partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


David Lynch
L’ospite d’onore
Altman
regia Ron Mann
Marilyn (My Week with Marilyn)
Regia di Simon Curtis
When You're Strange
Regia di Tom DiCillo
Corso Salani
Omaggi a un anno dalla scomparsa
Senna
Regia di Asif Kapadia
Aki Kaurismäki
Lo spirito agrodolce della vita
Special cinema d’autore
Un ventaglio di proposte imperdibili
Jim Jarmusch
La vita in assenza di gravità
Eric Rohmer
I segreti del cuore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/11/2017 - 11:07

 

  home>cinema > personaggi

Scanner - cinema
 


Special cinema d’autore
Un ventaglio di proposte imperdibili
Scelte per voi da Scanner

 




                     di Matteo Merli


Nel terremoto digitale, il collezionista si è trovato di fronte ad un crescente catalogo di scoperte e riscoperte che fanno venire la bava alla bocca, facendo assaporare le immagini calzanti di film persi o mai trasmessi nei circuiti ordinari del nostro paese. Ora cerchiamo di districarci nel mare di cotante proposte, per offrirvi suggerimenti alquanto ghiotti da sfamare lo spettatore più esigente. Per iniziare segnaliamo Grazie per la cioccolata, che vede André Polonski, concertista di talento, sposarsi per la seconda volta con Mika. André ha un figlio dal matrimonio precedente, Guillaume. Jeanne, giovane pianista, scopre di essere stata scambiata alla nascita con Guillaume. Alla ricerca delle sue origini, la ragazza si introduce nella famiglia del musicista. Pellicola firmata dal maestro Claude Chabrol, interessato a svelare le motivazioni oscure dei personaggi, in un quadro scenico dove insinua le crepe di una famiglia conformista, imprigionata nel suo grigiore borghese. Un matrimonio, porta alla luce una pellicola di fine anni settanta di Robert Altman, con al centro lo sposalizio tra Dino Corelli e Meringa Brenner, di una famiglia di arricchiti del sud. In un caotico ricevimento, si scoprono verità imbarazzanti in una catena di equivoci a non finire, che non muteranno il percorso degli avvenimenti. Affresco di implacabile forza morale, confezionato con divertente estro ed abilmente orchestrato da uno dei maestri del cinema americano. Nel film di Aleksandr Sokurov un padre e figlio vivono insieme, all’ultimo piano di una vecchia casa, in mondo privato composto da ricordi e di rituali quotidiani. Il padre, dopo la morte di sua moglie si prende cura del figlio, fin da piccolo, rappresentando l’unico anello di congiunzione con la felicità passata. Il rapporto tra i due, diventa un osmosi sensitiva, dove confluisce sentimento e dolore, come se entrambi fossero una sola cosa: un amore cieco e universale. Padre e Figlio, è il titolo ideale di un opera di ricerca visiva ed emotiva, che lascia allo spettatore le lacrime di un sentire comune. Nella sorprendente opera prima di Neil Burger, uno dei registi emergenti della scena americana, il film parte da un cameraman senza lavoro, Ron Kobelski, che viene avvicinato da un vicino di casa che sostiene di essere il secondo cecchino dell’assassinio di JFK. Ohlinger, questo è il suo nome, decide di confessarsi ora, trascorso tanto tempo, dopo che gli è stato diagnosticato un cancro. Kobelski, inizialmente scettico, cambia idea quando cominciano ad arrivare messaggi minacciosi alla sua segreteria telefonica e si accorge che strani personaggi si aggirano nel suo cortile. Interview with the assassin, è costruito intorno ad una prospettiva falsata, con l’occhio incline a documentare fatti, che col passare del tempo si avvinghiano in una cospirazione dove la verità non ha più un riscontro effettivo e la storia si sfalda in un thriller senza via d’uscita. Leone l’ultimo, vede in scena un impeccabile Marcello Mastroianni ( Leone ) erede di un regno divenuto repubblica socialista, si trasferirsi a Londra, scoprendo che la sua residenza regale si trova al centro del quartiere nero. Osservando da lontano gli abitanti, comprende quali siano le loro vere condizioni di vita e decide di aiutarli, anche se questo non gli farà ottenere una fiducia reciproca, causando l’allontanamento dai suoi pari. Questo apologo sognante diretto da John Boorman, è la storia di una presa di coscienza che non si compie attraverso il voyeurismo di Leone, poiché è proprio questo il suo limite di coinvolgimento, assumendo il peso morale di un fallimento. Nel documentario Comandante siamo presenti ad un faccia a faccia tra il leader cubano Fidel Castro e il regista Oliver Stone, qui nella insolita veste di intervistatore. La pellicola è un estratto di una serie di interviste e conversazioni fra i due durate più di trenta ore. L’accusa di manipolare l’evidenza dei fatti con l’ardore misurato del sostenitore, non impediscono a Stone di rimanere impassibile nel carpire i silenzi e dinieghi in primissimo piano, di un politico che ha fatto la storia come Castro, abile nel disinnescare domande scomode e protrarsi in ricordi affannosi. Opera in bilico che lascia ai posteri il volto scavato di un uomo consegnato al tempo, intriso di scaltro pudore recitativo. Questi DVD, sono presenti nella traccia originale in taluni casi, con sempre la presenza dei sottotitoli italiani nel formato video corretto con una pregevole pulizia dell’immagine, acquistabili direttamente sul sito: www.emik.it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner