partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Book Pride Genova 2022
Moltitudini
Book Pride
Moltitudini
Testo
[Come si diventa un libro]
Lettura Day
La lettura condivisa
Castellibro
III edizione
Premio Fiesole
Narrativa Under 40
Libernauta 2018
XVIII edizione
Titti Giuliani Foti
Reading di Cara mamma
Enrico Brizzi
Il matrimonio di mio fratello
Festival degli Scrittori
Il presente della letteratura

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  01/02/2023 - 03:47

 

  home>libri > eventi

Scanner - libri
 


Book Pride Genova 2022
Moltitudini
Oltre 200 incontri in 3 giorni, con più di 150 scrittori, oltre 100 sigle editoriali e 2 aree tematiche: Book Young per ragazzi e Book Thinkers dedicata alla saggistica e gli appuntamenti Pop-Up per la città
Dal 30 settembre al 2 ottobre 2022 a Palazzo Ducale a Genova

 




                     di Giovanni Ballerini


Moltitudini è il tema di Book Pride Genova 2022 ed è anche la parola che ben rappresenta più di 200 incontri in 3 giorni, dal 30 settembre al 2 ottobre 2022 a Palazzo Ducale di Genova, con più di 150 scrittori, oltre 100 sigle editoriali e 2 aree tematiche: Book Young per ragazzi e Book Thinkers dedicata alla saggistica e gli appuntamenti Pop-Up per la città. Sono attesi, tanti autori internazionali, dalla scrittrice di culto Amélie Nothomb, nel suo unico appuntamento italiano dell’autunno all’autore russo dissidente Mikhail Shishkin, al premio Pulitzer Joshua Cohen. Dal francese Sylvain Prudhomme agli spagnoli Jon Bilbao, Brigitte Vasallo, e Itziar Ziga, l’autrice del libro-manifesto del transfemminismo europeo. E poi ancora, i finalisti del Premio Strega Fabio Bacà, Veronica Galletta, Marino Magliani e gli esordienti Clementine Hanael, Giulia Serughetti, Mattia Corrente, Alessandro Ceccherini, Giada Biaggi.
Gli incontri Pop-Up sono stati pensati per far uscire le persone e i libri dalle sale di Palazzo Ducale per inerpicarsi nei vicoli genovesi, dal bordo mare al promontorio. Sono poi in programma un viaggio in cremagliera in tre tappe (mare, collina e promontorio, venerdì ore 18) che attraversa la Genova antropizzata, in collaborazione con la casa editrice EDT; il concerto “Blues Jam Party” (Louisiana Jazz Club, sabato alle 21.30) che parte dal progetto “Blues Legacy” di Small Factory ispirato al libro di Angela Davis “Blues e femminismo nero” (Alegre) che sarà prima presentato, alle ore 19, nelle sale di Palazzo Ducale e la visione di Hollywood Babilonia con letture tratte dal libro di Kenneth Anger dal titolo omonimo, pubblicato da Adelphi (Tiqu, domenica ore 21).
Fari puntati sulla parola d’ordine della manifestazione, cioè Moltitudini, ma questa edizione di Book Pride a Genova punta molto anche sui Luoghi. Da un luogo preciso, come una città su una mappa, a un luogo vasto una mappa intera: l’Europa. Come dicevamo poi, la fiera nazionale dell’editoria indipendente vuole valorizzare i risultati che la narrativa indipendente sta raggiungendo. Lo fa anche ospitando i due vincitori ex aequo del Premio Strega Europeo Amélie Nothomb e Mikhail Shishkin, pubblicati in Italia da editori indipendenti. Amélie Nothomb (Voland), torna a Genova dopo moltissimi anni di assenza per raccontare, nell’unico appuntamento italiano dell’autunno, il suo trentesimo romanzo “Primo sangue” che si è aggiudicato il Prix Renaudot 2021 e il Premio Strega Europeo 2022 (sabato ore 18). Mikhail Shishkin (21lettere) autore russo dissidente, cresciuto nel centro di Mosca ma residente oggi in Svizzera, è considerato uno dei maggiori autori russi contemporanei e i suoi romanzi, tradotti in molti paesi hanno ottenuto il favore della critica e del pubblico e numerosi premi, tra cui lo Strega Europeo 2022 (ex aequo con Nothomb) per “Punto di fuga” (domenica ore 18). Gli autori saranno presenti nell’ambito di una collaborazione tra Book Pride e la Fondazione Bellonci. Dall’Europa si passa agli USA con Joshua Cohen (Codice Edizioni), lo scrittore americano che ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa con il romanzo “I Netanyahu” ed è considerato uno tra i migliori scrittori statunitensi di narrativa (sabato ore 17). Tanti gli autori francesi ospiti grazie alla partnership con l’Institut Francais d’Italie. Fra questi, oltre la già citata Amélie Nothomb, Clementine Hanael (Alter Ego Editore), la giovane scrittrice francese che presenta in anteprima nazionale il suo esordio “Vuoto d’Aria”, inserito da Le Figaro tra i 10 libri preferiti dell’anno, nel 2018 (venerdì ore 19). Sylvain Prudhomme (66thand2nd), vincitore in patria di numerosi premi, tra cui il Prix Femina e il Prix Landerneau des lecteurs, sbarca per la prima volta a Genova con “Leggenda”, il romanzo che racconta la vita cruenta e veloce di due fratelli nell’area di Arles negli anni Ottanta, decennio segnato da eroina e Aids (domenica ore 12). Di Irène Némirowsky e “Tempesta in giugno” (Adelphi) parla Olivier Philipponnat, biografo e curatore dell’intera opera dell’autrice. “Tempesta in giugno” è la seconda versione di “Suite francese”, dattiloscritta dal marito, corretta a mano da lei e contenente quattro capitoli nuovi e molti altri profondamente rimaneggiati, del primo dei cinque movimenti di quella grande sinfonia, rimasta incompiuta, a cui stava lavorando nel 1942, quando fu arrestata per poi essere deportata ad Auschwitz (domenica ore 15). Dalla Spagna arrivano Jon Bilbao (Giulio Perrone Editore) che presenta “Stromboli”, un romanzo composto da otto storie intrecciate che parlano dei limiti nelle relazioni umane e del loro superamento (domenica ore 12); Brigitte Vasallo (effequ) scrittrice, attivista e femminista spagnola (sabato ore 18); e infine Itziar Ziga (D Editore) che, a Palazzo Ducale, incontra anche gli studenti delle scuole superiori con “Diventare cagna”, libro-manifesto del transfemminismo europeo, che ha ispirato la nascita di decine di collettivi (sabato ore 19).
Sono italiani tutti gli autori dei libri “indipendenti” della dozzina dello Strega 2022: Fabio Bacà (Adelphi), al suo secondo romanzo “Nova”, anche finalista al Premio Campiello 2022 e Veronica Galletta (Minimum Fax), la sorpresa del Premio Strega 2022 con “Nina sull’argine” dialogheranno con Stefano Petrocchi, direttore generale della Fondazione Bellonci (sabato ore 17); Marino Magliani (L’Orma), presenterà il libro selezionato per la dozzina “Il cannocchiale del Tenente Dumont”, frutto di un paziente lavoro ventennale (venerdì ore 17). Tra gli esordienti, Bernardo Zannoni (Sellerio), il più giovane vincitore del Premio Campiello con il suo romanzo d’esordio “I miei stupidi intenti” (domenica ore 17), Giulia Serughetti (Marcos y Marcos), autrice di “Amore assoluto e altri futili esercizi” (sabato ore 12), Mattia Corrente (Sellerio) con “La fuga di Anna” (sabato ore 13), Alessandro Ceccherini (Nottetempo), che con “Il Mostro” racconta la storia del Mostro di Firenze con abilità da romanziere (sabato ore 14), Giada Biaggi (Nottetempo), la sceneggiatrice, stand-up comedian e autrice del podcast “Philosophy & the City” che ha scalato le classifiche Spotify, con “Il bikini di Sylvia Plath” (domenica ore 15).

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner