partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


The Florence Experiment
L’interazione tra umani e piante
Arte Fiera 2018
L’edizione 42
I Giardini della scultura
Dedicato a Pier Carlo Santini
Biennale di Venezia
56. Esposizione Internazionale d’Arte
Species of Spaces
Curated by Frederic Montornés
Past Disquiet
Narrativas y fantasmas
30/60 opere della collezione
Del FRAC Champagne-Ardenne
megafone.net
2004-2014
Accademia di San Luca
E’ nata l'Associazione Amici
Meetings on Art
La continua evoluzione dell’arte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/09/2018 - 21:44

 

  home>arte > appuntamenti

Scanner - arte
 


David Krippendorff
Sleeping Beauty - the Gilda series
curata da Manuela Gandini, La serie dedicata a Gilda consiste in opere video, disegni e quadri, sviluppati sulla dualità dell’inconcepibile bellezza femminile hollywoodiana usata come metafora della potente arma atomica
Dall’8 maggio al 15 giugno 2007 all’ Artandgallery di Milano Inaugurazione: 8 maggio h. 19.00 – 23.00, via Arese 5

 




                     di Giovanni Ballerini


La rinnovata Artandgallery di Milano apre con un’inedita serie di eventi che creeranno un nuovo turbine multidisciplinare. L’ex teatro d’opera - attualmente galleria, bar, lounge, garden, meeting point, laboratorio di idee - dopo i primi quattro anni di attività, basati sulla scelta di collettive a tema, si concentra su mostre personali e sulla moltiplicazione di eventi collaterali, brevi e immediati. La prima mostra è il site specific di David Krippendorff.

L’8 maggio, dalle 19.00, Artandgallery aprirà i battenti con Sleeping Beauty - the Gildaseries 2002-2007 la personale dell’artista tedesco-americano David Krippendorff, curata da Manuela Gandini. La serie dedicata a Gilda consiste in opere video, disegni e quadri, sviluppati sulla dualità dell’inconcepibile bellezza femminile hollywoodiana usata come metafora della potente arma atomica. Il linguaggio seducente del cinema americano che nasconde una violenta ideologia imperialista è smascherato dall’artista e riportato alla tragedia contemporanea.

Immersa nell’oscurità, in un silenzio rotto da un ritmico e lontano fragore, l’installazione centrale di David Krippendorff, Sleeping Beauty (2003),  crea un’inquieta attraente tensione.

In bianco e nero, al centro del triplice schermo, Gilda ( Rita Hayworth), sdraiata su un bellissimo copriletto, ha un impercettibile sussulto, mentre a lato, una pioggia di bombe scende lentamente. Lei non vede, Hollywood non vede, lo spettacolo offusca il reale e le bombe giungono silenziose.

Il lavoro di Krippendorff si focalizza sulla costruzione della realtà da parte dello star system e sulla parallela esplosione di violenza della superpotenza. In Blame (2002), un video tratto anch’esso dai frame di “Gilda”, la sublime bellezza dell’attrice è trasfigurata nell’esplosione atomica. L’immagine, in negativo, della Hayworth, non è più né divina, né umana, né diabolica né angelica. E’ solo ineluttabile. Il titolo del video, blame (colpa) ricorda che ogni grande catastrofe naturale porta un nome femminile. Nel film lei canta “Put the Blame on Mame” descrivendo i cataclismi naturali al femminile.

“Sleeping Beauty – spiega l’artista - sintetizza il rapporto tra la bomba atomica testata sull’atollo delle isole Bikini dagli Stati Uniti nel 1946 ed il film Gilda (1945), da cui è tratta l’immagine centrale del video: Fu infatti in onore di Rita Hayworth, dopo la fama ottenuta con il ruolo di Gilda, che questa atomica fu soprannominata con il nome del suo personaggio, e la sua immagine fu dipinta sulla superficie della bomba. Sulla scia di questo vero e proprio “entusiasmo atomico” che colpì l’America del dopoguerra, Rita Hayworth fu anche definita la bellezza atomica grazie ai suoi capelli rossi, nonché le terminologie Sex-bomb e Bombshell furono coniate in quel periodo”.

Beautifull Island (1) chiude il ciclo dei video mentre tele di grande formato e disegni, fermano le scene della attualissima serie “Gilda”.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner