partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


I Giardini della scultura
Dedicato a Pier Carlo Santini
Biennale di Venezia
56. Esposizione Internazionale d’Arte
Species of Spaces
Curated by Frederic Montornés
Past Disquiet
Narrativas y fantasmas
30/60 opere della collezione
Del FRAC Champagne-Ardenne
megafone.net
2004-2014
Accademia di San Luca
E’ nata l'Associazione Amici
Meetings on Art
La continua evoluzione dell’arte
Live Arts Week - Gianny Päng
Seconda edizione
Corrado De Meo
Les sonoritèes de la couleur

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 12:07

 

  home>arte > appuntamenti

Scanner - arte
 


Species of Spaces
Curated by Frederic Montornés
Riflettendo sulla lezione di Georges Perec
Dal 15 luglio 2015 a 31 gennaio 2016 al MACBA di Barcellona

 




                     di Giovanni Ballerini


"Mettendo per un momento da parte il concetto che la linearità della nostra esistenza dipende dai dettami del caso e che non importa quanto ci sforziamo non saremo mai in grado di dominare completamente, il punto di partenza del nostro progetto si basa sui luoghi in cui essa si svolge. Cioè, sugli spazi che ci definiscono secondo il modo in cui li usiamo”. Concepita come un edificio spazialmente frammentato in base alla tipologia stabilita dal Perec nel suo libro Species of Spaces (Specie di spazi), la mostra in programma al MACBA di Barcellona dal 15 luglio 2015 a 31 gennaio 2016 presenta una selezione di opere scelte per la loro capacità di fare riferimento ai settori in cui agiamo: esistere, spostare, pensare e vivere. Una serie di spazi che, visti attraverso gli occhi di un artista, ci appaiono come contrappunto ideale per forzare l'immaginazione a cercare il modo migliore per definire l'uso che ne facciamo. A cura di Frederic Montornés, critico d'arte e curatrice indipendente, la mostra è concepita come un edificio spazialmente frammentato in base alla tipologia stabilito da Georges Perec nel suo libro Specie di spazi.
La mostra presenta una selezione di opere scelte per la loro capacità di fare riferimento ai settori in cui agiamo, esiste, spostare, pensare e vivere. Vale a dire, una serie di spazi che, vista attraverso gli occhi di un artista, portarci vicino al significato che possono avere per noi attraverso specifiche produzioni. La mostra dovrebbe essere inteso come una libera interpretazione di un libro alla deriva intorno ad alcuni angoli dello spazio pubblico e privato, l'intimità e la vita sociale, ciò che siamo e ciò che gli altri vedono in noi. In altre parole, come l'esistenza umana, va alla deriva dallo spazio minimo e limitato di pagina per l'impossibilità di fissare limiti all'idea di spazio in generale. Specie di spazi comprende opere di Martí Anson, Luz Broto, Gerhard Richter, Lara Almarcegui, Joan Hernández Pijuan, Serafín Álvarez, Lucio Fontana, Dora García, Robert Gober, Adrià Julià, Humberto Rivas, Marla Jacarilla, Gego, Jordi Colomer, Ignacio Uriarte , Lois Patiño, Pep Duran, Pedro G. Romero, Stanley Brouwn, Francesc Ruiz, Daniel Steegmann, Victor Burgin, Joan Colom, Ignasi Aballí, Edward Ruscha, Ester Partegàs e Gino Rubert, tra gli altri.
Più che una mostra con una tesi, archivio o di documentazione, la tesi di Specie di spazi, è un po’ una libera interpretazione di un libro alla deriva intorno ad alcuni angoli dello spazio pubblico e privato, l'intimità e la vita sociale. Ciò che siamo e ciò che altri vedono in noi. In altre parole, come l'esistenza umana, va alla deriva dallo spazio minimo e limitato di pagina per l'impossibilità di fissare limiti all'idea di spazio in generale. Nel corso di questa avventura, Georges Perec - noto, tra le altre cose, per la sua tendenza ossessiva a fare elenchi di tutto ciò che accade quando non succede nulla, o ciò che notiamo, ma mai annotare - ci appare come la guida più appropriata. Così, oltre ad essere l'autore del libro che dà a questo titolo alla mostra, Perec ci indica la strada negli spazi che vogliamo inserire, senza alcun tipo di intenzione enciclopedica e ponendo domande sul significato che possono avere per ognuno di noi .

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner