partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


The Florence Experiment
L’interazione tra umani e piante
Arte Fiera 2018
L’edizione 42
I Giardini della scultura
Dedicato a Pier Carlo Santini
Biennale di Venezia
56. Esposizione Internazionale d’Arte
Species of Spaces
Curated by Frederic Montornés
Past Disquiet
Narrativas y fantasmas
30/60 opere della collezione
Del FRAC Champagne-Ardenne
megafone.net
2004-2014
Accademia di San Luca
E’ nata l'Associazione Amici
Meetings on Art
La continua evoluzione dell’arte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  11/12/2018 - 16:31

 

  home>arte > appuntamenti

Scanner - arte
 


Foto-Graphics Rooms
Due mostre
A Palazzo Fontana di Trevi
Roma

 




                     di Chiara Caporilli


Se la Fontana di Trevi è servita a Federico Fellini ad incastonare la bella Anita Eckberg nella Dolce Vita, da sfondo di celluloide diventa ora proscenio di ricchi eventi. Nelle stanze dello splendido palazzo che la sostiene, sede dell’Istituto Nazionale per la Grafica, sono in corso due mostre, la prima delle quali vede esposta l’opera incisoria di David Hockney.
La produzione grafica apre nuovi spiragli su un artista noto al grande pubblico per la sua opera pittorica come precursore della Pop Art.
Nella serie A Rake’s Progress l’artista inglese, vissuto in America a partire dai primi anni Sessanta, ci racconta attraverso una serie di acqueforti, il suo primo arrivo in quella terra.
Lo sguardo del giovane britannico (poco più che ventenne) riesce a cogliere alcune peculiarità del paese straniero con acume e forte sense of humor, restituendone un’immagine fresca al disincantato spettatore europeo.
Attraverso un segno grafico svelto e sensibile alla vita (Illustrazioni per sei favole dei fratelli Grimm, per i poemi del greco Kavafis, per The blue Guitar di Wallace Stevens).
L’altra rassegna presenta un’ampia retrospettiva su Luigi Ghirri , uno dei maestri riconosciuti della fotografia contemporanea. A partire dai primi anni Sessanta entra in contatto con gli artisti concettuali modenesi e da quelle prime esperienze concepisce la fotografia come atto mentale, come esperienza conoscitiva.
Le sue immagini così essenziali, dai delicati toni pastello, si alleggeriscono e danno della realtà nuovi significati. Ghirri riesce a trasformare la realtà attraverso l’inquadratura e il taglio, perché: “ho cercato nel gesto del guardare il primo passo per cercare di comprendere”.

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner