partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/05/2024 - 14:00

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


La foresta dei pugnali volanti
Regia di Zhang Yimou
Cast: Takeshi Kaneshiro, Andy Lau, Ziyi Zhang; sentimentale/azione; Cina; 2004; C.

 




                     di Paolo Boschi


Dopo le cromatiche fantasie narrative di Hero, il maestro Zhang Yimou si cimenta ancora da par suo con il wuxia, il genere cappa e spada dagli occhi a mandorla, mettendosi alla prova stavolta con una storia decisamente articolata rispetto alla pellicola precedente: intrighi di spionaggio e controspionaggio, fantastiche coreografie belliche e danzanti ed un triangolo amoroso di marca tragica ad amalgamare il tutto. La foresta dei pugnali volanti si apre nella Cina del IX secolo dopo Cristo, sotto il regno della dinastia Tang, ormai in evidente declino: in un periodo così caotico sul versante politico ovunque dilagano corruzione ed ingiustizie, e varie sette sorgono nel tentativo di contrastare il malgoverno dell’imperatore, come la Casa dei pugnali volanti, la più nota e potente tra tutte. Due capitani imperiali, Leo e Jin, elaborano un complicato piano per catturare il nuovo capo della setta, nel cui covo contano di farsi condurre da Mei, una bella danzatrice cieca che pare assai vicina ai ribelli e vanta un’esperienza stupefacente nella pratica delle arti marziali. Vestiti i panni del cavaliere errante Vento, Jin si offrirà di riaccompagnare nel lungo itinerario per la foresta dei pugnali volanti la danzatrice non vedente. Galeotto si rivelerà per i due il frastagliato viaggio verso casa, che riserverà ad entrambi numerosi agguati e vari colpi di scena. Il regista di Lanterne rosse ci abbaglia con un percorso irto di ostacoli e meraviglie visive per le quali la parola scritta risulta inefficace, come la straordinaria coreografia del “passo dell’eco danzante” o l’incredibile sequenza di combattimento nella foresta di bambù. Con La foresta dei pugnali volanti Zhang Yimou conferma per l’ennesima volta un eccezionale gusto estetico ed una rara perizia nei movimenti della macchina da presa, senza incedere nelle impossibili esagerazioni che punteggiavano La tigre e il dragone. Unico neo dell’operazione risulta essere l’eccessiva durata – ed un esagerato gusto d’accumulazione per i colpi di scena di secondo grado – oltre ad un finale melodrammatico sinceramente troppo prolungato. E’ anche vero che il cuore de La foresta dei pugnali volanti è la pura bellezza estetica e, da questo punto di vista, il film è un vero gioiello.

La foresta dei pugnali volanti - Shi mian mai fu, regia di Zhang Yimou, con Takeshi Kaneshiro, Andy Lau, Ziyi Zhang; sentimentale/azione; Cina; 2004; C.; dur. 1h e 59'

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner