partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Firenze Suona Contemporanea
Rassegna Aprire Venere
JazzUp
Ottava edizione
Nextech Festival
Settima edizione
International Feel
Live at the Museum
Tempo Reale Festival 2011
Quarta edizione: Paesaggi
Nextech Festival
VI Edizione
Metastasio Jazz 2011
Riti e maschere del Jazz
Associazione siciliana Amici della Musica
79a Stagione Concertistica 2010/2011
Parmajazz Frontiere
XV Edizione - La Musica Muta
On The Road Festival 2010
Incontri con musicisti e artisti di strada

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 12:41

 

  home>musica > festival

Scanner - musica
 


JazzUp
Ottava edizione
Un ponte culturale dalla Tuscia alla Valle d’Itria. Fra gli artisti coinvolti: Gegè Telesforo, Pollock Project, Marina Nocilla, gli Organicanto, Matteo Pianezzi, i Fantomatik Orkestra
A Viterbo dal 27 giugno al 6 luglio, 26 luglio, 14 agosto, 26 agosto - Martina Franca dal 10 al 12 luglio Montefiascone dal 21 al 25 luglio - Ronciglione, Lago di Vico 10 agosto

 




                     di Giovanni Ballerini


C'è chi lo chiama semplicemente JazzUp, chi JazzUp@Caffeina Festival 2014, quello che importa è che anche questa edizione della kermesse si trasforma in un ponte culturale dalla Tuscia (Lazio) alla Valle d’Itria (Puglia). Grandi nomi del panorama nazionale e internazionale del jazz danno vita a un programma che parla di musica, ma soprattutto di contaminazione. Il festival coinvolge oltre 250 soggetti tra musicisti, artisti, ballerini, registi, organizzatori, giornalisti, scrittori, fotografi, tecnici, collaboratori e volontari. Lo scopo è  realizzare rassegne musicali e cinematografiche, 16 concerti, spettacoli, presentazioni di libri, mostre, esibizioni di danza, incontri, partecipazioni artistiche e seminari. Fra gli artisti coinvolti: Gegè Telesforo, Pollock Project, Marina Nocilla, gli Organicanto, Matteo Pianezzi, Fantomatik Orkestra.
Si parte da Viterbo dal 27 giugno al 6 luglio. Per dieci giorni, Piazza del Gesù sarà vicina alle atmosfere dei sobborghi di New Orleans, grazie al susseguirsi di sonorità evocative e alchimie musicali che coinvolgeranno tutti i tipi di pubblico.
Jazz, come si diceva, ma non solo. Si spazia infatti tra i vari generi, dal tango al folk, dal jazz al blues, dalla tradizione popolare allo swing, in un mix sapiente di musica, cultura e sperimentazione.
Dal 1° al 16 luglio, inoltre, il JazzUp Festival raddoppia. La kermesse si sposta, infatti, in Puglia, a Martina Franca, creando un vero e proprio ponte ideale tra i due territori, molto simili per arte e tradizione e con la voglia comune di una crescita culturale. E non finisce qui: dal 21 al 25 luglio, infatti, JazzUp si sposta a Montefiascone per collaborare con l?Est Film Fest e firmare il Best Soundtrack, il premio dedicato alla migliore colonna sonora. Come oramai tradizione da anni, il 10 agosto il Festival si sposta al Ristornate Fiorò di Ronciglione per un appuntamento con un nome celebre del jazz che quest’anno sarà Gegè Telesforo con il suo GeGèTelesforo4tetSoundZero. Ultimo appuntamento il 26 agosto nuovamente a Viterbo con la Fantomatik Orkestra. Molteplici le iniziative collaterali. Innanzi tutto quest’anno JazzUp ha una sua colonna sonora dal titolo emblematico di Be strong, musica e testo di Greg Burk e cantato da Viviana Ullo una giovane voce, scoperta del JazzUp. Il video è diretto da Simone Cecchetti e viene proiettato ogni sera a Piazza del Gesù prima dell’inizio del programma serale e successivamente anche negli altri appuntamenti previsti durante l?estate. Una colonna sonora ma anche uno slogan realizzato in collaborazione con il team di Fulshot: Il JazzUp sono io, Viral comunication per i social e sul web, Il JazzUp sono io! sarà il messaggio che raccoglie tanti piccoli video realizzati con i telefonini di tutti noi, veri protagonisti della manifestazione.
Non poteva mancare un omaggio alla letteratura con l’iniziativa Un libro randagio a cura di Maria Cangani dell’Associazione TormillinArte, è un’iniziativa di book-crossing  che il festival ha attivato in collaborazione con Coop e Unicoop Tirreno a sostegno della cultura e della libera circolazione delle idee. Tutti coloro che utilizzeranno gli spazi e sottoscriveranno la propria adesione alle attività istituzionali dell?Associazione Musica e Territorio, potranno ricevere in omaggio la borsa shopper del JazzUp Caffeina Festival contenente un libro randagio.  

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner