partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Bill Viola
Rinascimento elettronico
Punk
Le sue tracce nell'arte contemporanea
Stefano Bressani
Picasso Reloaded
Osvaldo Lamborghini
Teatro Proletario De Cámara
Andy Warhol
Una storia americana
Lawrence Weiner
Scritto nel vento, Escrito en el viento
Barcellona
Un salto nell’arte contemporanea
Tour Eiffel
The Refitting of the 1st Floor
Luca Alinari
Scanner intervista il maestro fiorentino
Belle arti
Viaggio tra le Accademie d’Italia

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2017 - 17:17

 

  home>arte > cult

Scanner - arte
 


Andy Warhol
Una storia americana
Ultimi giorni per la mostra pisana, curata da Walter Guadagnini e Claudia Zevi, che è stata vista da 80.000 visitatori, fino al 9 marzo la mostra milanese
Andy Warhol. Una storia americana dal 12 ottobre 2013 al 9 febbraio 2014 al a Palazzo Blu di Pisa; Andy Warhol dal 24 ottobre al 9 marzo al Palazzo Reale di Milano. E dal 3 marzo al 28 maggio 2014, al Sara Hildén Art Museum di Tampere in Finlandia

 




                     di Giovanni Ballerini


Delle due mostre italiane dedicate all’arte di Andy Warhol fra pochi giorni ne resterà solo una: quella milanese organizzata dal 24 ottobre al 9 marzo al Palazzo Reale, in Piazza Duomo 12, con le opere del maestro della pop art selezionate dalla Brant Foundation. Ultimi giorni di apertura per la mostra Andy Warhol. Una storia americana, curata da Walter Guadagnini e Claudia Zevi, ospitata da BLU | Palazzo d’arte e cultura di Pisa. L’esposizione, che si chiuderà domenica 9 febbraio, è stata giustamente premiata da un grande successo di pubblico, superando la soglia degli 80.000 visitatori, che hanno apprezzato le 230 opere che costruiscono il progetto, realizzato in esclusiva per Pisa, grazie alla collaborazione con l’Andy Warhol Museum di Pittsburgh, che custodisce una larga parte dl suo lascito e al supporto di alcune storiche collezioni, come quelle delle gallerie Sonnabend, Feldman, Goodmann di New York, di musei europei come il Museo d’arte moderna e contemporanea Berardo di Lisbona, il Museo d’arte moderna di Nizza, l’Albertina e il Mumok di Vienna, oltre ad alcuni capolavori da raccolte pubbliche e private italiane, come la Collezione Lucio Amelio o la Collezione Unicredit.
Il percorso ha acceso i fari sui temi che hanno fatto di Warhol la più emblematica icona del mutamento storico e culturale della seconda metà del Novecento, periodo che ha spostato la centralità dell’arte dall’Europa agli Stati Uniti, attraverso opere quali i Brillo Box, o le Campbell Soup - per la rivoluzione della Pop Art - le grandi tele dedicate ai Most Wanted Men e alle Electric Chair - a sottolineare l’incubo della violenza che lo colpirà drammaticamente - i ritratti di Marylin Monroe, Liz Taylor, ma anche di Mao e Richard Nixon - per trasformare l’immagine in icona universale eterna, con l’approdo a una ricerca più dentro l’arte e la storia della pittura con esiti vicini all’astrazione. In a mostra anche alcune tele di grande formato come Miths Dollar, Skull,   i rarissimi portfolio dedicati a Marylin Monroe e alle zuppe Campbell, e ad alcune serie che hanno reso più immediata la sua evoluzione stilistica, a partire dalla fotografia poi al disegno e infine all’opera su tela, come nel caso di Knives (coltelli), divenuto ancora più nota negli ultimi anni come immagine di copertina di Gomorra, il libro di Roberto Saviano venduto in milioni di copie. 
La mostra milanese, che, come dicevamo, è visitabile fino al 9 marzo al Palazzo Reale   parte dai primi disegni del Warhol illustratore per finire con le spettacolari Ultime Cene e gli autoritratti  passando attraverso le opere più iconiche come le Electric Chairs, il grande ritratto di Mao, i fiori  e uno dei più famosi  capolavori di Warhol, Blue Shot Marilyn, il ritratto della famosa attrice Americana con in mezzo agli occhi il segno restaurato di un dei colpi di pistola esploso da un’amica dell’artista nel 1964, che Brant avrebbe poi acquistato per 5000 dollari nel 1967 con i proventi di un piccolo investimento. Attraverso capolavori e opere altrettanto sorprendenti ma meno conosciute, come una serie di Polaroid  mai viste prima in Europa, la mostra della Brant Foundation non racconta semplicemente il Warhol star del mondo dell’arte e del mercato ma anche il Warhol intimo, l’amico, l’uomo.

Dopo Pisa, la rassegna si trasferirà, dal 3 marzo al 28 maggio 2014, in uno dei più importanti musei della Finlandia, il Sara Hildén Art Museum.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner