partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Bollywood Talkies
Di Vanessa Vettorello
Miserachs Barcellona
Curata da Horacio Fernández
FoFu Phot'art
Fucecchio Foto Festival 2015
Il sipario incantato
Il sapore del teatro in mostra
Itinere
Compenetrazioni d’artista
Achille Jachetti
Macelleria.me
Ivo Saglietti
I Demoni
A year of blues
Una mostra fotografica di Mark Abouzeid
Ugo Mulas
La scena dell’arte
Ari Marcopoulos
Always and Never

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  11/12/2018 - 17:41

 

  home>arte > fotografia

Scanner - arte
 


Ari Marcopoulos
Always and Never
Il fotografo delle sottoculture (skateboarding, arte, musica) propone un ritratto di Andy Warhol mai presentato al pubblico prima
Inaugurazione martedì 4 marzo 2008 alle 18.30. Fino al 30 aprile 2008 alla galleria Patricia Armocida di Milano

 




                     di Giovanni Ballerini


Uno dei maggiori e più interessanti fotografi delle ultime generazioni, Ari Marcopoulos, inaugura martedì 4 marzo 2008 alle 18.30 Always and Never, la sua prima mostra personale in Italia alla galleria Patricia Armocida di Milano (via Bazzini n°17).

L’artista nato ad Amsterdam nel 1957, per l’occasione presenterà lavori di medie e grandi dimensioni fra i quali spiccano 7 fotografie inedite, il video Dressage, esposto recentemente presso il MC Kunst di Los Angeles, e un ritratto di Andy Warhol (1986) mai presentato al pubblico prima.

Si parla spesso dell’opera di Marcopoulos per il suo coinvolgimento nelle sottoculture (skateboarding, arte, musica). In questa mostra, immobili cieli sconfinati e paesaggi solitari si contrappongono all’azione di sport estremi, il palco e la strada, per i quali è soprattutto noto.

Il desiderio di superare i limiti della conoscenza anima questi lavori. In Sho Ka Wah, un bambino divarica le braccia alate proteso a liberarsi in volo, emblema di Icaro, metafora dell’artista proiettato il più lontano possibile. A volte riuscendo a volte fallendo senza pensare alla caduta. Le ferite nelle foto di Marcopoulos sono spesso tracce dell’esperienza, dello spingersi troppo oltre, su uno skateboard o su una bicicletta, in Angel II i lividi, forse, sono la conseguenza di un’ala spezzata.

Rifiuto del limite per raggiungere una comprensione autentica e reale del mondo al di là dell’apparenza. Andy Warhol, come figura paterna dell’artista, assume proporzioni mitologiche.

La curatrice Kate Fowle, nel suo testo per il catalogo della mostra Flow (2006), afferma: “Per ogni fotografia esposta, ve ne sono altre cento che Ari non ha ancora trovato il momento adatto per presentare. Il momento non è riferito soltanto allo scatto, ma anche alla sua esposizione al pubblico”.

Ari Marcopoulos è un fotografo e un filmmaker nato ad Amsterdam, Paesi Bassi. Si trasferì a New York nel 1979, ed oggi vive nella California del Nord.

Le sue opere sono state esposte alla 2002 Whitney Biennial, Whitney Museum of American Art; Kunsthalle, Berna; The Photographer’s Gallery, Londra; Porto Mercosul Biennial; Wattis Institute for Contemporary Art; PS1/MOMA, New York; Kunsthaus, Zurigo. Tra i suoi film: “Larry Wright” in P.O.V., The American Documentary e “Key to the Riddle” proiettato al Museum of Modern Art, New York nelle loro New Documentaries series. Attualmente sta lavorando ad un documentario sul suo amico snowboarder Craig Kelly. Un nuovo libro, “The Chance Is Higher”, pubblicato da Dashwood Books, è uscito nel Febbraio 2008.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner