partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


David Lynch
L’ospite d’onore
Altman
regia Ron Mann
Marilyn (My Week with Marilyn)
Regia di Simon Curtis
When You're Strange
Regia di Tom DiCillo
Corso Salani
Omaggi a un anno dalla scomparsa
Senna
Regia di Asif Kapadia
Aki Kaurismäki
Lo spirito agrodolce della vita
Special cinema d’autore
Un ventaglio di proposte imperdibili
Jim Jarmusch
La vita in assenza di gravità
Eric Rohmer
I segreti del cuore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/11/2017 - 11:08

 

  home>cinema > personaggi

Scanner - cinema
 


Aki Kaurismäki
Lo spirito agrodolce della vita
Uno sguardo sui film del più grande regista finlandese

 




                     di Matteo Merli


Aki Kaurismäki è sempre stato un autore per antonomasia, perché i suoi film si recepiscono al primo sguardo, come stile e rappresentazione dei caratteri nella storia. Un cinema definito minimalista per le sue storie delineate in piccoli spazi e con pochi personaggi, dove gli attimi silenziosi sono il preludio della vita, nei suoi quotidiani movimenti, laconici e struggenti, ma con appresso la speranza. Kaurismaki, da spirito finnico che è, ha visto nell’adattamento di classici come in Amleto si metti in affari dove Amleto dopo la morte di suo padre, eredita la posizione nel consiglio di amministrazione di una società controllata dallo zio, l’occasione di un pensiero sull’uomo messo alle strette con il destino. Crime and Punishment moderno adattamento dal romanzo di Dostojevski, Delitto e castigo, è ambientato nella Helsinki degli anni '80, individua nel protagonista, un giovane impiegato in un macello che commette un omicidio insensato, la scrittura filmica atta a indagare con fermezza il senso vero dell’esistere nelle sue contraddizioni. Minimi sono gli avvii nelle storie cinematografiche di Kaurismaki, che va oltre gli adattamenti dei classici o dei film sul lavoro, perché quello che gli interessa e il senso stesso del filmare: l’uomo e la donna nel suo procedere tra il destino della vita. La fiammiferaia nella sua brevità segue l’esile vita di chi i fiammiferi le fabbrica e l’esistenza si spegne in un attimo, o come nel dolce amaro Vita da bohème, dove un gruppo di emarginati trovano il senso della vita nel vino e nell’arte di strada. Da non dimenticare il verso al road movie come il bizzarro Calamari union, dove diciotto uomini si perdono prima di arrivare ad una meta illusoria, per arrivare ad Ariel, dove comicamente le conseguenze di un gesto portano su strade sbagliate. Il mondo rocambolesco in cui i personaggi si muovono, sembrano seguire la fissità di uno sguardo pendente su come siamo rappresentati nella quotidianità, spesso chiusi nel nostro intimo (Tatjana ) o incapaci di uscire dal guscio esistenziale ( Ho affittato un killer ); ma una via d’uscita si trova inaspettatamente, con il calore di una mano o l’affetto segreto di una persona, che pongono l’indirizzi di una salvezza, toccando la memoria collettiva e direttamente l’animo umano. Nel suo ultimo film, Le luci della sera, il dettaglio della mano di una donna che stringe quella del protagonista in fin di vita, esemplifica il commovente monito al riprendersi possesso del proprio destino, desti verso il domani, sempre presente e vivido, anche se a volte ci viene precluso per un soffio. Molti titoli della filmografia del regista finlandese, sono disponibile nel formato video corretto in lingua originale con sottotitoli in italiano e acquistabili direttamente sul sito: www.emik.it

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner