partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


I Giardini della scultura
Dedicato a Pier Carlo Santini
Biennale di Venezia
56. Esposizione Internazionale d’Arte
Species of Spaces
Curated by Frederic Montornés
Past Disquiet
Narrativas y fantasmas
30/60 opere della collezione
Del FRAC Champagne-Ardenne
megafone.net
2004-2014
Accademia di San Luca
E’ nata l'Associazione Amici
Meetings on Art
La continua evoluzione dell’arte
Live Arts Week - Gianny Päng
Seconda edizione
Corrado De Meo
Les sonoritèes de la couleur

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 23:40

 

  home>arte > appuntamenti

Scanner - arte
 


Past Disquiet
Narrativas y fantasmas
Dell’Esposizione Internazionale d'Arte per la Palestina, 1978
la mostra curata da Kristine Khouri e Rasha Salti inaugura giovedì 19 febbraio 2015, 19:30 e sarà vistabile dal 20 febbraio al 1 Giugno 2015 al Museu d'Art Contemporani de Barcelona (MACBA)

 




                     di Giovanni Ballerini


Inaugura giovedì 19 febbraio 2015, 19:30 e sarà vistabile dal 20 febbraio al 1 Giugno 2015 al Museu d'Art Contemporani de Barcelona (MACBA) la mostra curata da Kristine Khouri e Rasha Salti, Past Disquiet Narrativas y fantasmas de la Exposición internacional de arte en solidaridad con Palestina, 1978, un documentario, un seminario (venerdì e sabato 21 febbraio) e una mostra archivistica centrata sulla ricerca condotta su e intorno alla storia della Mostra Internazionale d'Arte per la Palestina, che ha aperto nella primavera del 1978 all’Università araba di Beirut, in Libano. Questa Mostra Internazionale d'Arte che fu curata dalla Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), la mostra proponeva circa 200 opere donate da quasi 30 paesi. L’idea era dare vita e prospettiva a una sorta di museo in esilio con una mostra itinerante che doveva andare in tour in tutto il mondo.  Ma, durante l'assedio israeliano di Beirut nel 1982, l'edificio in cui erano conservati i lavori, insieme con archivio e documentali tracce della mostra, è stata distrutto dai militari israeliani.
la seconda metà del XX secolo ha visto un fiorire di mostre di grande importanza e rilevanza al di fuori del quadro di musei e istituzioni. In molti casi, il desiderio di creare nuove forme di istituzionalità ha portato a queste iniziative che rientrano nel dimenticatoio o alla loro distruzione fisica o mnemonica. Questo è un tentativo di avviare una lettura di un'altra storia dell'arte, quella che raccoglie i desideri e le speranze di molte persone, dal punto di vista di un recente passato che non deve continuare ad essere lasciato fuori delle narrazioni storiche dell'arte.
Inquietudine Past propone una ricostruzione speculativa dell'universo di pratiche artistiche e museografici politicamente impegnati nell'ambiente del movimento di solidarietà anti-imperialista internazionale del 1970, sulla base di una ricerca sulla storia della Mostra Internazionale d'Arte per la Palestina (Beirut, 1978 ). Un excursus attraverso storie dimenticate, ritagli di giornale ingialliti, riviste e pubblicazioni, la maggior parte dei quali non sono più in circolazione, opuscoli di rivoluzioni che hanno perso il loro fervore, e fotografie memorizzati in scatole che non erano stati aperte per decenni.
Pasado inquieto inizia con la Palestina a Beirut e viaggia per il mondo, a Parigi, Roma, Rabat, Baghdad, Tokyo, Venezia, Santiago del Cile, Città del Capo. Mille e una storia vengono riscoperte. E, con queste, si monitorano artisti e militanti; in altre parole, visionari e sognatori che immaginavano musei che incarnavano le cause per cui sono stati combattendo. Musei senza pareti, che si alimentano con donazioni di artisti in esilio o in solidarietà con la causa. Mostre itineranti, e sono destinate a viaggiare per il mondo fino al cambio storico per il quale stavano combattendo sarebbe diventato reale. La Mostra Internazionale d'Arte per la Palestina, come il Museo della Resistenza Internazionale per Salvador Allende e gli artisti del mondo contro l'apartheid, ha avuto inizio con gli artisti che credono che l'arte è al centro della vita quotidiana, nelle strade, città, scuole e case, al araldo del cambiamento politico, e con i militanti che credono che il cambiamento politico è impossibile immaginare senza di artisti.
Concepita per esporre, mediare e incarnare i temi molteplici e le domande che hanno guidato questa ricerca, Past Disquiet contiene montaggi video creati utilizzando materiale cinematografico d'archivio, testimonianze registrate e archivi privati e materiali provenienti, tra gli altri, dal Museo della Resistenza Internazionale per Salvador Allende, e artisti contro l'apartheid, accanto ad altre manifestazioni che si intersecano, come la Prima Biennale araba a Baghdad (1974) e alla Biennale di Venezia del 1976.
La ricerca condotta per oltre quattro anni da Kristine Khouri e Rasha Salti, è stata resa possibile grazie alla generosità di quasi un centinaio di persone che hanno affidato i loro ricordi, i loro approfondimenti, aneddoti personali. La ricerca di questo progetto è stato reso possibile dal generoso sostegno di: Rana Sadik e Samer Younis, il Fondo Arabo per le Arti e la Cultura (AFAC), AM Fondazione Qattan e ZedGrant.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner