partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


MADI. The Other Geometry
A cura di Cristina Costanzo
Viva arte Viva
Biennale Arte 2017
I Leoni d’oro alla carriera
La Biennale di Venezia 2016
Biennale di Venezia
All the World’s Futures
Arte Fiera 2015
Trentanovesima edizione
Strozzi per COOL T
Settimana della Cultura in Toscana
Just davant nostre
Altres cartografies del Rif
Personal Structures
Oltre l’evento collaterale
Arte e Teatro
Creatività a confronto
La Biennale di Venezia
55 Esposizione Internazionale d’Arte

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/06/2018 - 12:40

 

  home>arte > eventi

Scanner - arte
 


Il Palazzo delle Libertà
Al Palazzo delle Papesse
Un cantiere per la produzione di opere nuove
Mostra collettiva a Siena dal 20 giugno al 14 settembre 2003

 




                     di Giovanni Ballerini


L'evoluzione del Palazzo delle Papesse è continua e testimonia una vivacità culturale al passo coi tempi. Con la mostra collettiva Il palazzo delle libertà, visitabile fino al 14 settembre 2003, il Centro d'Arte Contemporanea senese si è infatti trasformato da luogo meramente espositivo in cantiere per la produzione di opere nuove, estendendo a tutto l'edificio il principio già adottato nella propria project room: il caveau. Per l'occasione gli ambienti delle Papesse, inclusi quelli di servizio, sono stati affidati ad artisti italiani e stranieri, ai quali si è chiesto di elaborare un progetto specifico per lo spazio assegnato in relazione alle sue caratteristiche architettoniche e morfologiche, oppure alla storia del palazzo stesso, a quella della città e del territorio. Una commissione pubblica su vasta scala volta a documentare i più recenti sviluppi dell'arte contemporanea in un contesto assai caratterizzato come quello del quattrocentesco Palazzo delle Papesse che ospita il Centro. Non vi sono restrizioni all'interno del 'palazzo delle libertà', né concettuali né espressive: la fotografia, la pittura, il video, la scultura, la musica, la scrittura, l'architettura destrutturata divengono mezzi parimenti leciti per offrire una lettura o un'interpretazione indipendente dello spazio.
Gli artisti coinvolti nel progetto sono: Chema Alvargonzalez, Daniel Blaufuks, Anna Boggon, James Casebere, Vittorio Corsini, David Cotterrell, De-Abc (Luca Pancrazzi, Steve Piccolo, Gak Sato), Sandra Cinto, Arthur Duff, Giovanni Lindo Ferretti, Alex Hartley, Jonathan Jones, Petulia Mattioli/Eraldo Bernocchi/Harold Budd, Adalberto Mecarelli, Sabrina Mezzaqui, Janet Mullarney, Aldo Nove, Luca Pancrazzi, Robert Pettena, Lorenzo Pizzanelli, Letizia Renzini, Felix Schramm, Sistemi Dinamici Altamente Instabili, Max Streicher, Mark Themann, Vargas-Suarez Universal, Suzann Victor, Italo Zuffi. Due i cataloghi, pubblicati entrambi da Gli Ori. Il primo, disponibile dal 20 Giugno, contiene i progetti degli artisti, il secondo illustra l'allestimento nella sua completezza. Sempre fino al 14 settembre 2003 è visitabile il nuovo allestimento del Caveau: Isabella Bordoni - Lacrima (e vive), realizzata in collaborazione con il Future Lab dell'Ars Electronica Center di Linz (Austria), Lacrima (e vive) è una piattaforma poetica, acustica e visiva altamente tecnologica che crea una relazione affettiva tra persona e luogo. Il luogo è lo spazio che comprende il percorso e l'arrivo - scale e stanza blindata - trattati come ambienti antitetici (luce delle scale/buio del caveau) ma conseguenti. Il movimento prodotto dal percorso fatto dal visitatore viene catturato da due telecamere che lo convertono in impulso capace di produrre nella sala blindata un'ambientazione acustica e visiva di volta in volta differente. Il Palazzo delle Papesse Centro Arte Contemporanea, in concomitanza con l'inaugurazione della collettiva Il Palazzo delle Libertà, propone anche l'annuale rinnovamento del Bookshop con un progetto speciale di Luca Pancrazzi che è visitabile fino al 20/06/2004. Il progetto dell'artista toscano consiste nel rifornire di libri gli scaffali della libreria, facendoli selezionare da circa 20 artisti scelti da Pancrazzi stesso. Ogni artista sceglierà dieci titoli, che saranno resi poi disponibili al pubblico per la vendita. Una costellazione di frasi in ceramica ricoprirà le pareti, in modo che l'intervento artistico di queste "opere in forma di testo" costituisca un'operazione parallela all'estrapolazione di passi fortemente evocativi tratti dai libri scelti.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner