partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Bill Viola
Rinascimento elettronico
Punk
Le sue tracce nell'arte contemporanea
Stefano Bressani
Picasso Reloaded
Osvaldo Lamborghini
Teatro Proletario De Cámara
Andy Warhol
Una storia americana
Lawrence Weiner
Scritto nel vento, Escrito en el viento
Barcellona
Un salto nell’arte contemporanea
Tour Eiffel
The Refitting of the 1st Floor
Luca Alinari
Scanner intervista il maestro fiorentino
Belle arti
Viaggio tra le Accademie d’Italia

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/07/2017 - 10:38

 

  home>arte > cult

Scanner - arte
 


Bill Viola
Rinascimento elettronico
Un inedito confronto con i capolavori dei grandi maestri che sono stati per lui fonte di ispirazione e ne hanno segnato l’evoluzione del linguaggio
Dal 10 marzo al 23 luglio 2017 a Palazzo Strozzi e alla Strozzina, Firenze

 




                     di Giovanni Ballerini


Uno dei meriti della mostra Rinascimento elettronico è quella di non limitarsi a partire dalla Biennale 46 di Venezia, ma di spaziare su un po’ tutta la produzione di Bill Viola, dando spazio (alla Strozzina) al periodo fiorentino dell’artista americano (Viola ha lavorato come direttore tecnico tra il 1974 e il 1976 all’art/tapes/22 di Firenze, uno dei quattro centri italiani di produzione della videoarte), proponendo i suoi primi video e le fotografie che testimoniano i suoi trascorsi sotto il Cupolone. E se Bill nel 1995 rappresentò gli Stati Uniti alla Biennale con cinque opere (installazioni di video e suono) riunite idealmente dalla definizione Buried secrets, l’esposizione allestita dal 10 marzo al 23 luglio 2017 a Palazzo Strozzi riesce a indagare l’intero percorso creativo del maestro indiscusso della video arte contemporanea, accendendo i riflettori sulle prime sperimentazioni degli anni Settanta fino alle grandi installazioni degli ultimi anni. Il visitatore di questa mostra evento, a cura di Arturo Galansino (direttore generale, Fondazione Palazzo Strozzi) e Kira Perov (direttore esecutivo, Bill Viola Studio), si immedesima piacevolmente in questa arte che profuma di presente e di futuro e che predica un’immersione tra spazio, immagine e suono, tra spiritualità, esperienza e percezione Viola indaga l’umanità e le sue opere sono caratterizzate da uno stile poetico e fortemente simbolico in cui l’uomo interagisce con forze ed energie.
La riflessione dell’artista nato a New York nel 1951, che mette in relazione dall’unione tra ricerca tecnologica e riflessione estetica, si evolve fino a stregare il pubblico con illuminate esperienze sensoriali. Il percorso di Viola illumina la sua visione della natura, attraverso elementi che si specchiano fra loro, come l’acqua e il fuoco, la luce e il buio, il ciclo della vita e quello della rinascita. L’ambito rinascimentale di Palazzo Strozzi istiga e fortifica soprattutto uno straordinario dialogo tra antico e contemporaneo attraverso un inedito confronto delle opere di Viola con quei capolavori dei grandi maestri del passato, come   Pontormo, Masolino da Panicale, Paolo Uccello e Lukas Cranach, che sono stati per lui fonte di ispirazione e ne hanno segnato l’evoluzione del linguaggio.
Il rapporto di Viola con la storia e l’arte viene anche esaltato attraverso importanti collaborazioni con musei e istituzioni quali il Grande Museo del Duomo, le Gallerie degli Uffizi e il Museo di Santa Maria Novella a Firenze, ma anche con le città di Empoli e Arezzo. Oltre ad avere, come dicevamo, rappresentato gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia del 1995, segnaliamo le principali mostre personali di Bill Viola: A 25-Year Survey al Whitney Museum of American Art a New York nel 1997, The Passions presso il J. Paul Getty Museum di Los Angeles nel 2003, Hatsu-Yume (First Dream) al Mori Art Museum di Tokyo nel 2006, Bill Viola. Visioni interiori al Palazzo delle Esposizioni di Roma nel 2008, Bill Viola presso il Grand Palais di Parigi nel 2014. Due grandi installazioni dell’artista, Martyrs (Earth, Air, Fire, Water) (2014) e Mary (2016), parte della collezione della Tate Gallery, sono in esposizione permanente presso la Cattedrale di St. Paul a Londra.
Titolo Bill Viola. Rinascimento elettronico, Palazzo Strozzi
Periodo 10 marzo-23 luglio 2017
Catalogo Giunti Editore, Firenze
Prenotazioni Sigma CSC T. +39 055 2469600 F. +39 055 244145
e attività didattiche prenotazioni@palazzostrozzi.org
Tutti i giorni 10-20. Giovedì 10.00-23.00.
Accesso in mostra consentito fino a un’ora prima dell’orario di
chiusura. Info in mostra www.palazzostrozzi

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner