partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


David Lynch
L’ospite d’onore
Altman
regia Ron Mann
Marilyn (My Week with Marilyn)
Regia di Simon Curtis
When You're Strange
Regia di Tom DiCillo
Corso Salani
Omaggi a un anno dalla scomparsa
Senna
Regia di Asif Kapadia
Aki Kaurismäki
Lo spirito agrodolce della vita
Special cinema d’autore
Un ventaglio di proposte imperdibili
Jim Jarmusch
La vita in assenza di gravità
Eric Rohmer
I segreti del cuore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 16:02

 

  home>cinema > personaggi

Scanner - cinema
 


100 volte Hitchcock
Il mito dell'impagabile maestro del brivido
Un centenario a suon di giallo

 




                     di Riccardo Ventrella


Un bel centenario non si nega a nessuno. Ci sta pazientemente arrivando l'infaticabile Regina Madre, l'unico vero baluardo mondano della monarchia inglese, giunta a quota 99. Lo guarda dall'alto (dei cieli) un altro celebre suddito di sua maestà, mr.Alfred Joseph Hitchcock, che il 13 agosto del 1899 venne alla luce in un sobborgo di Londra. Decise di fermarsi, più semplicemente, all'età di 79 anni e spiccioli, passando a miglior vita il 29 aprile del 1980. Già da tempo non faceva più film (l'ultimo, Complotto di famiglia, data 1976), ma non disperava di poter tornare sul set. Difficile arginare l'oceano d'inchiostro che si è riversato da sempre su Hitchcock ed aggiungere un verbo qualsiasi, che sia solo un minimo significativo. Abbracciando in toto l'istanza celebrativa, non si può fare a meno di notare che Hitchcock è un evergreen non da poco, un classico, e come tale del tutto permanente. Per la maniera, abile e spregiudicata, di gestire il racconto cinematografico, innanzitutto, ed i suoi tempi. Non c'è solo il famoso meccanismo del suspense a dimostrarlo, ma scelte inedite, come far morire la protagonista a metà del film in Psycho o rivelare allo spettatore la doppia identità di Kim Novak ne La donna che visse due volte. Un continuo gioco di sapienti deviazioni narrative, che sviano l'attenzione e poi colpiscono a freddo. Per le sue feroci ossessioni sessuali, distillate in simbologie tanto semplici da rivelarsi crudeli, come il treno-galleria alla fine di Intrigo internazionale, o in momenti di pathos erotico assoluto, come il bacio Ingrid Bergman-Cary Grant in Notorius, o il dellittuoso abbraccio (con forbici) tra Grace Kelly e il suo assassino ne Il delitto perfetto.
Sulle quali gli psicoanalisti hanno vergato molte sciocchezze, partendo da traumi infantili di Hitch, come se non fosse abbastanza chiaro che un film già di per sè è una malattia. Ossessioni sessuali che si sono tramutate in una lunga teoria di donne bionde, che Alfred adorava, da Grace Kelly a Tippi Hedren passando per Kim Novak, Janet Leigh e Eve Marie Saint, con poche rispettabili eccezioni (la Joan Fontaine di Rebecca e Il sospetto). Virtuoso della macchina da presa (provate l'emozione di scivolare lungo il dolly di Notorius verso la famosa, decisiva chiave), Hitchcock ebbe la lungimiranza di circondarsi di collaboratori di prim'ordine: il titolista Saul Bass, o il compositore Bernard Herrmann, che ha scritto per il regista inglese alcune delle più belle partiture delle storia del cinema. Capace di rischiare anche in progetti del tutto personali e quasi sperimentali, per l'ambiente hollywoodiano (Il ladro del 1957 su tutti), fu il primo a capire che anche il regista può essere una star, con la propria immagine, oltre che con i suoi film. Un narcisismo innato lo portò ad apparire fuggevolmente in tutte le sue pellicole (come il pittore che firma un quadro), e a presentare personalmente i telelefilm della serie che da lui prende il nome. Con un seguito di pazienti esegeti (François Truffaut in testa) e allievi devoti (il più fervente dei quali è sicuramente Brian De Palma), Hitch gira la pagina di un centenario virtuale. Una buona maniera di festeggiarlo ?   Tornare a vedere Psycho, rimesso in circolazione dall'Istituto Luce. O dare un'occhiata ai suoi film del periodo inglese, quelli dal 1926 al 1939, che sono di sicuro i meno conosciuti: dal primigenio The Lodger, muto, ai 39 scalini e Sabotaggio, autentici gioielli di mistero e tensione. O ripassare all'infinito quel definitivo, mortale capolavoro che è La donna che visse due volte, tornare a seguire James Stewart che segue Kim Novak nelle architetture spagnole di S.Francisco fino alla fine, in cima a quel campanile. Dove, ad aspettarvi, troverete Alfred Joseph Hitchcock. In persona.

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner