partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Sign Painters
Ddi Faythe Levine & Sam Macon
Documentaristi Anonimi
Nasce l’associazione per il documentario
TG Sport
Sessanta anni di pronostici
cézannemania
Cèzanne? Io me lo mangio
Yellow Submarine
I Biechi Blu

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 16:01

 

  home>gusto > cult

Scanner - gusto
 


Sign Painters
Ddi Faythe Levine & Sam Macon
Racconta la professione, ormai in via d'estinzione, dei disegnatori di segnaletica, insegne e pubblicità nell'America degli anni '80 e '90 che trasformavano negozi e locali in vere e proprie opere d'arte. La serata si apre alle 20.15 con la presentazione del libro Take your pleasure seriously di Luca Barcellona
Il documentario, uscito nel 2013 viene proiettato per la prima volta in Italia, martedì 11 marzo 2014 alle 21 al Cinema Europa di a Bologna (via Pietralata 55)

 




                     di Giovanni Ballerini


La street art non è solo quella taggata dai graffiti dei writers o scandita dalla cosiddetta Aerosol-Art. C’è stato infatti un tempo, grosso modo fino a ridosso degli anni Ottanta, in cui le vetrine, le insegne, i manifesti, i cartelli sui capannoni, i cartelloni e addirittura i cartelli stradali soprattutto in America, erano tutti scritti a mano con vernice e pennello. Ma, come molti altri mestieri manuali, l’industria delle insegne è stata invasa dalla promessa filotecnologica di qualcosa di sempre più rapido e a buon mercato. La risultante proliferazione di scritte generate al computer e ritagliate in serie, e di stampanti a getto d’inchiostro ha portato a una inquietante omologazione nel nostro paesaggio visivo. Per fortuna, esiste una crescente iniziativa per ritrovare i pittori tradizionali di insegne, come anche un rinascere del mestiere. Nel 2010 i cineasti Faythe Levine, coautore di Handmade Nation, e Sam Macon iniziarono a documentare questi zelanti artigiani, i loro metodi consacrati dal tempo e il loro apprezzamento per la qualità e l’abilità manuale.
Il risultato di questa ricerca filmica è l’intrigante documentario Sign Painters (USA, maggio 2013 / 80'), la prima storia raccontata di questo particolare mestiere artistico, che contiene storie e immagini di oltre due dozzine di pittori di insegne attive in città sparse per tutti gli Stati Uniti.
Grazie alla collaborazione tra Housatonic Design Network, Sfera Cubica e Kinodromo, il documentario Sign Painters, uscito nel 2013, viene proiettato per la prima volta in Italia, martedì 11 marzo 2014 alle 21 al Cinema Europa di Bologna (via Pietralata 55) in lingua originale con sottotitoli in italiano ( Guarda il trailer). Un’ottima occasione per tuffarsi nella vivace atmosfera di un film che descrive l’opera di questi pittori di insegne giovani e anziani, dalla nuova avanguardia che lavora in solitudine ai laboratori collaborativi come il New Bohemia Signs di San Francisco e lo Sky High Murals della Colossal Media di New York. Con una prefazione del leggendario artista (e, in passato, pittore di insegne!) Ed Ruscha.  
In apertura di serata, alle 20,15 un’altra proiezione decisamente in tema con il documentario americano. Stiamo parlando della presentazione di Take your pleasure seriously di Luca Barcellona (Lazy Dog press) noto graphic designer e calligrafo italiano. Una monografia apprezzata nel campo del lettering, un intervento sulla calligrafia che opera un intelligente collegamento tra la professione di Barcellona e alcuni aspetti raccontati nella proiezione del documentario. Per l’occasione verrà realizzata nel corso della serata bolognese una t-shirt con un’opera di Luca Barcellona. Sarà inoltre possibile acquistare sia il libro Take your pleasure seriously sia Sign Painters Book (Princeton Architectural Press) che raccoglie fotografie, storie e immagini del film.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner