partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 13:37

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Il nastro bianco
Regia di Michael Haneke
Cast: Christian Friedel, Burghart Klaußner, Josef Bierbichler, Susanne Lothar, Ulrich Tukur; drammatico; Austria/Fran./Germ.; 2009; C.
La Palma d'Oro del 62mo festival di Cannes

 




                     di Paolo Boschi


Niente da nascondere
Funny Games
Il nastro bianco


L’ultima fatica di Michael Haneke, premiata con la Palma d’Oro a Cannes 2009, ci conduce attraverso un implacabile bianco e nero in un villaggio di campagna, nella Germania del 1913, attraverso la voce narrante del maestro locale, che inizia a raccontarci il primo anello di una catena di eventi inquietanti che si succedettero di lì a poco. Tutto comincia con un filo nascosto teso nell’abituale tragitto che il medico è solito compiere a cavallo ogni giorno: la caduta non è letale ma getta un alone di inquietudine in un villaggio dove la vita da sempre scorre all’insegna del rigore e della tranquillità più totale. Nel corso dei mesi seguenti i fatti inspiegabili continuano ad alternarsi in un crescendo inspiegabile e sempre più allarmante: una donna vittima di un infortunio sul lavoro, un granaio misteriosamente incendiato di notte, lo scioccante rapimento del figlio del barone, fino all’assurda aggressione ai danni di un ragazzo handicappato che, per la brutalità delle percosse subite, rischia di perdere la vista. Il tutto sotto gli sguardi apparentemente innocenti dei bambini del villaggio, che risultano sempre presenti in qualche modo sugli scenari dei vari crimini. Il tutto inframmezzato dalle scene di vita domestica delle varie famiglie, con gli adulti che cercano di provvedere in modo ottuso ed assolutistico all’educazione dei propri figli, gli stessi bambini che di lì a poco vivranno il trauma della Grande Guerra ed in seguito andranno ad ingrossare le masse inneggianti al Nazismo. E si tratta di squarci pedagogici assolutamente allucinanti: come il pastore, che lega un nastro bianco al braccio dei suoi figli per esortarli alla purezza, ma li tratta con una durezza sorprendente, li picchia abitualmente con la verga e terrorizza psicologicamente il figlio maggiore riguardo ai letali effetti degli atti impuri – oltre a legarlo nel sonno per farlo desistere dalla tentazione –; o come il dottore che, appena ristabilitosi dall’incidente, rivela con una spietata sincerità il disgusto che prova per la sua amante, la levatrice, e poi comincia a colmare di poco caste attenzioni la figlia quattordicenne. Mentre le ombre della crudeltà avvolgono sempre più minacciosamente il villaggio, lo sguardo più equilibrato e sano dal punto di vista morale rimane quello del giovane maestro della scuola, l’unico in grado di intravedere una scomoda verità che, ovviamente, quando sarà svelata all’autorità religiosa locale, non sarà recepita ma ottusamente rifiutata a priori. Cupo, essenziale, privo di orpelli musicali di sorta, Il nastro bianco è l’ennesima riflessione sulla banalità del male che traspare in tutto il cinema di Haneke – gli ultimi esempi sono Niente da nascondere e il remake americano del suo Funny Games –: stavolta il regista austriaco sembra volerci mettere in guardia dai rischi del pensiero unico, da un’educazione tanto rigida da sfociare in degenerazioni aberranti e disumane nonostante, come in questo caso, si propongano di raggiungere l’assoluta purezza. Ma, come sua abitudine, Haneke si limita a raccontarci la sua storia lasciando a noi il compito di trarne le conseguenze morali d’obbligo. Un film imperdibile.

Il nastro bianco - Das Weiße Band, regia di Michael Haneke, con Christian Friedel, Burghart Klaußner, Josef Bierbichler, Susanne Lothar, Ulrich Tukur, Michael Kranz, Marisa Growaldt, Michael Schenk; drammatico; Austria/Fran./Germ.; 2009; C.; dur. 2h e 24’

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner