partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La bastarda di Istanbul
Riduzione e regia Angelo Savelli
L’Ultimo harem
di Angelo Savelli
Una firma per Cargo
La petizione
Le Cognate
Di Michel Tremblay
Napolisciosciammocca
Cauteruccio canta Napoli
Teatro dei Giovani di Spalato
Compie 70 anni
Ubu Roi
Di Alfred Jarry
Los Hermanos Macana
Tango Macho
Compagnia Marta Carrasco
No sé si
Sogno di una notte di mezza estate
Di William Shakespeare

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/04/2024 - 19:26

 

  home>live > cult

Scanner - live
 


Le Cirque du Soleil
Saltimbanco
Una profusione di acrobazie metropolitane gioiose e colorate
Il set è uno spazio urbano ridotto ai suoi elementi essenziali. Il tour e lo spettacolo

 




                     di Giovanni Ballerini


Sogni in movimento e in musica per creare magia, per farci tornare un po' bambini. Sicuramente più felici per qualche ora. Per la prima volta in Toscana, debutta a Firenze con il suo spettacolo più bello Le Cirque du Soleil, che presenta dal 24 al 28 marzo al Mandela Forum di Firenze la magia di Saltimbanco una profusione di acrobazie metropolitane gioiose e colorate, un mondo fantastico e onirico ispirato alla struttura urbana e ai suoi pittoreschi abitanti.

Attori, musicisti, cantanti, figuranti, acrobati, attrezzisti, maschere da fiaba, maquillage e look da favola (ogni artista impiega 90 minuti per completare il trucco) per uno show della creatività che si svolge in un luogo ideale dove tutto è possibile. Dove la musica è un elemento evocativo che scandisce ogni movimento. La trama sonora di Saltimbanco comprende un solo canto d’opera eseguito in italiano popolare del XIII secolo. Tutte le canzoni sono sequenze fonetiche prese da varie lingue, tra cui l’arabo, lo svedese e il tedesco.

“Ho voluto rinunciare ai soliti cliché. Ho cercato di creare il rumore di una città piena di luce e di speranza – spiega il compositore René Dupéré -. Mi sono reso conto che il suono di una città va al di là del rumore del traffico nell’ora di punta. Nel cuore di New York, per esempio, il suono dell’alba sembra lo stesso di una campagna”.

Anche di Saltimbanco, come ogni spettacolo della compagnia canadese fondata a Baie-Saint-Paul nel 1984 dai due artisti di strada Guy Laliberté e Daniel Gauthier.
è una sintesi mirabile (e cosmopolita) dei vari stili del circo di tutto il mondo. Al posto degli animali (da sempre assenti nell’etica del Cirque), in questa performance senza tempo, sono i mimi, i giocolieri, gli acrobati a ricreare quella poesia performativa, quella gioia diffusa e mirabolante che rende leggendari e immaginifici gli spettacoli di questo formidabile drappello di creativi. Il pubblico è immerso in una presentazione continua di numeri e musiche dedicate alla metropoli, alle sue mutazioni, al fervore di tante storie che si incrociano in una città colorata di intensità.

Gli spettacoli del Cirque sono concepiti come un unicum, con una trama centrale da cui si dipanano diverse scene, e non come un semplice susseguirsi di scene atletiche o circensi sono concepiti come un unicum, con una trama centrale da cui si dipanano diverse scene, e non come un semplice susseguirsi di scene atletiche o circensi. Saltimbanco porta lo spettatore in un viaggio allegorico e acrobatico dentro il cuore della città.

Dall’italiano “saltare in banco”, Saltimbanco esplora l’esperienza della città in tutte le sue svariate forme: le persone che ci vivono, le loro caratteristiche ed apparenze, le famiglie e i gruppi, la fretta e il trambusto della strada e l’altezza smisurata dei grattacieli. Il debutto mondiale di Saltimbanco ebbe luogo a Montreal il 23 aprile 1992, con un cast di 36 artisti. Nel corso del tour di 14 anni sotto il tendone, lo spettacolo ha fatto tappa in 75 città di cinque continenti, per un totale di oltre 4.000 esibizioni davanti ad oltre 9.5 milioni di spettatori in tutto il mondo.

Nel 2007 Saltimbanco è stato riconfigurato per essere portato all’interno dei palazzetti. In un periodo di 21 settimane lo show è stato riadattato per la dimensione di queste strutture: il palco su cui si esibiscono gli artisti è stato rialzato, e il suono e le luci sono stati arrangiati per il nuovo ambiente.

Il tour di Saltimbanco farà tappa in circa 40 città ogni anno, in palazzetti con una capienza di circa 4000-5000 spettatori. Il set è uno spazio urbano ridotto ai suoi elementi essenziali. Saltimbanco utilizza diversi gel colorati, l’impianto luci dona un effetto cinematografico portando dentro e fuori luce i personaggi in base alla loro posizione sul palco e al colore dei loro costumi. Le luci vengono inoltre usate per creare spazi, illuminando alcuni punti e lasciando il resto dello spazio in oscurità.

Qualche nota tecnica: visto che Saltimbanco fa tappa in diverse città ogni anno, il palco è stato rinnovato in modo che fosse di facile montaggio e smontaggio. Perché fosse più semplice il trasporto, il palco è stato interamente realizzato con materiale leggeri, quali l’alluminio. il palco è lungo 34 metri, largo 20 metri e alto 1.30 metri. Ci sono oltre 183 metri di travi per sostenere la griglia acrobati, la struttura e l’impianto luci sopra il palco, la griglia acrobati è lunga 9 metri e sospesa a 14 metri sopra il palco, i pali usati nel numero dei pali cinesi sono lunghi 7.3 metri, l’attrezzatura in tour ha un peso totale di 180 tonnellate, lo staff tecnico comprende 20 specialisti e 12 autisti di camion, circa 140 persone vengono ingaggiate in ogni città per il montaggio e lo smontaggio. Lo spettacolo prosegue a Stoccarda, Brema, Valencia, Santiago, San Sebastian e con tante altre date in Inghilterra e Germania.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner