partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere
Fuocoammare
Di Gianfranco Rosi
I racconti dell’orso
Regia di Samuele Sestieri e Olmo Amato
Youth - La Giovinezza
di Paolo Sorrentino

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 21:53

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Youth - La Giovinezza
di Paolo Sorrentino
Nel segno della bellezza
Gli European Film Awards, premiano l’opera come miglior film europeo, Sorrentino come miglior regista, Michael Caine, come miglior attore e premio alla carriera

 




                     di Giovanni Ballerini


Difficile che Bruce Springsteen abbia scritto Born to run pensando a Paolo Sorrentino, ma di sicuro il regista partenopeo continua imperterrito la sua (assolutamente riconoscibile)corsa verso la bellezza. E, parallelamente quella verso il successo. Se infatti sulla Croisette c’era stata un pizzico di delusione per non aver vinto l’ambita Palma D’Oro, il film Youth" - La Giovinezza si è già preso la sua rivincita. Continua a mietere consensi Paolo Sorrentino, che ormai da tempo riposta nel cassetto la non affermazione all’ultimo Festival di Cannes, dove il film era in concorso, si toglie la soddisfazione di trionfare con lo stesso titolo agli Efa 2015 a Berlino. E lo fa alla grande, visto che l’European Film Awards, che di fatto è un po’ l'equivalente europeo degli Oscar, ha conferito a Youth il premio come miglior film europeo e a Sorrentino quello di miglior regista. Ma non basta, visto che uno dei due protagonisti della pellicola, Michael Caine, già premiato alla carriera, è stato assegnato anche quello come miglior attore. Anche dal punto di vista scaramantico il regista napoletano dovrebbe essere messo bene, visto che due anni fa, il suo La grande bellezza, che in seguito dette all’Italia la soddisfazione dell’Oscar, iniziò a farsi valere proprio agli Efa. Speriamo che la storia (di successo) si ripeta con questo film che a un’estetica raffinata, una ricchezza e a una profondità (anche intima) della fotografia (di Luca Bigazzi) e a una storia azzeccata e ricca di spunti, accoppia l’illuminata e suadente colonna sonora realizzata dallo storyteller statunitense Mark Kozelek, che dopo aver guidato (negli anni Novanta) i Red House Painters, dimostra grande talento e ispirazione anche come solista e compositore.
Sorrentino, come al solito, è un maestro nel far emergere l’anima dei personaggi, nel giocare con gli attori e le citazioni, nel dipingere stati d’animo. E, anche nell’ affrontare un tema scomodo, come la vecchiaia, non cede alle suggestioni del solito viale del tramonto. E in questa opera onirica in veste cinematografica esalta le riflessioni dei due protagonisti: il famoso compositore e direttore d’orchestra Fred Ballinger (interpretato da un convincente Michael Caine), e il regista hollywoodiano Mick, che invece vede il sempre intenso Harvey Keitel tentare di realizzare il bilancio della sua parabola artistica e della sua vita.
La Svizzera del cantone dei Grigioni, attraverso il resort sulle Alpi (Waldhaus, che per gran parte del plot fa da sfondo dinamico (non semplice contenitore, ma quasi un’ambientazione pittorica) alla storia, si trasforma in uno specchio in cui Caine & Keitel, ma anche gli altri personaggi, fra cui la bellissima Rachel Weisz (perfetta nei panni di Miss Universo), un’ancora decisamente charmant Jane Fonda, un convincente Paul Dano (e soprattutto gli spettatori) si trovano a riflettere sulla giovinezza e la vecchiaia, che per una volta non sono agli antitesi, ma piuttosto rappresentano stazioni diverse di un tragitto alla scoperta della bellezza. Interiore ed esistenziale. Le emozioni (anche quelle) diventano un viatico per ricordare, per scatenare i sentimenti e la vita sembra (anche e forse più, con l’avvicinarsi del momento del suo compimento) un viaggio che vale la pena assolutamente di compiere. Forma o sostanza? Poco importa: l’unico rifugio è la bellezza.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner