partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Rotomago, Julien Noirel
Nyarlathotep
Violet
GG Studio
Stefano Fantelli
El Brujo Grand Hotel
Matt Kindt
Super Spy
Craig Thompson
Habibi
Davide Aicardi
Extinction Seed
Daniel Clowes
Wilson
Jean-Claude Götting
Il baule Sanderson
Uli Oesterle
Hector Umbra
Daniel Clowes
Come un guanto di velluto forgiato nel ferro

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 12:14

 

  home>strips > fumetti

Scanner - strips
 


Daniel Clowes
Come un guanto di velluto forgiato nel ferro
L’America freak secondo Clowes
Collana Maschera Nera, Coconino press, pp.144, € 16,00

 




                     di Matteo Merli


Daniel Clowes, Ice Haven, 2007
Daniel Clowes, Ghost World, 2008
Daniel Clowes, Come un guanto di velluto forgiato nel ferro, 2009


Ogni qual volto ci troviamo di fronte ad un opera di Clowes, e come varcare la porta dei sogni e vedere dove ci traghetteranno le sue tavole disegnate. Questa volta ci conduce in uno squallido cinema porno, dove Clay assiste alla proiezione di un film intitolato Come un guanto di velluto forgiato nel ferro. Con scalpore, scopre che la protagonista è la sua ex-moglie. Clay decide di rintracciarla e si mette in viaggio alla ricerca della casa produttrice della pellicola. Ma quella che attraversa è un suolo americano fertile di gente impazziata, dove una setta hippie sogna un mondo popolato da sole donne con un unico uomo a capo che riesce a prendere in ostaggio il presidente americano in carica. Dove la polizia è più feroce che mai, marchiando le vittime con un simbolo ignoto e la gente comune sono mostri e freaks di ogni specie. Pubblicato sulle pagine di Eightball, la rivista monografica creata da Clowes a fine anni ottanta e inizio novanta, è il primo lavoro di rilievo dell’autore di Ghost world e si vedono da subito i primi germi della sua creatività e un tratto distintivo unico e indelebile nella sua carica visiva. Ovviamente i freaks sono innocui, chiusi nella loro tormentata solitudine, ma è la grettezza dei normali a rappresentarne il discredito di una morale oramai esangue nel suo propagarsi come orrore senza via di uscità che infetterà pure Clay. La normalità come coltre di perpetue mostruosità, che si dipanano in un disegno già maturo e ben delineato nel suo specifico contrasto in bianco e nero, coaudiovato da dialoghi sardonici e allo stesso tempo sottili come una lama tagliente. Un graphic novel suggestivo nella sua aurea underground di inimitabile valore.

Voto 8 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner