partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Bill Viola
Rinascimento elettronico
Punk
Le sue tracce nell'arte contemporanea
Stefano Bressani
Picasso Reloaded
Osvaldo Lamborghini
Teatro Proletario De Cámara
Andy Warhol
Una storia americana
Lawrence Weiner
Scritto nel vento, Escrito en el viento
Barcellona
Un salto nell’arte contemporanea
Tour Eiffel
The Refitting of the 1st Floor
Luca Alinari
Scanner intervista il maestro fiorentino
Belle arti
Viaggio tra le Accademie d’Italia

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2017 - 17:17

 

  home>arte > cult

Scanner - arte
 


Osvaldo Lamborghini
Teatro Proletario De Cámara
L'opera grafica di Osvaldo Lamborghini, uno degli autori più inclassificabili ed emblematici della letteratura argentina contemporanea
Dal 30 gennaio al 31 Maggio 2015 al Museu d’Art Contemporani de Barcelona (MACBA) Curated by: Valentín Roma, Catalogue: El sexo que habla

 




                     di Giovanni Ballerini


Il Museu d'Art Contemporani de Barcelona (MACBA) continua a proporre mostre che squarciano il contemporaneo e aggiungono punti di lettura inediti e illuminanti ai fatti artistici, agli eventi, ai movimenti e ai protagonisti dell’underground di fine ‘900 e di questi primi anni del XXI Secolo. E’ il caso di Teatro Proletario de Cámara (Proletaria Chamber Theatre) che propone un focus esaustivo sul lavoro visivo di Osvaldo Lamborghini (Buenos Aires, 1940 - Barcellona, 1985). La mostra offre una affascinante panoramica sul lavoro, di forte radicalità, di un artista ancora inesplorato (Massimo Rizzante lo definisce un classico segreto, anche in patria) che è stato un artefice e un precursore dell’estetica degli anni Ottanta.
Poeta e scrittore, Osvaldo Lamborghini è una delle figure cult della letteratura argentina contemporanea. Con solo tre libri pubblicati in vita - El fiordo (1969), Sebregondi retrocedere (1973) e Poemas (1980) - al fianco Novelas y Cuentos (1988) e Tadeys (incompleta, 1994), che è apparso postumo, la sua leggenda ha continuato a crescere, facendo di lui un mito per diverse generazioni di scrittori americani ed europei. Il suo lavoro anticipa il romanzo contemporaneo graphic, la fanzine auto-pubblicata, l'estetica del fumetto e della letteratura.
Detto questo, la mostra al MACBA si concentra su un aspetto ancora inesplorato della carriera di Lamborghini: la sua vasta produzione visiva, creata nel periodo (tra il 1981 e il 1985) in cui l’artista viveva a Barcellona. Fra questi collage fotografici finora inediti, che erano rimasti nel suo archivio dalla sua morte.
Teatro Proletario de Cámara è divisa in quattro sezioni principali:
La prima ci offre un display integrale degli originali del Teatro Proletario de Cámara, un libro-oggetto interamente concepito da Lamborghini e che non è stato pubblicato fino al 2008. Lo scrittore argentino ha dedicato gli ultimi anni della sua vita, trascorsa a Barcellona, a questo volume inclassificabile di oltre 500 pagine, che può essere visto come una sintesi del suo lavoro visivo. La seconda sezione è dedicata alla presentazione di più di venti quaderni artigianali, dove l’autore alterna fotomontaggi, cronaca politica e un diario personale. Una riprova dell’impegno costante di Lamborghini nel self-publishing (una delle sue frasi più citate è: prima pubblicare, quindi scrivere) la esplica attraverso la creazione dei suoi quaderni fatti a mano, in cui ha elaborato fotomontaggi sostenuti da aforismi, frammenti di descrizioni letterarie, brevi poesie. Nella terza sezione sono raccolti 73 collage-disegni di grande formato, con disegni espressionisti e immagini riciclati dalle pubblicazioni pornografiche dell'epoca. Questi collage combinano composizioni astratte, disegni figurativi e immagini pornografiche, e dimostrano l'influenza della Transavanguardia italiana, uno delle più caratteristiche tendenze pittoriche degli anni Ottanta, con la cosiddetta Nuova Pittura tedesca, sulla pratica estetica di Lamborghini. I film di RW Fassbinder e Pier Paolo Pasolini anche suscitato un fascino intenso lo scrittore, che ha dedicato numerose allusioni a questi autori, sia nei suoi scritti e le sue opere.
Alla quarta sezione sono affidati i suoi interventi pittorici e fotografici in oltre una dozzina di libri in offerta. Uno degli episodi più notevoli nel lavoro visivo della Lamborghini è infatti la sintonizzazione di libri che l'industria editoriale ha scartato. I volumi hanno i soggetti più stravaganti, ma lo scrittore sembra avere una sorta di dialogo autistico con loro. E si propone di offendere il testo originale con proclami escatologici, espressioni pornografiche e disegni che minano i loro messaggi stereotipati.
La mostra si completa con una selezione di biblioteca personale dello scrittore, vale a dire la serie di libri raccolti sotto il titolo di arte, che arrivano dalla sua residenza di Barcellona. I titoli ci aiutano a comprendere l'influenza di alcuni artisti e teorici nella distribuzione delle sue opere. Questi volumi riaffermano la ricchezza di Lamborghini di informazioni artistiche, e la sua relazione con pittori contemporanei, musicisti, registi e saggisti.
All’interno della mostra tutti i libri pubblicati da Lamborghini nelle loro edizioni originali insieme alle diverse riviste con cui ha lavorato, e alcuni manoscritti scritti e corretti di suo pugno.
Interessante il catalogo della mostra, che si chiama El sexo que habla e, oltre a quasi 200 illustrazioni che documentano la varietà dei soggetti, dei media e delle tecniche in opera visiva di Lamborghini, comprende anche cinque saggi scritti appositamente dai romanzieri César Aira e Alan Pauls, dal filosofo Paul Beatriz Preciado, dal critico letterario Antonio Jiménez Morato, e dal saggista e curatore della mostra, Valentín Roma.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner