partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Massimiliano Alioto
Ghosts?
Il Cinquecento a Firenze
Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna
Gelatina dura
Storie nascoste degli anni '80
La Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2017
Ai Weiwei
Bilancio di Libero
Sandro Chia
I Guerrieri di Xi’an
Carlos Bunga
La Capella
La bestia e il sovrano
(La bestia y el soberano)
Pablo Atchugarry
Il divenire della forma
La nostra storia inizia qui
The Immaterial Legacy

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/06/2018 - 08:47

 

  home>arte > mostre

Scanner - arte
 


Francois Xavier Fabre
Fortuna e gusto di un pittore neoclassico
Fabre e l’Italia. grande retrospettiva
Dall’11 marzo al 2 giugno 2008 alla GAM di Torino

 




                     di Loredana Carena


Sino al 2 giugno 2008 è possibile visitare alla Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino un’ampia ed approfondita retrospettiva, realizzata dal Musée Fabre di Montpellier, dedicata a Francois Xavier Fabre (1766 – 1837), pittore particolarmente apprezzato ed ammirato dai suoi contemporanei e recentemente rivalutato nell’ambito degli studi sul Neoclassicismo.

Attraverso una selezione di 94, tra i suoi più importanti dipinti, e oltre 50 disegni è possibile ripercorrere le tappe salienti della carriere di questo artista, definibile come neoclassico nel genere del ritratto e della pittura di storia, e come un “quasi indeciso romantico” nel genere del paesaggio.

Fabre nasce a Montpellier nel 1766 da una famiglia modesta e tradizionalista che gli consente di svolgere i primi studi artistici alle “Scuole di disegno” pubbliche e gratuite, finanziate dalla “Societè des Beaux Arts”, fondata nel 1779. Il pittore Jean Coustou è il primo maestro di Fabre a cui seguirà, nel 1783, Jacques Louis David, celebre pittore di storia dallo stile anticheggiante, severo e realistico che lascerà un’impronta inconfondibile ed indelebile in tutta la produzione artistica successiva dell’appena diciassettenne Fabre.

Nel 1787 il giovane pittore di Montpellier vince l’ambito Prix de Rome per la pittura con “Nabucodonosor che fa uccidere i figli di Sedechia” e, nello stesso anno, lascia Parigi alla volta dell’Italia con l’intento di trovarsi un posto nell’ordinamento artistico e sociale dell’Ancien Regimé. Da questo momento in poi i legami tra Fabre e il nostro Paese saranno sempre più stretti ed, in particolar modo, con Firenze, città dove l’artista viene accolto dalla contessa Luisa Von Stolberg, contessa d’Albany, e il poeta e letterato Vittorio Alfieri con i quali stringe una profonda amicizia, testimoniata dai diversi ritratti che Fabre realizza dei due storici personaggi. Ed è proprio in Toscana che il pittore francese inizia la sua lunga ed intensa carriera di ritrattista dell’elite cosmopolita dell’epoca, venendo apprezzato anche per le sue doti di pittore di storia e di paesaggio.

Tra il 1793 e le prime decadi <>del XIX secolo Fabre inizia a creare una preziosa collezione d’arte che nel 1817 viene sistemata in un piccolo palazzo del quartiere fiorentino di Santo Spirito, acquistato appositamente per tale scopo.

Nel 1822 l’artista parte per Parigi per riuscire a portare a compimento il progetto di donare la sua intera collezione a Montpellier. Due anni dopo, in seguito alla scomparsa dei fedeli amici, Vittorio Alfieri, morto nel 1803, e la contessa d’Albany, deceduta nel 1824, Fabre, ormai gravemente minato nella salute dalla gotta, si trasferisce definitivamente nella sua città natale ( vi morirà nel 1837) dove si dedica ad ordinare e ad arricchire la propria collezione d’arte con la finalità di creare un museo avente il proprio nome. Fabre dedicherà gli ultimi anni della sua vita alla Scuola di Belle Arti, alla biblioteca e al museo, di cui fu il primo direttore, ricevendo per tale impegno i titoli di cavaliere della Legione d’Onore e di barone.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner