partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Massimiliano Alioto
Ghosts?
Il Cinquecento a Firenze
Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna
Gelatina dura
Storie nascoste degli anni '80
La Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2017
Ai Weiwei
Bilancio di Libero
Sandro Chia
I Guerrieri di Xi’an
Carlos Bunga
La Capella
La bestia e il sovrano
(La bestia y el soberano)
Pablo Atchugarry
Il divenire della forma
La nostra storia inizia qui
The Immaterial Legacy

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/09/2018 - 21:38

 

  home>arte > mostre

Scanner - arte
 


Futurismo 100
3 mostre dedicate al centenario
Celebrazioni del futurismo e del centenario del Manifesto futurista
Al MART di Rovereto Illuminazioni - Avanguardie a confronto. Italia, Germania, Russia (17 gennaio-7 giugno 2009), dal 5 giugno al 4 ottobre 2009 è il turno di Astrazioni al Museo Correr di Venezia, mentre dal 15 ottobre 2009 al 25 gennaio 2010 si tiene al Palazzo Reale di Milano Simultaneità

 




                     di Giovanni Ballerini


A cento anni dalla sua pubblicazione, il Manifesto del Futurismo è ancora oggi un esempio mirabile di originalità, emblema di quel desiderio di innovazione che pervadeva il primo grande movimento d’avanguardia italiano, fondato nel 1909 da Filippo Tommaso Marinetti.  

La mostra Illuminazioni - Avanguardie a confronto. Italia, Germania, Russia inaugura al MART di Rovereto le celebrazioni del futurismo e del centenario del Manifesto futurista. In realtà con il progetto Futurismo100, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, nell'arco del 2009 vengono organizzate tre esposizioni: dal 17 gennaio al 7 giugno 2009 la mostra del Mart di Rovereto, dal 5 giugno al 4 ottobre 2009 è il turno di Astrazioni al Museo Correr di Venezia, mentre  dal 15 ottobre 2009 al 25 gennaio 2010 si tiene al Palazzo Reale di Milano Simultaneità.

Nella prima mostra al MART di Rovereto vengono indagate le complesse e spesso inedite relazioni tra i futuristi e i più importanti esponenti delle avanguardie russe e tedesche. Da una parte vengono prese in esame le relazioni con gli artisti che hanno partecipato alla storia artistica tedesca di "Der Sturm" a dimostrazione di quanto il futurismo ebbe forti legami con il paese dell'espressionismo. Dall'altra il leggendario viaggio di Marinetti in Russia nel 1914 fornisce il filo conduttore per analizzare i rapporti con i pittori cubo-futuristi russi. Fu infatti un intreccio fondamentale quello sviluppatosi a tutto campo tra Roma, Parigi e Mosca tra i pittori futuristi e gli artisti russi.

Il progetto a cura di Ester Coen è l’appuntamento italiano più atteso delle celebrazioni del Centenario, perché propone attraverso le tre esposizioni, una rilettura inedita del futurismo, avanguardia artistica di cui restano ancora poco indagate le relazioni con la più audace sperimentazione europea dei primi del ‘900.

L’intreccio di nuove visioni, tecniche e linguaggi rivoluzionari che, quasi in assenza di confini geografici, ha percorso i primi due decenni del secolo passato, sarà illustrato attraverso il dialogo tra le mostre, ospitate non a caso in città la cui storia è strettamente connessa, in positivo e in negativo, al movimento futurista: Rovereto, Venezia e Milano.

La mostra al Mart di Rovereto indaga le complesse e spesso inedite relazioni tra i futuristi e i più importanti esponenti delle avanguardie russe e tedesche. Da una parte vengono prese in esame le relazioni con gli artisti che hanno partecipato alla storia artistica tedesca di “Der Sturm”, come Marc Chagall, Vasilij Kandinskij, Paul Klee, August Macke, Franz Marc, a dimostrazione di quanto il futurismo ebbe forti legami con il Paese dell’espressionismo. Dall’altra il leggendario viaggio di Marinetti in Russia nel 1914 – di cui il Mart pubblica in coincidenza con la mostra il primo inedito resoconto visto dagli occhi di uno storico dell’arte russo, il moscovita Vladimir Lapšin di recente scomparso – fornisce il filo conduttore per analizzare i rapporti con i pittori cubo-futuristi russi. Fu infatti un intreccio fondamentale quello sviluppatosi a tutto campo tra Roma, Parigi e Mosca tra i pittori futuristi e gli artisti russi, da Mikhail Larionov a Alexandra Exter, da Natalia Goncharova a Olga Rozanova e molti altri ancora.
Il 17 gennaio 2009, in occasione del Centenario del futurismo, viene riaperta al pubblico, dopo un lungo restauro a cura dell’architetto Renato Rizzi, la Casa d’Arte Futurista Fortunato Depero. Rovereto recupera così uno dei centri di produzione culturale della città, uno spazio museale completamente rinnovato studiato per presentare parti importanti della Collezione Depero, come le grandi tarsie di panno, che costituiscono il tesoro più prezioso e più originale della sua ricchissima Raccolta.

L’editore ufficiale di FUTURISMO100 è Electa, che pubblica tre cataloghi che propongono, accanto alle opere esposte nelle singole esposizioni, una raccolta di manifesti, scritti teorici, lettere e documenti di archivio – in parte inediti - degli artisti e ai temi scelti per ogni mostra.
Questi materiali riuniti in ogni pubblicazione riscrivono la storia artistica delle avanguardie storiche secondo la prospettiva dei protagonisti del periodo, creando un avvincente racconto di corrispondenze e di articolati intrecci artistici. Una forma nuova di catalogo, dalle radici profondamente scientifiche, che costituisce la proposta di una rilettura del primo ventennio del ‘900, attraverso fonti e voci originali.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner