partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere
Fuocoammare
Di Gianfranco Rosi

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/12/2018 - 19:49

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Lo spazio bianco
Regia di Francesca Comencini
Cast: Margherita Buy, Gaetano Bruno, Giovanni Ludeno, Antonia Truppo, Guido Caprino, Salvatore Cantalupo, Maria Pajato; drammatico; Italia; 2009; C.
Dall'omonimo romanzo di Valeria Parrella

 




                     di Paolo Boschi


È una donna emancipata, una che spesso cammina da sola, s’innamora sempre degli uomini sbagliati e magari abbandona quelli giusti senza un valido motivo. Da poco si è trasferita a Napoli, dove insegna in una scuola serale ad una classe di adulti che studiano per la licenza media, mentre di solito nel pomeriggio va al cinema per combattere la solitudine. Ed è proprio qui che s’imbatte in Pietro, con cui intreccia l’ennesima relazione senza futuro, che s’infrange appunto quando la protagonista si scopre incinta e decide di far nascere il bambino, anche se da sola. Purtroppo il parto è prematuro e la bimba si ritrova confinata nel limbo bianco di un’incubatrice per i prossimi tre mesi, in attesa di diventare abbastanza forte da nascere per davvero. Fuori dalla parete di cristallo ad attenderla c’è Maria, ovvero una donna il cui maggior limite è proprio l’incapacità di aspettare: nonostante questo non può far altro nei successivi novanta giorni, così giocoforza aspetta che la bimba che ha chiamato Irene nasca, oppure muoia. Inizialmente Maria chiude ogni ponte con l’esterno e talvolta spera così ardentemente che il limbo in cui vive possa sbloccarsi da augurarsi che qualcosa cambi comunque, anche se in negativo, così da consentirle di tornare a vivere. Infine la protagonista dovrà aprirsi nuovamente agli altri, accettando la condizione della figlia e imparando a desiderare la maternità con tutta se stessa. Talvolta, come lei stessa razionalizzerà a beneficio di un vecchio studente nel corso degli esami, uno spazio bianco è necessario per ripartire e finire il lavoro, oppure per ricominciare a vivere. La regista Francesca Comencini ha letto l’omonimo romanzo della scrittrice napoletana Valeria Parrella ed è rimasta letteralmente folgorata da questa meravigliosa storia tutta al femminile: nella traslazione sul grande schermo l’autrice di Carlo Giuliani, ragazzo ha trovato un supporto essenziale nella solita Margherita Buy, che nel ruolo di Maria si rivela semplicemente perfetta, dando corpo e sentimenti ad una figura di donna intensa da far male. Da segnalare anche la strepitosa colonna sonora, che accompagna una storia a tratti insostenibile con alcune canzoni di abbagliante intensità, una su tutte la magnifica I wish I knew it would fell to be free dell’indimenticabile Nina Simone. Assolutamente da vedere.

Lo spazio bianco, regia di Francesca Comencini, con Margherita Buy, Gaetano Bruno, Giovanni Ludeno, Antonia Truppo, Guido Caprino, Salvatore Cantalupo, Maria Pajato; drammatico; Italia; 2009; C.; dur. 1h e 36’

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner