Zorn, per arrivare al leggendario duo noto col criptico nome di Autechre, che ha portato la club culture ai confini con la musica d’avanguardia. Fra i tanti artisti invitati ricordiamo il musicista e performer Robert Henke, che rimette in circolo la tecnologia vintage dei pc Commodore, ma anche Brigitta Muntendorf che lancia la musica nello spazio con Orbit, voci di donne clonate dall’intelligenza artificiale e audio 3D, sottotitolo A War Series, ovvero le guerre che nei millenni si sono combattute contro il corpo femminile. Tante, inoltre, le figure dell’elettronica live più sperimentale, come Lamin Fofana, Jjjjjerome Ellis, Jace Clayton aka Dj Rupture, Steve Goodman aka Kode9, Loraine James, Aya, Emme, S280F, Soft Break, Yen Tech, Snufkin.

Biennale Teatro dal 15 giugno al 1 luglio 2023
Biennale Danza dal 13 al 29 luglio 2023
Biennale Musica dal 16 al 29 ottobre 2023
info www.labiennale.org/it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner