partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Massimiliano Alioto
Ghosts?
Il Cinquecento a Firenze
Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna
Gelatina dura
Storie nascoste degli anni '80
La Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2017
Ai Weiwei
Bilancio di Libero
Sandro Chia
I Guerrieri di Xi’an
Carlos Bunga
La Capella
La bestia e il sovrano
(La bestia y el soberano)
Pablo Atchugarry
Il divenire della forma
La nostra storia inizia qui
The Immaterial Legacy

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2018 - 21:26

 

  home>arte > mostre

Scanner - arte
 


Gaspare Vanvitelli e le origini del vedutismo
L'evento dell'estate 2003 è già un successo
Negli Appartamenti Storici di Palazzo Reale
Reggia di Caserta

 




                     di Ilaria Monici


La Reggia di Caserta è al centro, probabilmente, dell’evento d’arte più importante dell’estate 2003.
Negli Appartamenti Storici di Palazzo Reale, infatti, è possibile visitare la mostra “Gaspare Vanvitelli e le origini del vedutismo”.
Una mostra monografica dedicata al pittore olandese Gaspar Van Witell (1652-1736), padre di quel genio dell’architettura che fu Luigi, progettista ed edificatore, appunto, della Reggia di Caserta.
E già da questo, forse si percepisce la fusione artistica e ideale dell’opera di Gaspar con quella di suo figlio Luigi. C'è, però, anche un altro motivo di non minore importanza spettacolare e scientifica.
Quella che rimarrà esposta alla Reggia di Caserta fino al 14 settembre prossimo è anche, in assoluto, la prima mostra mai realizzata sull’artista, naturalizzato italiano col nome appunto di Gaspare Vanvitelli, completa di disegni e dipinti inediti, tra i quali alcuni custoditi proprio negli archivi storici di Palazzo Reale. Infatti, considerata la particolare difficoltà di prestito delle opere, gelosamente conservate da illustri collezionisti privati, la mostra non si era mai potuta realizzare prima.
La mostra intende ricostruire, attraverso settanta dipinti e una ventina di disegni integrati dal fondo di ottantuno disegni appartenenti alla collezione della Reggia di Caserta, gli aspetti più importanti della produzione dell’artista, comunemente indicato come il precursore del vedutismo settecentesco, corrente artistica che ha nel Canaletto, il suo più noto rappresentante.
Si tratta di opere talvolta inedite o mai esposte in precedenza, che consentono di ripercorrere gli itinerari italiani dell’artista tra il Sei ed il Settecento, attraverso panorami urbani oggi scomparsi o profondamente mutati, che le sue vedute ci restituiscono così come apparivano ai primi viaggiatori del “Grand Tour”. Un’ampia sezione della mostra è quindi dedicata a Roma nei suoi aspetti panoramici e monumentali e alla ricostruzione del paesaggio urbano, che si snodava lungo il corso del Tevere.
Alcune vedute documentano invece gli itinerari dell’artista nei dintorni della città. Il percorso espositivo è infatti arricchito dalle splendide veduta della zona dei Castelli Romani, dal Convento di S.Paolo di Albano alle vedute di Marino, Palo e Tivoli, alcune provenienti da importanti istituzioni museali italiane come la Galleria Palatina e la Galleria degli Uffizi.
I viaggi che negli ultimi due decenni del Seicento condussero l’artista in Lombardia e a Venezia, passando per Firenze e Bologna, sono ricostruiti attraverso sei dipinti: di particolare interesse sono le vedute di Venezia, tra cui la superba veduta del molo, della piazzetta e del Palazzo Ducale proveniente dalla prestigiosa raccolta del Museo Nacional del Prado di Madrid, con le quali Vanvitelli inaugura il vedutismo di soggetto veneziano.
Il soggiorno a Napoli, dove l’artista lavorò tra il 1699 e il 1702 al servizio del viceré spagnolo, il Duca di Medinaceli è infine documentato da quattro splendide vedute (provenienti dalla raccolta del Duca di Medinaceli) attualmente appartenenti a collezioni inglesi e spagnole per la prima volta riunite in una mostra e da una veduta della Darsena di proprietà della Galleria Sabauda, eccezionalmente concessa per la terza tappa. Conclude la rassegna un piccolo gruppo di vedute d’invenzione.
Invece, i metodi di lavoro dell’artista e i suoi itinerari italiani sono documentati dai disegni preparatori, mai esposti, e raramente riprodotti in maniera adeguata, conservati presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e presso il fondo della Reggia di Caserta.
Le vedute di Gaspare Vanvitelli sono presentate secondo nuclei di interesse tematico e, ove possibile, raggruppate a seconda dell’antica provenienza. Una particolare attenzione è dedicata alle vedute eseguite a tempera su pergamena (gentilmente concesse in gran parte dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Roma), tecnica peculiare dell’artista, che gli permetteva un’esecuzione minuziosissima dei dettagli e contemporaneamente una splendente luminosità pittorica.
Il catalogo (unico) della mostra è edito da Arte Editore di Roma e documenta la mostra nelle sue tre tappe italiane (prima di Caserta a Roma, presso il Chiostro del Bramante dal 26 ottobre 2002 al 2 febbraio 2003; e a Venezia, presso il Museo Correr dal 28 febbraio al 18 maggio 2003) raccogliendo testi, saggi e immagini che forniscono una panoramica pressoché completa dell’opera di Van Wittel.
L’iniziativa è organizzata dalla Soprintendenza e si inserisce nell’ambito delle attività di promozione e valorizzazione del Complesso Monumentale di Caserta, da poco arricchito dalle affascinanti suggestioni dei percorsi di luce del Parco by night e più in generale del patrimonio artistico del territorio.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner