partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


35° Torino Film Festival
Un festival che ha ancora la forza di rigenerarsi
12° Festa del Cinema di Roma
Un contenitore di tante proposte cinematografiche
Venezia 74
Il coraggio di un rilancio reale
Cannes70
Il Gran ballo del Cinema Internazionale
Far East Film 19
Un evento unico nel suo genere
67° Berlinale
67th Berlin International Film Festival
34° Torino Film Festival
Inaugurazione con Jasmine Trinca
11° Festa del Cinema di Roma
Un'edizione con il segno più
Venezia 73
Un grande rilancio
Cannes 69
Una macchina festival gigante e ipertrofica

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/12/2017 - 17:38

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


Venezia 73
Un grande rilancio
Il regista Sam Mendes Presidente della Giuria internazionale
Dal 31 agosto al 10 settembre 2016 al Lido di Venezia

 




                     di Matteo Merli


La Mostra di Venezia quest’anno ritrova un nuovo slancio. Prima di tutto viene chiuso definitivamente il cantiere di fronte al Casinò e lo spazio verrà utilizzato per allestire un ulteriore sala con la ridefinizione dello spazio verde. Ma la cosa  più importante la definizione di un cartellone di tutto rispetto, che saprà accontentare sia gli addetti ai lavori che gli appassionati. La kermesse veneziana renderà omaggio a due grandi registi scomparsi:   Abbas Kiarostami e Michael Cimino, interpreti di un cinema che oggi si fatica a fare e a trasmettere allo spettatore. Baratta, Presidente della Biennale, rivendica con orgoglio la tradizione e lo stille della Mostra che nel corso degli anni è rimasta sempre fedele ai suoi principi, diventando anzi un punto di riferimento per i registi e per il mercato internazionale. “Conservatorismo non significa però immobilismo – ha aggiunto il presidente –, anzi, Venezia è sempre stata attenta a percepire i cambiamenti culturali e si è fatta parte attiva nel dare loro visibilità e voce”. Oltre alla novità dell’apertura della sala nuova, c’è la presenza di una sezione nuova, Cinema nel Giardino, e il rafforzamento dell’impegno per Biennale College e l’avvio di Venice Production Bridge, strumento per portare al pieno finanziamento di opere compiutamente progettate. Il direttore artistico Alberto Barbera, spiega le valutazione della commissione selezionatrice: “ha tenuto conto della nuova tendenza del cinema, ovvero il raccontare la realtà e la società contemporanee scrivendo storie magari distopiche, apocalittiche o fantasiose ma che tratteggiano comunque con bravura ed efficacia i mali e le contraddizioni di questo nostro mondo”.
 Leone d’oro alla carriera per due, l’attore francese Jean-Paul Belmondo e il regista polacco Jerzy Skolimowski. L’Italia sarà presente in concorso con ben tre film: Piuma di Roan Johnson, Questi giorni di Giuseppe Piccioni e il documentario Spira mirabilis di Massimo Adinolfi e Martina Parenti. I loro sfidanti saranno: Wim Wenders, con il documentario d’ispirazione teatrale Les beaux d’Aranjue e Terence Malick, con Vogage of time. Francois Ozon presenta Frantz; il croato Emir Kusturica, dopo quattro anni di lunga e faticosa lavorazione, On the milky road con protagonista Monica Bellucci. Da non lasciarsi sfuggire il nuovo lavoro di Larrain, Jackie, o la nuova pellicola di Lav Diaz. La sezione Cinema nel Giardino doveva essere in origine aperta esclusivamente a registi italiani, ma data la scarsa partecipazione e la qualità non eccelsa dei film presentati è stata aperta anche a nomi stranieri. Tra gli altri ricordiamo Gabriele Muccino con L’estate addosso, il coreano Kim Ki duk con Geumule l’americano James Franco, regista e attore in In dubious battle. Tanti e prestigiosi anche gli eventi fuori concorso. In anteprima saranno proiettati i primi due episodi della serie diretta da Paolo Sorrentino, con Jude Law, The young Pope, che vedremo su Sky Atlantic in autunno. A chiudere la kermesse The magnificient seven di Antoine Fuqua con Denzel Washington. Spazio anche ai nuovi lavori di Mel Gibson e Kim Rossi Stuart – Hacksaw Ridgde con Andrew Garfield e Tommaso con Kim Rossi Stuart, Cristiana Capotondi e Jasmine Trinca. Notevole la selezione di Venezia Classic, e come sempre molto allettanti Orizzonti e le Giornate degli Autori. Sam Mendes, regista di quel American Beauty che nel 2000 vinse cinque Oscar, è presidente della Giuria internazionale Venezia 73. La settimana della critica è come sempre una sezione giovanecon probabili sorprese. Una Mostra viva, che recupera in parte alcune spazi e trova dalla sua un programma ben strutturato che sicuramente rilancerà alla grande questa 73° edizione.

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner