partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


David Lynch
L’ospite d’onore
Altman
regia Ron Mann
Marilyn (My Week with Marilyn)
Regia di Simon Curtis
When You're Strange
Regia di Tom DiCillo
Corso Salani
Omaggi a un anno dalla scomparsa
Senna
Regia di Asif Kapadia
Aki Kaurismäki
Lo spirito agrodolce della vita
Special cinema d’autore
Un ventaglio di proposte imperdibili
Jim Jarmusch
La vita in assenza di gravità
Eric Rohmer
I segreti del cuore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/12/2017 - 17:18

 

  home>cinema > personaggi

Scanner - cinema
 


Ritratto di James Toback
Il volto nascosto del cinema americano
Nei suoi film l'amore è vissuto come sentimento carnale

 




                     di Matteo Merli


La figura di James Toback nel panorama del cinema americano è alquanto anomala, visto che i suoi film non sono paragonabili al cosiddetto cinema indipendente, come prassi linguistica, ma sicuramente non si possono definire commerciali. Ciò che distingue Toback è il suo stile fortemente segnato dall'ossessione che spinge i suoi personaggi all'amore, vissuto come sentimento carnale e istintivo, spesso complice di incomprensioni tra i diversi sessi, generando una sovraeccitazione del visivo, pronto a cogliere lo spettatore impreparato. Il suo film emblema è Fingers, dove un giovane Harvey Kaitel interpreta un pianista che vive facendo lo strozzino per conto di suo padre, il suo desiderio d'amore, lo spinge a cercare rapporti occasionali, fino a spingerlo verso una deriva piena di solitudine. Con questo film Toback crea la sua opera più bella, intrisa di un forte sentimento nero, che ci consente di ammirare un film che lavora a più livelli, pieno di spunti originali. Altro esempio è il film Exposed, dove una giovane ragazza, interpretata da Natassja Kinski, abbandona l'università per cercare fortuna in città. Nella metropoli riesce a trovare lavoro come modella, e si innamora di un violinista che cova da tempo un sentimento di vendetta nei confronti di un terrorista, che recluta nel suo movimento solo donne. Un film che designa l'amore come sentimento manipolatore, dove gli uomini usano le donne per i loro scopi. Un film diseguale, ma apprezzabile. Mentre in Black and White, il regista indaga sul rapporto tra i bianchi e i neri in America, dando vita ad un film altalenante, che non riesce bene a mettere a fuoco i vari temi trattati. Il suo ultimo film, Harvard Man è un'escursione nel mondo degli universitari, tra droga, basket, con un piglio narrativo straniante e godibile, che confermano le doti eccentriche dell' autore, nell'affrontare temi scottanti con modelli narrativi inconsueti. Comunque, il cinema di Toback, dimostra che l'originalità è ancora di casa nel cinema a stelle e strisce.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner