partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Alessio Bertallot
Su Radio2 con il programma Raitunes
Adriano Celentano 2005
Essere rock o essere lenti?
Vita da strega
Bewitched con la bellissima Elizabeth Montgomery
125 Milioni di Ca7..te
dal 26 aprile 2001, su Rai 1 ogni giovedý 21.00 circa
Faccia da Comico
Il mini tour dello show comico di Guzzanti, Dandini, & Co
Quando Bartali conobbe Paolo Conte
Addio Gino!!!
Marco Paolini
I-TIGI: Ustica, ballata in forma di teatro

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/09/2018 - 17:05

 

  home>tv > eventi

Scanner - tv
 


Adriano Celentano 2005
Essere rock o essere lenti?
Il virus Rockpolitik
Da giovedÝ 20 ottobre 2005 alle 21.00 su Raiuno

 




                     di Ru-y2k


Rockpolitik, 2005
Esco di rado (e parlo ancora meno)
125 milioni di ca7..te


Continua il tormentone sull'essere Rock o sull'essere lento. La macro-semplificazione di Adriano Celentano ha trovato terreno fertile nelle italiche genti. Ben la di lÓ del normale avvicendarsi di un costume gergale che si sostituisce a quello precedente, il becero qualunquismo da tiv¨ neo-manichea sembra aver colpito ancora.

L'innata simpatia del cantante non pu˛ consentirci di perdonarlo per ogni sciocchezza che questi propaga ammantandosi di quel guruismo che tanto gli Ŕ piaciuto mostrare al pubblico fin dai suoi esordi.
Una trasmissione come Rockpolitik, strombazzata ai quattro venti con condimenti vari, fra i quali l'eroica auto sospensione di Mr. Fabrizio Del Noce, meriterebbe in effetti molta meno ribalta di quanta gli sia stata data.
Ma tant'Ŕ... I politici, in prima fila, stizzosi, permalosi, indignatissimi, si sono spinti al limite del ridicolo gridando a delitti di lesa maestÓ, infiammandosi per questo o quell'intervento giudicato offensivo o troppo di parte come se, costoro, non lo fossero a loro volta. Forse sarÓ che lor signori non hanno ancora capito che, "essere di parte" Ŕ di parte. E questo Ŕ un vero peccato: l'occasione che questi hanno avuto, serviti e riveriti, non Ŕ servita ad apprendere quell'umiltÓ tanto necessaria a chi si offre alla guida di un Paese fragile e complicato come il nostro. Ma certo, affidare ad un elefante la custodia di un negozio di preziose porcellane non sgomenta pi¨ nessuno. E allora arriva lui, il molleggiato (ma perchÚ ci ostiniamo a chiamarlo cosý?) e lui, il grande moralista simpatico, castiga tutti quanti, a destra e sinistra, a manca e a dritta, tira orecchie, rinfaccia promesse, decide sentenze, pone divisioni fra buoni e cattivi, fra Rock e lenti... Ma che significa essere lenti? Trattasi della vecchia definizione di quel ballo "corpo a corpo" in uso negli anni sessanta che, in fondo, era l'unico modo per stringere a sÚ una ragazza sconosciuta senza beccarsi una sberla da 4000 kilojoule? Oppure Ŕ solo una caratteristica relativistica di un vettore che si sposta lungo una linea temporale? ...Magari Ŕ una catalogazione cognitiva (lenti di comprendonio) Ma no, forse Ŕ una metaforizzazione asimmetrica dove il bene Ŕ solo nella chiave di lettura che Egli ha dato del Rock, non inteso come musica ma come filosofia (ma esiste una filosofia con questo bizzarro termine anglosassone?) Oppure intendeva il Rock come epifenomeno culturale? Nessuno ha chiarito la questione ma tutti sembrano essersene appropriati, primi fra tutti i troppo furbi e i cretini di ogni etÓ (con questa ultima frase, cito le parole di una canzone di Lucio Dalla).

Insomma: Celentano, da celenterato qual era (ovviamente in senso figurato) Ŕ passato alle classificazioni tassonomiche! Niente di Darwiniano che non Ŕ pi¨ di moda, per caritÓ! Meglio qualcosa di rudimentale e di facile presa nella testa della gente.

Di una cosa per˛ voglio rendergli merito: Celentano ha avuto il coraggio di mostrarsi cosý com'Ŕ, con la sua faccia sciupata, pallida ombra un po' sfatta della simpatica maschera del bullo di provincia (con il cuore buono), i suoi capelli scarruffati ed imperfetti, sempre in giro per la testa, i suoi abiti trasandati (o forse Ŕ il suo aspetto fisico che li trasforma cosý?) e quella sua aria da "appena uscito dalla rianimazione". Tutto il contrario dell'ultimo imperatore, tenuto su con il lifting ed il rimboschimento tricologico, il sorriso estenuante e le barzellette a raffica, come se di barzellette avessimo bisogno davvero.
Fra i due, il criticante ed il criticato, vince il primo ma solo a beneficio di quel che resta del buon gusto. Concludendo, Celentano continua a rimanermi simpatico, se non altro per la sua carica umana che non nasconde le sue contraddizioni. Non altrettanto posso dire della sua ultima operazione: Rockpolitik Ŕ un contenitore riempito di idee provocatorie solo a metÓ: dire che il Papa Ŕ Rock e Zapatero Ŕ lentissimo Ŕ sciocco tanto quanto Ŕ sciocco fare parallelismi fra due personalitÓ cosý diverse. Per favore, non facciamo confusione!

Simpatico ma non pi¨ tanto molleggiato. Anche il pane migliore, dopo un po' diventa raffermo. E anche raffermo, Ŕ pur sempre utile a qualcosa. Grattato, pu˛ servire per molte pietanze, per tutte le stagioni, per tutte le coscienze.

Il primo che dice che quello che ho scritto Ŕ Rock, giuro, lo mando difilato dalla De Filippi!
Non provateci!

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner