partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Berlinale 70
Nuova direzione nel segno dell’Italia
La Percezione dell’Architettura
I luoghi dei racconti
River to River
Florence Indian Film Festival
Torino Film Festival
edizione 37
Festival del Cinema di Roma
XIV edizione
Venezia 76
Si punta sempre più in alto
Cannes 2019
Settantaduesima edizione
Far East Film 21
Continuamente a Oriente
Berlinale 2019
L’ultima edizione di Kosslick
Torino Film Festival 36
Un festival fortemente cittadino

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  04/06/2020 - 03:24

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


Venezia 69
Secondo Reportage di Scanner
Ultimi bagliori dalla laguna
Dal 29 agosto all'8 settembre 2012 al Lido di Venezia

 




                     di Matteo Merli


Venezia 69 - presentazione 2012
Primo reportage alla mostra 2012
Il risveglio del fiume segreto alle Giornate degli Autori
Secondo reportage alla mostra 2012
Premiazione 2012


Mentre il festival trotta tranquilla verso il suo traguardo, abbiamo visto Linhas de Wellington, produzione portoghese firmata dalla vedova di Raoul Ruiz, ideatore del film, Valeria Sarmiento, che è un film storico sulla guerra del 1810 tra Anglo-Portoghesi e Francesi, costellato di celebrità quali: John Malcovich, Michel Piccoli, Isabelle Huppert, Catherine Deneuve, Vincent Perez, Chiara Mastroianni, in un film dallo stile ondivago e sperimentale, non per tutti i palati cinefili. Grande ritorno, targato stelle e strisce, è Spring Breakers di Harmony Korine. Film dal concetto avant-pop con chiari richiami citazionismi, abile nel ricondurre la narrazione tra vezzi d’autori e collage espressionisti conditi di violenza e noir, costruendo un opera amorale sulla pochezza dell’oggi, in cui versano i giovani. Vera sorpresa della manifestazione. Marco Bellocchio torna in concorso con Bella addormentata e realizza un opera ambiziosa, con una potenza espressiva carica di arditi passaggi morali nel dipingere un paese vuoto e allo sbando. Non è solo una agiografia stanziale, ma un pamphlet laico sul vivere oggi, nelle contraddizioni attuali imposte dalla religione o dalla politica, oppure da noi stessi. Film straordinario che rimane impresso nella memoria. Pietà di Kim Ki-duk segna il suo ritorno alla regia ed al concorso veneziano, dopo una stasi meditativa sui suoi fallimenti cinematografici passati e lo fa con una pellicola tagliente su un usuraio, che nel riscuotere i debiti usa metodi violenti. Un giorno, gli si presenta dinanzi una donna sostenendo di essere sua madre e la sua vita ambierà per sempre. Come sempre il cinema di Ki-duk si interroga sulla impossibilità della redenzione in un mondo dove la corruzione e il denaro ammorba le menti, fino a condurci fuori strada. La cinquième saison, produzione belga diretta da Peter Brosens e Jessica Woodworth, è un film apocalittico girato con un gran senso dell’inquietudine nel disegnare un mondo dove tutto rimane occluso da un inverno perenne, e dove l’uomo si perde irrealmente in una dimensione attonita e surreale. Brillante Mendoza, sempre in concorso, presenta la sua ultima fatica, Thy Womb, storia di una donna sterile che per amore del marito è disposta a trovargli una nuova moglie per permettergli di dargli un figlio. Nora Aunor, regina del cinema filippino e musa di Lino Brocka è al centro di questo film pregno dei temi cari al regista filippino, sempre alla ricerca di questo confronto tra l’uomo e la natura, nelle sue dinamiche più contorte e sofferenti. Nella sezione Orizzonti si è visto il documentario fluviale del regista Wang Bing, che in Tre sorelle racconta l’esistenza nella povera regione dello Yunnan, con un tocco appassionato e lucido, coinvolgendo fino alla fine. Imbarazzante Un giorno speciale di Francesca Comencini, che denuncia una pessima scrittura adottando un moralismo furbo e di maniera. Passion di Brian De Palma, ci catapulta nel thriller, specialità del maestro, dove l’inganno trova i suoi multiformi aspetti, grazie alle nuove dotazioni tecnologiche che oramai sono divenute l’estensione falsa e deplorevole del nostro io. Opera non del tutto compiuta che convince a sprazzi. Siamo agli sgoccioli e come sempre si parte con il toto scommesse per il Leone, che vede tra i favoriti le pellicole di Assayas, Ki-Duk, Anderson e il nostro Bellocchio.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner