partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Freespace
Biennale di Venezia
MADI. The Other Geometry
A cura di Cristina Costanzo
Viva arte Viva
Biennale Arte 2017
I Leoni d’oro alla carriera
La Biennale di Venezia 2016
Biennale di Venezia
All the World’s Futures
Arte Fiera 2015
Trentanovesima edizione
Strozzi per COOL T
Settimana della Cultura in Toscana
Just davant nostre
Altres cartografies del Rif
Personal Structures
Oltre l’evento collaterale
Arte e Teatro
Creatività a confronto

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/12/2018 - 10:37

 

  home>arte > eventi

Scanner - arte
 


OPEN. In Breve...
Scultura cinema e città
Un'idea di Paolo de Grandis con la collaborazione di Pierre Restany
Una appuntamento di rilievo per l'arte contemporanea. A Venezia Lido

 




                     di Drago


OPEN si conferma un'appuntamento di prestigio per l'arte contemporanea
OPEN2002. Imaginaire Féminin. L'edizione 2002 di Open. Trionfa l'arte al femminile: 43 artiste per 38 paesi diversi


Giunto alla quinta edizione, OPEN è diventato un appuntamento di rilievo dell’arte e della creatività. L’idea di partenza fu di Paolo De Grandis, era semplicemente grandiosa. Creare un appuntamento dedicato alla scultura inserita nel contesto urbano che affiancasse l’ormai celeberrima mostra internazionale del cinema. Già dall’inizio gli obbiettivi di OPEN puntavano in alto. Nella prima edizione (1998) già si contavano presenze internazionali di gran rilievo: per l’America c’era Beverly Pepper, per la Grecia Varotsos, per l’Italia Calzolari; questo fece si che il progetto prese letteralmente il volo. Nelle successive edizioni gli artisti a rispondere all’invito crescevano sempre più, e la scultura pubblica si riconfermava (e si riconferma tutt’ora) una scultura totalmente autonoma, che si inserisce nell’ambiente urbano abbracciando o stridendo col suo contesto. Nel corso degli anni, fino ad arrivare all’OPEN 2002 inaugurato il 29 Agosto, le partecipazioni sono sempre in salita e ci si avvicina sempre più al mondo del cinema fino a trovare nello scorso 2001 con la partecipazione dell’italiano Mimmo Rotella.

L’interesse dell’artista nei confronti delle locandine cinematografiche non è resistito al Leone D’Oro. La Fondazione Mimmo Rotella infatti istituì un premio per un cineasta la cui arte testimoni l’amore per il suo tempo. Fu così che per primo è stato premiato Joao Botelho per il suo film “Quem ès tu?”. Il premio MIMMO ROTELLA diventerà un appuntamento fisso atto a generare il legame in modo simbolico fra la scultura pubblica e il cinema.

Nel corso delle brevi tappe della sua neonata storia, OPEN ha saputo confermarsi una data di notevole importanza nel calendario dell’Arte Contemporanea. Certo, non concorrerà mai con la Biennale della laguna, ma ha tutti gli attributi per poterla, nelle prossime edizioni,affiancare. Le presenze sempre in aumento quest’anno hanno visto una grandissima partecipazione dei paesi asiatici, che riscoprono il loro linguaggio sintetico spesso rivisto e rielaborato dal contesto occidentale, e dei paesi dell’est che presentano opere tanto influenzate dalla condizione poco felice della vita.
OPEN apre l’arte al pubblico, e riesce a metterla alla prova inserendola negli spazi, nella realtà. In poco tempo le opere sembrano adattarsi al luogo, e quindi subiscono anch’esse il passare del tempo. Vengono attraversate da una realtà differente, dalla realtà urbana.


Voto 8,5 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner