partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Ettore Sottsass
Oltre il design
Reporting From The Front
15. Mostra Internazionale di Architettura
Fundamentals
14. Mostra Internazionale di Architettura
Phyllis Lambert
E gli altri leoni di Venezia
Motor of Modernity
Grup R. Architecture, Art and Design
Maicol e Mirco
Universo
Vorrei sapere perché
Una mostra su Ettore Sottsass
Paolo Riani
Uncharted territories, per territori sconosciuti
I giovani alla biennale d'Architettura
Next - Ottava Biennale di architettura e design
Next 2002
Next City, gli altri progetti speciali e gli eventi paralleli

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/09/2018 - 14:48

 

  home>arte > design

Scanner - arte
 


Animal House
Le parole e le cose II : Oggetti con nomi e forme zoomorfe
Curatore Silvana Annicchiarico, allestimento Giancarlo Basili, Collezione Permanente del Design Italiano
Triennale di Milano 10 maggio - 8 settembre 2002

 




                     di Giovanni Ballerini


Il ciclo di esposizioni intitolato Le parole e le cose II , dopo la mostra Non sono una signora (Triennale di Milano, 22 gennaio-21 aprile 2002) dedicata agli oggetti con nomi di donna, prosegue con la mostra Animal House, dedicata agli oggetti con nomi e forme di animali.

Il risultato è un repertorio formato all'incirca di 200 oggetti, che hanno in comune (talora nella forma, talora nel nome, talora in entrambi) un preciso riferimento zoofilo.

Un entomologo del design potrebbe tentare varie classificazioni in proposito, magari distinguendo fra specie volatili (lo scooter Vespa, la lampada Airone), specie acquatiche (la poltrona Delfino, la lampada Medusa) o specie terrestri (il telefono Grillo, l'automobile Topolino), oppure potrebbe mappare e catalogare la consistente presenza di oggetti che rinviano ad animali ludico-fantastici (la seduta Moby Dick, il gatto Meoromeo di Bruno Munari).

Va comunque notato che la tendenza zoofila del design italiano non è certo un elemento accidentale o occasionale, ma frutto di un complesso meccanismo simbolico. In pratica si tende a collocare negli interni domestici degli oggetti che fanno riferimento a quel mondo animale che è stato espulso dalle nostre case. Oggetti comuni e anonimi che hanno ormai assunto forme stereotipate di animali (i salvadanai a forma di porcellino), ma anche prodotti in serie del design più sperimentale. Non a caso, quasi tutti i più importanti designer italiani hanno prodotto oggetti zoomorfi o zoonomi: da Munari (la scimmietta Zizì) ad Achille Castiglioni (la lampada Gatto), da Gae Aulenti (la lampada Pipistrello) a Marco Zanuso (la seduta Lombrico). Non sempre sono animali domestici.

A volte gli oggetti del design evocano nel nome o nella forma anche animali esotici, feroci, selvatici, rapaci (Cobra, Giraffa, Rinoceronte, Serpente, Orca…). Attraverso la loro presenza la casa si anima come uno zoo virtuale e il rimosso dell'animalità riemerge dentro la ratio tecnologica e moderna del progetto.

Molti degli oggetti esposti in questa mostra fanno parte della Collezione Permanente del Design Italiano della Triennale di Milano, altri sono stati selezionati per questa occasione, ed entreranno a far parte stabilmente della Collezione. L'iniziativa Le parole e le cose rientra in un progetto che punta ad esporre la Collezione con un taglio sempre nuovo, tracciando nuovi possibili percorsi di lettura nella storia del design italiano e consentendo di individuare, segnalare e acquisire nuovi oggetti che arricchiscano e consolidino il patrimonio esistente.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner