partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Le Secessioni Europee
Monaco Vienna Praga Roma
Bill Viola
Rinascimento elettronico
Punk
Le sue tracce nell'arte contemporanea
Stefano Bressani
Picasso Reloaded
Osvaldo Lamborghini
Teatro Proletario De Cámara
Andy Warhol
Una storia americana
Lawrence Weiner
Scritto nel vento, Escrito en el viento
Barcellona
Un salto nell’arte contemporanea
Tour Eiffel
The Refitting of the 1st Floor
Luca Alinari
Scanner intervista il maestro fiorentino

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/01/2018 - 14:50

 

  home>arte > cult

Scanner - arte
 


Le Secessioni Europee
Monaco Vienna Praga Roma
Il curatore Francesco Parisi propone un panorama complessivo dei quattro principali centri in cui si svilupparono le Secessioni
Dal 23 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 a Palazzo Roverella di Rovigo

 




                     di Giovanni Ballerini


"A ogni epoca la sua arte, a ogni arte la sua libertà”, la pensa così anche Francesco Parisi, che ha curato la mostra Le Secessioni Europee. Monaco Vienna Praga Roma che dal 23 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 è allestita a Palazzo Roverella di Rovigo.
L’esposizione evidenzia differenze e affinità nei diversi linguaggi espressivi caratteristici dei giovani artisti europei che alla fine dell’Ottocento si costituirono in movimenti staccandosi dalle aggregazioni che facevano riferimento alla precedente generazione. In evidenza a Monaco una secessione di stampo modernista, mentre a Vienna ci fu   il trionfo del decorativismo, a Praga dell’espressionismo, mentre a Roma  gli artisti si distinsero nel ricercare un’altra via altra, ispirazioni diverse dall’arte in voga in quel momento.
A queste Secessioni, che si diffusero nell’area mitteleuropea all’inizio del Novecento, la mostra di Palazzo Roverella - suddivisa in sezioni tematiche dedicate alle singole città europee - vuole dare evidenza. Lo fa grazie alla collaborazione stabilita con le principali istituzioni museali europee, dall’Albertina di Vienna alla Klimt Foundation, dal Museum Villa Stuck di Monaco alla Narodni Galerie di Praga e con altre importanti collezioni museali europee.
La prima Secessione indagata è quella di Monaco, che dal 1892, evidenziò quel taglio modernista (Jugendstil dalla rivista «Jugend» che ospitò le illustrazioni della giovane bohème monacense) a cui  aderirono Franz von Stuck,, Ludwig von Hofmann, Carl Strathmann, Thomas Theodor Heine.
 La Secessione di Vienna dal 1897 operò all’evoluzione e al superamento di tutte le formule allora esistenti, incluso il simbolismo. Sostenuto dallo scrittore Ludwig Hevesi e dal pittore Gustav Klimt. Il focus di questa sezione della mostra, con opere di Josef Maria Auchentaller, Kolo Moser, Carl Otto Czeschka ed Egon Schiele, dà particolare  rilievo alla pittura, alla grafica e alle arti decorative,
La Secessione di Praga vede protagonisti dal 1890 i primi movimenti modernisti, tra cui il gruppo Manes, verso il 1910 si formò invece il gruppo Sursum, che aveva al suo interno anime espressioniste, simboliste e Nabis. Per evidenziarle sono in mostra opere di Josef Vachal, Frantisek Kobliha, Jan Konupek,  Jaroslav Horejc.
La Secessione di Roma (1913-1916), ben distinta dalle avanguardie futuriste ha visto svilupparsi di linguaggi differenti. Tra i maggiori rappresentanti della corrente romana, sono presenti in mostra Enrico Lionne, Giuseppe Biasi, Aleardo Terzi, Plinio Nomellini e Felice Casorati.
La mostra conferma che queste Secessioni costituirono una premessa necessaria e furono l’incubatore di nuovi fermenti.

Sede di mostra
Palazzo Roverella
Rovigo, via Laurenti 8/10

Orari di mostra
aperta 7 giorni su 7
Da lunedì a venerdì: 9 -19
sabato, domenica e festivi: 9 -20

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner