partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  28/06/2022 - 14:41

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Il passato è una terra straniera
Regia di Daniele Vicari
Cast: Elio Germano, Michele Riondino, Daniela Poggi, Chiara Caselli, Valentina Lodovini; drammatico; Italia; 2007; C.
Dall'omonimo romanzo di Gianrico Carofiglio

 




                     di Paolo Boschi


Dall’omonimo romanzo di Gianrico Carofiglio, l’autore di Velocità Massima ha tratto un impeccabile dramma di formazione nonché una tormentata storia di amicizia virile. Ne è protagonista il nerd Giorgio, uno normale studente di Bari che conduce un’esistenza priva di slanci e piuttosto noiosa, tutta giocata tra i libri, l’università, la famiglia, la rassicurante fidanzata di sempre, la stessa vita uguale a se stessa un giorno dopo l’altro. Tutto cambia una sera quando il buon Giorgio, invitato ad una festa a cui non aveva nessuna voglia di prendere parte, perde le staffe ed interviene in un diverbio per difendere uno sconosciuto, Francesco, che diventerà in breve tempo la figura di riferimento della sua vita. Francesco è un giovane che conduce un’esistenza diametralmente opposta a quella di Giorgio: baro (o sedicente manipolatore di carte, a suo dire), incorreggibile tombeur de femmes, figlio scapestrato, tossico ‘controllato’. E in breve Giorgio accantona fidanzata, famiglia e studi per seguire le orme e il carisma del suo nuovo amico, di cui diventa l’inseparabile compare ai tavoli da gioco di case malfamate come di yacht lussuosi, ai bordelli esclusivi, ai bar, tra tirate di cocaina e aggressioni ai danni dei giocatori che pagano con assegni scoperti, sempre addentrandosi di più nei meandri della Bari notturna. Una vita all’insegna del piacere immediato e di facile consumo: si tratta di un gioco spesso rischioso da giocare ma caratterizzato da guadagni da capogiro, che il protagonista con ossimorica ironia usa nascondere all’interno delle pagine dei volumi del Capitale di Marx. Ovviamente, neanche a dirlo, a vivere una vita concentrata sull’oggi e senza alcun impegno progettuale diverso dalla prossima partita da organizzare, c’è il rischio di fare come il wildiano Dorian Gray e pervertire l’anima al proprio lato oscuro, pericolo in agguato soprattutto per Francesco, che comincerà ad avvertire sempre più il fascino perverso del sesso estremo e della sottomissione fisica del partner: e proprio questo costituirà il canto del cigno della sua inossidabile intesa con Giorgio. Daniele Vicari ci racconta con la giusta dose di brio ed ambiguità questa storia a metà tra il romanzo di formazione ed il film di genere alla Rounders, incentrata su un’intensa storia d’amicizia al maschile. Bravissimi entrambi i protagonisti, il solito Elio Germano ed il sorprendente Michele Riondino. Da vedere.

Il passato è una terra straniera, regia di Daniele Vicari, con Elio Germano, Michele Riondino, Daniela Poggi, Chiara Caselli, Valentina Lodovini; drammatico; Italia; 2007; C.; dur. 2h

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner