partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Cannes 2022
Settantacinquesima edizione
Far East Film 24
In presenza per la primavera
Il Florence Korea Film Fest
Compie 20 anni
72° Berlinale
In presenza tra mille difficoltà
River to River 21
Florence Indian Film Festival
Torino Film Festival 39
Si ritorna in presenza
Festival dei Popoli
La rivincita del documentario
Venezia 78
Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica
Cannes 2021
Settantaquattresima edizione
Florence Korea Film Fest 2021
In programma oltre 100 film

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  28/06/2022 - 08:01

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


Far East Film
Quinta edizione
Il festival cinematografico sul cinema asiatico
Al Teatro Nuovo Giovanni da Udine dal 24 aprile al 1 maggio 2003

 




                     di Giovanni Ballerini


Fast East Film V
Fra le sezioni del Fast East Film 2003
Fast East Film IV
Fast East Film III


52 pellicole, tra preview internazionali ed europee, ma anche convegni e incontri per l'edizione 2003 del FAR EAST FILM, che in 8 giorni di fittissimo calendario, tra proiezioni, ancora una volta, documenta il cinema asiatico. Il festival organizzato dal Centro Espressioni Cinematografiche di Udine propone la sua quinta edizione dal 24 aprile al 1 maggio, al Teatro Nuovo " Giovanni da Udine". L'edizione 2003 propone in sintesi 10 titoli da Hong Kong, 11 titoli dalla Corea del Sud, 6 titoli da Mainland China, 8 titoli dal Giappone, 1 titolo dalle Filippine, 1 titolo dalla Thailandia, 1 titolo da Taiwan, 1 titolo da Singapore, The Tribute to Ishii Teruo: The King of Cult (6 film) e The Golden Age of Korean Cinema: Seven Directors (7 film). Tante pellicole, ma anche importanti retrospettive e approfondimenti tematici quotidiani. In particolare, per quanto riguarda le retrospettive, FAR EAST FILM 5 presenta una monografia riservata alla Golden Age del cinema coreano (cioè la gloriosa produzione degli anni Sessanta), un tributo a "The King of Cult" (cioè il regista giapponese Teruo Ishii) e una sezione informativa per conoscere, attraverso la visione di tre pellicole (Turn, Laughing Frog e Out, straordinaria dark comedy tutta al femminile), l'astro nascente giapponese Hirayama Hideyuki.

Il 29 aprile, poi, come tradizione vuole, si consumerà fin dalle prime ore del mattino un ricco "Horror Day": saranno ben 7 le opere proposte, tra cui Dark Water (del grande Nakata Hideo, papà storico di Ring) e The Grudge (sanguinario cult-movie che Sam Raimi ha già opzionato per un remake americano). Un'inedita Seoul, notturna, sfavillante di luci al neon e strade luccicanti, è l'ambientazione di Saving My Hubby, il film coreano - diretto dall'esordiente Hyun Nam-sup - che apre giovedì 24 aprile il festival udinese. Ricchissimo di invenzioni registiche, fotografato magistralmente con i colori caldi della sera metropolitana. Sempre il 24 aprile, il FAR EAST apre un focus su Riley Ip. L'autore di un film mai dimenticato, Metade Fumaca (visto a Udine quattro anni fa), il regista di Hong Kong propone una tenera storia di amori giovanili sullo sfondo rigoglioso e tropicale dell'isola di Cheung Chao, a ovest di Hong Kong. Just One Look è un tuffo negli anni Settanta, ma è anche un omaggio dichiarato al modo di andare al cinema di allora, in chiave truffautiana.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner