partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/08/2019 - 20:28

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Tadpole - Un giovane seduttore a New York
Regia di Gary Winick
Cast: Aaron Stanford, Sigourney Weaver, John Ritter, Bebe Neuwirth; commedia; Usa; 2002; C.
Premio per la miglior regia al Sundance 2002

 




                     di Paolo Boschi


A favore dei non anglofoni, cominciamo dal titolo, che equivale a “girino” ed è appunto il nomignolo del giovane protagonista del film di Gary Winick, anche se ormai nessuno lo chiama più così, tranne il corpulento portiere del condominio di lusso dove vive la famiglia del ragazzo. Il plot comincia col ritorno a New York di Oscar per passare il giorno del ringraziamento con il padre, Stanley Grubman, docente universitario, e con la sua nuova moglie, Eve, un’avvenente dottoressa. Fin dalle prime sequenze del viaggio in treno, impariamo a conoscere Oscar dallo stridente contrasto col suo migliore amico, un coetaneo che è un normalissimo adolescente: Oscar invece è colto, parla correntemente francese (eredità materna), fa citazioni dotte di continuo, nutre un amore spassionato per Voltaire (sta rileggendo Candide), non è affatto attratto dalle sue coetanee, ama invece con appassionato trasporto la sua bella matrigna, interpretata da una Sigourney Weaver ancora in gran forma. Per dirla con un’efficace definizione interna, Oscar è un quarantenne imprigionato nel corpo di un quindicenne. E sta tornando a New York con un’idea ben precisa: dichiararsi a Eve. Il piano del ragazzo, inframmezzato da aforismi di Voltaire, si rivelerà molto più complicato del previsto anche perché, sotto l’effetto di una solenne sbronza e di un massaggio intrigante, Oscar si farà sedurre da un’altra bella quarantenne, per l’appunto la migliore amica della matrigna. L’infatuazione pseudo-edipica del ragazzo alla fine si rivelerà meno preoccupante di quanto i suoi slanci emotivi iniziali avrebbero indotto ad immaginare. Tadpole è una tranquilla commedia sentimentale che cita in modo intelligente un cult assoluto del settore “amori complicati” come Il laureato di Mike Nichols. Il film, girato in digitale e dotato di ottime intuizioni registiche, scorre leggero in direzione del finale annunciato, senza mai rivelarsi trasgressivo fino alle ultime conseguenze, ravvivato da dialoghi intriganti e da una bella colonna sonora di marca amorosa. Un efficace ibrido tra cinema indipendente e commedia hollywoodiana. Premio per la miglior regia al Sundance Film Festival 2002.

Tadpole - Un giovane seduttore a New York (Tadpole), regia di Gary Winick, con Aaron Stanford, Sigourney Weaver, John Ritter, Bebe Neuwirth; commedia; Usa; 2002; C.; dur. 1h e 18'

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner