partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Bollywood Talkies
Di Vanessa Vettorello
Miserachs Barcellona
Curata da Horacio Fernández
FoFu Phot'art
Fucecchio Foto Festival 2015
Il sipario incantato
Il sapore del teatro in mostra
Itinere
Compenetrazioni d’artista
Achille Jachetti
Macelleria.me
Ivo Saglietti
I Demoni
A year of blues
Una mostra fotografica di Mark Abouzeid
Ugo Mulas
La scena dell’arte
Ari Marcopoulos
Always and Never

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/06/2018 - 08:48

 

  home>arte > fotografia

Scanner - arte
 


Daniela Perego
Loro
In una mostra personale presenta tre recenti lavori e la sua nuova poetica del
Fino al 17 ottobre 2003 presso lo Studio d'Arte Contemporanea Pino Casagrande di Roma

 




                     di Daniela Trincia


Inaugurata il 18 settembre e aperta fino al 17 ottobre 2003 presso lo Studio d'Arte Contemporanea Pino Casagrande, la personale di Daniela Perego sin dall'emblematico titolo "Loro", annuncia che qualcosa è cambiato.

Con un'impostazione fedelmente di matrice fotografica, che al contempo unisce con un sottile filo rosso l'intera esposizione, il percorso muove dal trittico fotografico a colori. Una giovane donna s'indaga o indaga il suo doppio attraverso il sincero specchio. Curiosità e stupore si fondono nella scoperta di angoli o verità inaspettati.

Prosegue con un video dove l'immagine mantenendo la centralità fotografica, perde il caratteristico mutismo e fissità, per esprimersi in un canto. La conclusione, ma anche un nuovo inizio o semplicemente la sintesi dei passaggi intermedi, finanche una risposta, è nel video, in bianco e nero, che è l'opera centrale dell'esposizione. Servendosi di una immaginaria enorme lente di ingrandimento, vengono così osservati quei nuclei che sono alla base della struttura associativa dell'uomo: la relazione, la coppia uomo donna. Come una gigantografia, gli sguardi, gli impercettibili movimenti dei due protagonisti, ammaliano lo spettatore rimane catturato in attesa dell'aspettato loro congiungersi, e dopo minuti di attesa si desta dall'ipnosi provocata dalla proiezione e, disorientato, cerca dall'esterno un anticipo di risposta.

Qualcosa è cambiato in Daniela perché i lavori precedenti dell'artista erano squisitamente orientati nella "poetica dello spazio", principalmente interiore, per andare oltre l'epidermide e rintracciare quelle peculiarità dell'individuo, come si poteva ben rintracciare nella precedente personale, del 1999, dal titolo "Volti. Poetica dello "spazio interiore" ora sostituito dall'analisi di come lo "spazio si relaziona con se stesso e con l'altro". Ma anche un piccolo cambiamento nell'aspetto fisico in qualche modo comunica questa nuova direzione. Un piccolo annuncio volendo era già stato dato con l'installazione ad ottobre 2002 presso la "Vetrina" di Lipoli, dove una piccola Trilly in bianco e nero, con movimenti ora lenti ora vertiginosi, sottolineava le fasi del vivere.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner