partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/05/2024 - 05:47

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Il ritorno
Regia di Andrey Zvyagintsev
Cast: Vladimir Garin, Ivan Dabronrdvav, Konstantin Lavronenko; drammatico; Russia; 2003; C.
Il discusso Leone d'Oro di Venezia 2003

 




                     di Paolo Boschi


La vita dei fratelli Andrey e Ivan è sconvolta dall’inatteso ritorno del padre, assente da casa da dodici anni. Come i giovani protagonisti anche gli spettatori rimarranno con molte curiosità irrisolte: col consenso della madre i ragazzi partono insieme al padre ritrovato per un viaggio in macchina con destinazione ignota. I due giorni previsti all’improvviso diventano cinque, inutile dire che non sapremo mai perché. Ed anche il viaggio su strada al centro de Il ritorno va complicandosi: il padre conduce i due figli per lande desolate, in mezzo al nulla, tra un litigio e l’altro, per approdare infine ad una baracca in riva al mare e quindi partire su una barca malmessa alla volta di un’isola. Ed è proprio qui che le tensioni accumulatesi durante la settimana finiranno per innescare l’inevitabile tragedia conclusiva. Odissea parentale on the road o viaggio iniziatico verso la maturità? Probabilmente l’intento dell’esordiente Andrey Zvyagintsev è di miscelare entrambe le cose. Il ritorno si dipana ponendo lo spettatore nella storia attraverso gli occhi dei due fratelli, che pure insieme ci offrono una prospettiva diversificata della vicenda: il maggiore, Andrey, vive il ritrovato rapporto col padre come un’insperata occasione di conoscenza, con un entusiasmo misto a revenziale rispetto per l’adulto; al contrario il piccolo Ivan è apertamente ostile al genitore, ripresentadosi senza avvertimento dopo un lasso di tempo che non ammette scuse e per giunta intenzionato a farsi obbedire con modi talvolta brutali. Come i due adolescenti davanti al padre, la storia non ci fornisce punti di appiglio, non ci offre risposte sull’oscuro passato del genitore né suoi motivi del suo improvviso ritorno né tantomeno della ragione del viaggio con i due figli. Possiamo solo immaginare che una ragione dell’itinerario sia riposta nella cassetta dissotterrata dal genitore nella casa diroccata nell’isola e poi nascosta nella prua della barca: ma Zvyagintsev chiuderà il discorso laconicamente senza fornirci risposte neppure su questo punto. Eppure, nonostante tutto, proprio questa sensazione di incertezza costituisce la cifra riposta del film, che posiziona l’occhio dello spettatore nelle prospettive emotivamente contrapposte dei due fratelli, peraltro intensi e bravissimi. Menzione di merito per la magnifica fotografia giocata sui toni del blu e del grigio, che letteralmente sublima le già ragguardevoli attrattive naturalistiche dell’ambientazione. Il ritorno si è aggiudicato tra numerose polemiche il Leone d’Oro di Venezia 2003 (oltre al premio quale miglior opera prima) dopo essere stato ‘sottratto’ all’ultimo momento al Festival di Locarno dalla kermesse lagunare.

Il ritorno - Vosvrašcenie, regia di Andrey Zvyagintsev, con Vladimir Garin, Ivan Dabronrdvav, Konstantin Lavronenko; drammatico; Russia; 2003; C.; dur. 1h e 45'

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner