partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Rolando D'angeli
Il Venditore Di Stelle
Roberto Curti e Alessio Di Rocco
Visioni proibite
Roberto Curti e Alessio Di Rocco
Visioni proibite
Francesco Bommartini
Riserva indipendente
Io sono un mito
Di Francesca Bonazzoli e Michele Robecchi
Il Morandini 2012
Dizionario dei film
Il Morandini 2011
Dizionario dei film
Bruno Casini
In viaggio con i Litfiba
Enzo Bianchi
Il pane di ieri
Il Morandini 2010
Dizionario dei film

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/09/2019 - 11:36

 

  home>libri > saggi

Scanner - libri
 


Susanna Pellis
Breve storia del cinema irlandese
Alla scoperta dell'Irlanda cinematografica
Torino, Lindau - strumenti, 2002; pp139 € 10,90

 




                     di Matteo Merli


Strano vedere sugli scaffali delle librerie un libro che parli della storia del cinema irlandese, perché non te lo saresti mai aspettato, e poi ti chiedi, come mai l'Irlanda? Infatti molti hanno un'idea vaga di questo cinema, sia perché viene assimilato in quello inglese, sia perché conosciamo questa terra verde per i suoi forti contrasti sociali portati sullo schermo da altre cinematografie ( vedi quella americana ) . Ma si può parlare di cento anni di cinema, quando si pensa all'Irlanda, che ha avuto un periodo muto importante, e che negli anni anche contro ai diversi problemi economici e conflittuali con l'Inghilterra, può vantare una cinematografia vitale e promettente. Nelle verdi vallati di questa isola, ha visto in passato il ritorno del vecchio John Ford, che in omaggio alla sua terra d'origine diresse L'uomo tranquillo un film sulle sue radici, che in qualche modo ha rappresentato il simbolo di una rinascita del cinema che avrà nel 1977 il culmine con l'ondata di nuovi registi come: Joe Comerford, Cathal Black, Kieran Hickey, Pat Murphy e Thaddeus O'Sullivan. Un periodo interessante che da vita ad una nuova sperimentazione, ma anche ha opere forti nell'indagare il tessuto sociale di quegli anni. Il seguito ha il nome di Pat O'Connor, Jim Sheridan e Neil Jordan, che con gli anni si sono impossessati di un carisma autoriale che viene esportato anche a Hollywood, soprattutto gli ultimi due hanno raggiunto uno status artistico di piena autonomia creativa. Certo con il Leono d'oro assegnato nel 1996 a Michael Collins di Neil Jordan, il cinema irlandese è salito alla ribalta, anche se la pellicola del regista di Mona lisa non sia una delle sue migliori, ma questo è servito ha puntare i riflettori su un paese ancora sconosciuto da questo punto di vista. Un libro prezioso per chi vuole conoscere da vicino questa cinematografia: veloce e curioso da leggere.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner