partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 09:35

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Thirteen Days
Regia di Roger Donaldson
Cast: Kevin Costner, Bruce Greenwood, Steven Culp, Dylan Baker; drammatico; Usa; 2000; C.

 




                     di Paolo Boschi


L'ultimo film di Roger Donaldson ricostruisce nel dettaglio uno dei periodi più cruciali della storia americana recente, la cosiddetta Crisi Cubana, che nell'ottobre 1962 per tredici giorni tenne il mondo intero col fiato in sospeso, costituendo l'acme della Guerra Fredda tra Stati Uniti e U.R.S.S.: in ballo niente di meno che il terzo conflitto mondiale. Tutto prende avvio da una serie di foto scattate da un U2, un aereo-spia in missione esplorativa sui cieli di Cuba: tali diapositive dimostrerebbero che i sovietici avrebbero iniziato ad installare basi missilistiche sull'isola caraibica. Una mossa strategica inaccettabile per gli U.S.A., dato che in pochi minuti le testate nucleari russe potrebbero colpire qualunque obiettivo americano a sud di Seattle per circa ottanta milioni di vittime potenziali. La soluzione del problema costituisce il plot di Thirteen days, che ricrea realisticamente le ore estenuanti passate dal trio di protagonisti nella stanza ovale della Casa Bianca per uscire dalla crisi: il presidente John F. Kennedy, il fratello e braccio destro Bob Kennedy e Kenneth O'Donnell, segretario particolare del presidente. Il film gioca su due fronti il suo sviluppo narrativo: da un lato il versante ufficiale, con pressanti riunioni del presidente degli States con lo stato maggiore della difesa (orientato a risolvere la cosa con la forza), dall'altro il fronte privato, dall'umana prospettiva di O'Donnell, americano, prudente, pacifista e più indirizzato a mettere in piedi un difficile accordo diplomatico lavorando senza sosta dietro le quinte. Thirteen days è un thriller politico dilatato (e dettagliato) che riesce, pur non mantendendo sempre la suspense a livelli ottimali, ad illustrare con taglio documentaristico un complesso caso internazionale: le occasionali sequenze d'azione (nel caso specifico rischiosi voli di perlustrazione su Cuba) si rivelano utili a spezzare gli inserti 'decisionali' - che ripropongono, mutatis mutandis, sempre un confronto tra militari guerrafondai e politici sensati -. Alla fine, per fortuna del mondo (nel 1962) e del pubblico (adesso), la soluzione arriva, politicamente corretta quanto basta e senza troppa retorica in sottofondo: ed i fratelli Kennedy, pur con qualche indugio di troppo, ne escono incensati a livello umano e politico. Buona nel complesso la prova del cast: convincente Kevin Costner - già diretto da Donaldson nel ben più serrato Senza via di scampo -, efficaci Bruce Greenwood (il marito diabolico di Colpevole d'innocenza) e Steven Culp, entrambi somigliantissimi a John e Bob Kennedy. Ma è bene avvertire che il film richiede al pubblico un preesistente interesse per gli incidenti diplomatici....

Thirteen Days, regia di Roger Donaldson, con Kevin Costner, Bruce Greenwood, Steven Culp, Dylan Baker; drammatico; Usa; 2000; C.; dur. 2h e 25'

Voto 6½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner